Ombre sotto i portici Ombre sotto i portici

Ombre sotto i portici

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Bologna, metà degli anni Settanta. A Sarti Antonio, sergente, sembra un caso davvero facile, almeno sulle prime. Chi può aver fatto fuori la vecchietta, se non uno dei quattro extraparlamentari che egli stesso ha visto entrare in casa della Scampini all'ora del delitto? Per una volta, anche l'ispettore capo Raimondi Cesare sembra essere d'accordo: sono stati senza dubbio i quattro giovani. Ma, sul più bello, per Sarti Antonio le cose si complicano: dove sono i giovani, e perché gli eredi della Scampini dicono tutte quelle bugie?



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Ombre sotto i portici 2012-07-09 19:46:06 cuspide84
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
cuspide84 Opinione inserita da cuspide84    09 Luglio, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

QUANDO LE COSE NON HANNO NE' CAPO NE' CODA

Siamo nella Bologna degli anni settanta, una Bologna decisamente diversa da quella dei giorni nostri, più bella, più pulita, più... bolognese, ma non per questo meno suggestiva e misteriosa di oggi, con quelle ombre sotto i portici che ti ingannano, che ti fanno credere chissà cosa, con quella Piazza Maggiore che quando ci entri sembra che ti abbracci calorosamente e non ti voglia più lasciare, con quel vicolo di stradine strette, intricate e labirintiche che regalano allo sguardo scorci meravigliosi e ti sorprendi a fermarti per ammirarli e pensare “Ma quant'è bella la mia città!?”.
Piccola premessa per dire che non potrò essere molto imparziale nella recensione di questo libro, almeno per quanto riguarda l'ambientazione!

In questa nuova indagine (la terza) il sergente Sarti Antonio si trova a dover trovare il colpevole dell'omicidio di una “dolce e cara vecchietta”, uccisa in un ex casino, una “casa dalle persiane chiuse” (un bordello) di cui si scoprirà essere stata la tenutaria. Vari indizi portano il nostro protagonista a sospettare di numerosi personaggi che compaiono in questo breve romanzo: quattro giovani di sinistra che vengono visti entrare nello stabile luogo del delitto, uno scrittore di gialli (tale Loriano Macchiavelli) amico della vecchina, il genero di quest'ultima ovvero l'archi-pitto-scultore Vincenzo Letizia, il geometra del Comune, una giovane e bella fanciulla.... ma chi è implicato nella faccenda??
Grazie all'aiuto di Rosas, studente anarchico dotato di un fiuto alla Sherlock Holmes, Sarti riuscirà a risolvere questo caso, così apparentemente contorto, nonostante le vessazioni del suo capo e nonostante la sua colite cronica (colpa dello stress o dell'abuso di caffeina?)!

Un romanzo scritto bene, semplice ma intricato, breve ma complesso, che si legge tutto d'un fiato e che ti catapulta non solo nella Bologna di trentanni fa, ma anche nell'Italia di quel periodo, quando il nostro paese era lo scenario di numerosi attentati sanguinari, qui si fa riferimento a quello avvenuto a Brescia, in Piazza della Loggia, sei morti e ottanta feriti, ma anche alla strage di Piazza Fontana.
Un libro per ritrovarsi a percorrere le strade della propria città con una predisposizione d'animo più noir... un libro per non dimenticare... un libro per capire che il tempo passa, ma la speculazione edilizia resta.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Gli altri libri di Macchiavelli e superconsigliato a chi è di Bologna!
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Ombre sotto i portici 2010-11-22 09:12:16 gracy
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
gracy Opinione inserita da gracy    22 Novembre, 2010
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Bologna la dotta!

Siamo sempre a Bologna, sono gli anni Settanta, si consuma un omicidio insolito, intanto al Sanleonardo scoppiano i "soliti tafferugli di sinistra", quattro compagni sono indagati. Di questa trilogia è quello che ho maggiormente apprezzato, Sarti è più "maturo" e la storia è davvero un inno appassionato di quell'Italia che mi piace leggere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I primi due del sergente Antonio Sarti.
Trovi utile questa opinione? 
21
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Labirinti
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Genitori cercasi
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quel che ci tiene vivi
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Max e Flora
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Café Royal
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Freddo nelle ossa
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
Il passeggero
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Città di sogni
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Una brava ragazza è una ragazza morta
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Piero fa la Merica
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Vecchiaccia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Dipendenza
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Guaio di notte
Il Re del gelato
La fine è ignota
La libreria dei gatti neri
Requiem per un killer
Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Bell'abissina
Intrighi e morte sull'Adda
La casa delle luci
Giallo sulla Riviera del Corallo
Il male che gli uomini fanno
Chi si ferma è perduto
Quella notte a Valdez
Il liceo
Dalle nove a mezzanotte
Questioni di sangue