Ragione da vendere Ragione da vendere

Ragione da vendere

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Parigi non è un posto tranquillo. E les italiens, i flic del commissario Pierre Mordenti, lo sanno bene. Ad alzare la temperatura, oltre alla canicola provvede il piombo dei fucili mitragliatori e così anche una placida notte di fine agosto può trasformarsi in bagarre. È quello che capita a Pierre e al collega Alain Servandoni, coinvolti per caso nell’assalto a mano armata a un furgone. Di colpo la quiete estiva va in frantumi e i “maledetti italiani” si trovano risucchiati in una caccia senza quartiere a una preziosa opera d’arte scomparsa nel nulla. Sono della partita anche un equivoco poliziotto inglese, uno spregiudicato ricettatore vietnamita e una femme fatale perfida e manipolatrice. In un inestricabile gioco di menzogne, tutti sono disposti a tutto pur di far valere le proprie ragioni e arraffare il tesoro. Mentre Mordenti cerca di preservare la relazione con Tristane Le Normand, figlia del gran capo della Crim, la ricerca dell’antico manufatto prende una piega inattesa, costringendo i cacciatori a rischiare quello a cui tengono di più. In un poliziesco che ricorda le atmosfere del miglior hardboiled di Dashiell Hammett, Enrico Pandiani mette i suoi personaggi davanti al bivio della scelta, e della tentazione. Perché se è vero che ogni uomo ha il suo prezzo, allora quello che conta è rimanere fedeli a se stessi.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Ragione da vendere 2019-03-14 14:05:22 ornella donna
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    14 Marzo, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

settima puntata per les italiens


Con Ragione da vendere, Enrico Pandiani, torna sulla scena letteraria con una nuova puntata che vede protagonisti i membri des Italiens. Chi sono les italiens? Sono un gruppo di oriundi italiani in fora al Quai des Orfèvres di Parigi, legati tra loro da un forte senso di amicizia, capitanati da Patrick Le Normand, detto:
“Detto il gran patron , l’uom di sasso o il pezzo di granito in forma umana- è il direttore delle brigate della polizia giudiziaria. Lui non parla, abbaia; non guarda, fissa; non ti si rivolge, ti fa il mazzo.”
Les italiens:
“è così che ci chiamano alla Crim, perché quella è la nostra origine, che piaccia o meno. Siamo una squadra e una famiglia, ognuno di noi è scampato alla strada e alla vita, e stringendo i denti è arrivato fin qui.”
Questa volta affrontano un caso del tutto particolare: in una tranquilla notte d’agosto avviene l’assalto da parte di una banda armata ad un furgone portavalori. E’ giocoforza assistere in diretta per il commissario Mordenti e per il suo fido Servandoni ad una sparatoria, dove ci scappa pure il morto. Infatti viene ucciso un cittadino britannico, recatosi in Francia per trattare l’acquisto di oggetti di valore inestimabili. E nello stesso tempo viene, anche, rapita una giovane donna, suo avvocato. Come si collegano i due fatti? La trama è fitta e complicata e rischia di mettere in discussione anche i rapporti internazionali con la Gran Bretagna e non solo. Per il commissario Mordenti e i suoi un caso complesso da risolvere, in un momento delicato per loro, che vede il triste e malinconico trasloco dal famoso 36 Quai des Orfèvres ad una sede periferica più grande, ma molto meno pregnante di significati. Per cui:
“I nostri uffici sembravano una topaia. Ma erano i nostri uffici, il posto dove avevo passato buona parte della mia vita. Comunque sarà doloroso lasciare il cuore di Parigi, questo quartiere, i bistrot dove conoscono le nostre abitudini. E per cosa? Per seppellirci alla Porte de Clichy. Ho paura che la grande boite mi mancherà.”
A complicare indagini già molto delicate anche l’avvento sulla scena di una bella e misteriosa investigatrice torinese, con la quale Mordenti sente di avere qualcosa in comune, ma che non riesce ad individuare con precisione, per cui:
“Mentre la stringevo e sentivo il suo cuore battere contro il mio, ho provato una sensazione particolare, come se lei e io fossimo legati da una sorta di passato comune.”
Una storia intrigante ed affascinante, ricca di colpi di scena. Da notare la delicatezza con cui Enrico Pandiani va delineando figure femminili complesse ed intricate, sempre trattate e descritte con rara gentilezza e una delicatezza da ammirare. Di rara sapienza letteraria è la descrizione del mondo dell’arte e del particolare connubio con la musica, narrati con puntigliosità e precisione di ricerca.
Un libro che mescola azione ed investigazione, con particolare riflessione sul significato di quest’ultima, per cui:
“La bellezza di questo lavoro è legata al grado di doppiezza che capita di trovarsi davanti, alla quantità di elementi che possono portarti fuori strada e allo sforzo richiesto per evitarli.”.
Infine un particolare plauso ad un autore che da ben sette puntate pubblica una serie di grande fascino, che non annoia mai il lettore, che, al contrario, viene coinvolto in un vortice sensazionale di emozioni e di colpi di scena. Un libro che mescola con erudizione le atmosfere tipiche dei gialli hard-boiled alla Dashiell Hammett a quelle del noir classico. Una lettura trascinante ed avvincente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha amato la serie des italienes di Enrico Pandiani, e i libri di Dashiell Hammett, in specie il Falco maltese.
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La notte più lunga
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri