Nessuno è colpevole Nessuno è colpevole

Nessuno è colpevole

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

La terza indagine dell'archivista della polizia di Boston Arthur Jelling. È stato ucciso un uomo durante una partita di caccia, e il suo compagno è reo confesso, senza dubbi, senza tentennamenti, con piena convinzione di tutti. Solo Jelling resiste all’acquietamento generale e per dimostrare la sua ragione si intestardisce nella più astrusa delle dimostrazioni per assurdo. Avendo archiviato casi su casi, lui sa benissimo che la realtà supera sempre la fantasia.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Nessuno è colpevole 2011-06-01 12:31:44 Marghe Cri
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Marghe Cri Opinione inserita da Marghe Cri    01 Giugno, 2011
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Delizioso Scerbanenco

Un giallo all’inglese, di quelli in cui la soluzione al mistero si trova più nell’elaborazione del ragionamento e nell’intelligenza dell’investigatore che nelle indagini sul luogo del delitto o attraverso gli interrogatori dei sospetti.
“Nessuno è colpevole” è un giallo complesso, che dalle prime pagine appare fin troppo semplice: il colpevole si presenta presso l’ufficio di polizia per costituirsi dopo aver ucciso un amico durante una partita di caccia.
Illustra ampiamente anche il movente, legato alla morte di una donna che entrambi hanno amato.
L’archivista Jelling della Polizia di Boston, una specie di Sherlock Holmes timido ed intelligente ma privo dell’arroganza intellettuale dell’investigatore di Conan Doyle, ha la sensazione che non tutto quadri nel racconto dell’assassino e …
Beh, è un giallo, no? Bisogna leggerlo e goderselo!
Come sempre con Scerbanenco, un libro intelligente, ben scritto e godibile.

"I grandi dolori non passano col tempo.
Siamo noi che passiamo, noi che mutiamo, che finiamo col diventare diversi, come altre persone, e quindi incapaci di soffrire per gli stessi dolori per i quali soffriva il nostro io di prima..."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
a chi ama i gialli intelligenti
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il morso della vipera
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il borghese Pellegrino
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il dolce domani
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La congregazione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La strada di casa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Questa tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Giura
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'enigma della camera 622
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
La nostra folle, furiosa città
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le imperfette
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Kaddish.com
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri