Narrativa italiana Gialli, Thriller, Horror Peccato mortale. Un'indagine del commissario De Luca
 

Peccato mortale. Un'indagine del commissario De Luca Peccato mortale. Un'indagine del commissario De Luca

Peccato mortale. Un'indagine del commissario De Luca

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Quello tra il 25 luglio e l'8 settembre del 1943 è un periodo strano, allucinato. L'Italia si sveglia una mattina senza più il fascismo e praticamente la mattina dopo con i tedeschi in casa. Proprio nel caos di quei giorni De Luca, in forza alla polizia criminale di Bologna, si trova a indagare su un corpo senza testa. Semplice, perché in fondo si tratta di un omicidio, un lavoro da cane da caccia: chilometri a vuoto, piste da seguire e qualche cazzotto da mettere in conto se ficchi il naso dove non dovresti. Complicato, perché la vicenda assume presto risvolti politici che, date le circostanze, diventano molto pericolosi. Comunque sia il caso, è nella natura di De Luca, va risolto. Sempre. Anche a costo di accettare un compromesso.

Recensione della Redazione QLibri

 
Peccato mortale. Un'indagine del commissario De Luca 2018-09-08 07:38:27 ornella donna
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    08 Settembre, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un ritorno al passato per De Luca

Ritorna il commissario De Luca, personaggio di fantasia nato dalla penna capace di Carlo Lucarelli ne Peccato mortale. Un commissario di grande fascino, particolare, solitario, spesso in preda ad una strana ansia, che si tramuta repentinamente in angoscia. Sempre all’inseguimento della verità, a qualunque costo, per cui:
“Quando racconti le tue cose ci metti una foga, una smania, ti brillano gli occhi come …. Lui dice che ci vede Il Senso della Verità e della Giustizia”.
In questo libro è alle prese con strani accadimenti. Si ritrova, infatti, con:
“un corpo senza testa e una testa senza corpo”.
A lato la cattura di un uomo colpevole di praticare la Borsa Nera, ovvero di rivendere a prezzo esoso cibarie varie ed ogni genere di approvvigionamento, pratica a quei tempi molto diffusa e alquanto riprovevole. Siamo in un periodo brutto, per cui:
“sono brutti momenti, ragazzo mio, e può succedere di tutto. La gente ha bisogno di stare calma, pensare a cose belle e farsi coraggio e queste storie di morti strani che fanno paura non aiutano.”.
Il periodo che va dal 25 luglio all’8 settembre 1943 è un periodo strano, privo di regole, tempo di scontri:
“E’ incredibile che qui a Bologna ci siano stati solo un ferito ieri e uno ieri l’altro. A Reggio Emilia, alle Officine Reggiane,l’esercito ha sparato e a ucciso nove manifestanti. A Bari altri nove, con più di quaranta feriti. Che volete, non basta cambiare il direttore del “Resto del Carlino” e liberare due antifascisti, la gente fa la coda per il pane, ha paura delle bombe e non vuole più la guerra. Mussolini non c’è più, dice, e allora perché stiamo ancora così, con le zucchine a tre lire al chilo e i mariti e i figli al fronte. E poi ci sono i comunisti con le bandiere rosse, che alzano la testa, non è che per loro finisce tutto con gli spazzini del Comune che ramazzano le cimici e i vetri dei ritratti del duce buttati giù dalle finestre. (…) ma questo paese, De Luca, questa città sono una polveriera pronta ad esplodere.”.
Da una parte i fascisti, dall’altra i tedeschi. De Luca è
“un morto che cammina”,
ma non demorde. Il suo fiuto è infallibile, e gli suggerisce la soluzione. Quella giusta è in sintonia con i tempi, complicata e porta con sé il dover scendere a compromessi. Ma ….
Un ottimo romanzo, scritto con una prosa elegante ed introspettiva. Non comunica mai angoscia disfattista, ma, si cerca sempre di costruire e di giungere a capo dell’enigma. Molto ben descritta l’ambientazione e i fatti storici del periodo; frutto di una ricerca, che si percepisce bene, molto articolata e profonda. Il dolore e la sofferenza del passato fa da sfondo all’interno di una narrazione brillante e di profondo spessore. Ottima lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha amato i precedenti libri di Carlo Lucarelli con protagonista il commissario De Luca (Via delle Oche..)
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Nel muro
Valutazione Utenti
 
1.8 (1)
Donne che non perdonano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uno sporco lavoro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La misura dell'uomo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli squali
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Andiamo a vedere il giorno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Crooner
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Senza mai arrivare in cima. Viaggio in Himalaya
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vincoli. Alle origini di Holt
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il Monaco di Mokha
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordi dormienti
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nemici. Una storia d'amore
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri