Polvere Polvere

Polvere

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


È spietata, la polvere, quando si posa sulla vita di un uomo. Pietro Clostermann ha lasciato che sulla propria si accumulasse per anni e non ha alcuna intenzione di scrollarsela di dosso. Da quando ha ingiustamente perso il lavoro di capo della sicurezza per una grossa azienda, è un disoccupato che alza un po’ troppo il gomito e ha come unico amico un gatto al quale non ha mai dato nome. Ma a lui va bene così: se non ti leghi a nessuno, nessuno può deluderti. Poi una mattina si presenta alla sua porta un’anziana vicina di casa bisognosa d’aiuto; anche la sua vita è distrutta, perché pochi mesi prima la figlia Silvia è stata uccisa in circostanze che la polizia non ha saputo o voluto chiarire. Pietro non avrebbe alcun titolo per immischiarsi in quella storia – e in questura c’è almeno una persona che non sarebbe troppo felice di vederselo ricomparire davanti – eppure, impietosito dalla donna, si costringe ad accettare la sfida. La polvere inizierà lentamente a sollevarsi, liberandolo dalla piacevole narcosi dell’indifferenza, ma nessuna occasione di riscatto è priva di un prezzo da pagare. E il destino a volte lo incontri proprio sulla strada che stavi facendo per evitarlo. Enrico Pandiani racconta un pugno di esistenze che cercano di reagire al male, sullo sfondo di una Torino multietnica e postindustriale che ricorda i sobborghi delle grandi metropoli.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (2)
Contenuto 
 
5.0  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Polvere 2018-09-10 08:26:31 Pelizzari
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    10 Settembre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dal grigio all'arcobaleno

Bellissima storia con un protagonista grigio, alle prese con una lenta caduta personale, priva di emozioni, che si abbandona all’apatia e che si chiude in se stesso. Vicende professionali e personali lo fanno diventare come la polvere, ovvero si deposita e smette di muoversi nell’aria. Finchè arriva una signora anziana, una vicina di casa, che gli affida un compito: chiudere la sua ferita più grande, ancora sensibile ad ogni minimo tocco. Questo compito, preso inizialmente di malavoglia, diventa per lui uno scopo e gli permetterà di vedersi aprire davanti tutta una gamma di possibilità e di colori, che lo riporterà alla vita, permettendogli di scrollarsi di dosso la polvere dell’indifferenza e permettendo di chiudere tante ferite importanti, sue e delle persone che gravitano nel suo mondo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Polvere 2018-04-17 14:03:49 ornella donna
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    17 Aprile, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una esistenza "polverosa"

Enrico Pandiani, dopo aver firmato con successo il ciclo de “Les Italiens”, approda in libreria con una nuova fatica letteraria: Polvere. Un romanzo differente dai precedenti, meno violenza, più sentimento e più cuore. Uno dei romanzi che può definirsi come uno dei più sensuali nel panorama odierno dell’editoria.
La polvere è la protagonista indiscussa di questa vicenda. E’ quel leggero pulviscolo che si posa leggero e leggiadro sulla esistenza umana, e piano piano, giorno dopo giorno, si sedimenta, per non staccarsi più, e condanna all’indifferenza più totale. E’ quello che è accaduto a Pietro Clostermann, per cui:
“Diventi come la polvere, ti depositi e smetti di muoverti nell’aria. Quando me ne sono reso conto, mi aveva già ricoperto.”
Un uomo, un tempo libero, con un incarico importante: addetto capo alla sicurezza per una grande azienda,
“di Pietro rassicurava l’aria mite. (…)i suoi capelli folti, spettinati, con le basette che scendevano fino a metà della guancia e lo facevano somigliare al personaggi di un film degli anni Settanta.”.
Poi l’accusa infamante, il doppio gioco della polizia, la decisione irrevocabile di smettere di lottare, la chiusura totale in un bozzolo rassicurante, dove non c’è più nulla e nessuno, dove non c’è aspettativa e di conseguenza delusione. Lui passa le giornate chiuso in casa, a bere e ad accudire teneramente un gatto che lo ricambia a modo suo. Unica particolarità che lo distingue ancora dall’anonimato: il disegno, per cui:
“mentre la punta della matita correva grattando sulla carta si rese conto che attraverso il disegno riusciva a vedere più chiaramente la realtà delle cose, ne isolava i particolari rendendoli trasparenti, più facilmente interpretabili. Era sempre stata una sua peculiarità.”
Costui, un giorno, è costretto ad uscire dal suo isolamento: la visita inaspettata di Rosa, sua vicina di casa, lo costringe
“ad una attività che da tempo non aveva più voglia di fare: pensare.”
La povera donna ha subito un lutto da cui è difficile risollevarsi: la figlia Silvia, dopo essere stata rapita, viene uccisa e il colpevole non è per nulla assicurato alla giustizia. Pietro non avrebbe le caratteristiche né i titoli per svolgere alcuna indagine, e pur sapendo che operando in tal senso provocherà le reazioni di quella polizia che già molto lo aveva ferito, non riesce a negare il suo aiuto. Così la polvere che aveva chiuso il suo cuore in una stretta morsa di indifferenza, si solleva, con cautela, donandogli quella libertà perduta. Ma tutto ha un suo prezzo e il destino metterà il suo zampino.
La lettura di un libro che mi ha emozionato in modo particolare. La descrizione perfetta e precisa di alcuni luoghi (C.so Dante, il cavalcavia, via Nizza, C.so Bramante) , che sono stati i luoghi della mia infanzia e di parte della mia vita, ha suscitato sentimenti mai sopiti. La Torino descritta da Pandiani è multietnica e postindustriale, è:
“una metropoli stratificata dalla bellezza astratta e premeditata, fatta di cambiamenti, spostamenti, ripensamenti, idee azzeccate e di altre più infelici. La città cambia in continuazione, con la luce, con il tempo, durante le ore del giorno. E’ capace di sorprenderti, anche se la abiti da tutta una vita. E’ come se ti facesse l’occhiolino e ti dicesse: “Ogni tanto, dammi un’occhiata.”
Un viaggio all’interno di una storia noir, intima ed intimistica, un ottimo esempio di narrazione e di perfetta costruzione della trama. La psicologia e la realtà dei personaggi descritta minuziosamente, fanno di questo una lettura avvincente ed intrigante come non mai.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto ed amato tutti i libri di Enrico Pandiani, dal ciclo de "Les italiens" a Un giorno di festa, il più attuale.
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Le rughe del sorriso
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bontà
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il giro dell'oca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
The Game
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rumore del mondo
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Suite 405
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Addio fantasmi
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
L'unica storia
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'uomo che trema
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Isola di neve
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Khalil
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sono corso verso il Nilo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri