Senza movente Senza movente

Senza movente

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Nicola Serra, capitano dei carabinieri di Roma, è in Francia per trascorrere le vacanze insieme alla famiglia della sua compagna, Marion. Purtroppo il loro arrivo è segnato dalla tragica morte di Jeanud Modan, un caro amico della zia Annie, una donna fragile e sensibile, letteralmente sconvolta dall'accaduto. Annie è infatti convinta che la morte di Jeanud non sia avvenuta per cause naturali. Nel frattempo, in Italia, una donna muore nel bagno dell'appartamento di Nicola, per overdose. La vittima, Imma, ha una relazione con una collega di Nicola, Sara Vittorini, che inizia a indagare sulla vicenda. Quando una dose di cocaina viene rinvenuta nella libreria dell'appartamento in cui è stato trovato il cadavere, si comincia a sospettare di Nicola, che però è impegnato nelle indagini sull'incidente avvenuto in Francia. È tutto un piano di Imma per incastrarlo? Amava Sara o voleva solo adescarla per i suoi scopi? La spirale di morte è appena cominciata e tanto a Roma, quanto in Francia, niente è quello che sembra.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Senza movente 2018-03-02 15:00:30 ornella donna
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    02 Marzo, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Doppia indagine nel mondo del male

Dopo aver pubblicato, con successo, Inquietante delitto in Vaticano, torna Flaminia Mancinelli con Senza movente, che vede sempre protagonista l’ottimo capitano Nicola Serra.

Senza movente è un bellissimo giallo, intrigante ed avvincente, fino all’ultima pagina. In questo nulla è veramente come appare, e districare un simile intreccio di depravazione e male assoluto non sarà un fatto da niente.

L’intreccio narrativo si svolge su due piani distinti, ma intrecciati nella sua profondità. Il capitano Nicola Serra è andato in vacanza nella Bretagna con la sua compagna Miriam Calvè. Lì assiste, impotente, ad un drammatico evento che segna questa famiglia: la scomparsa della zia di Marion, Annie Danton, sparita improvvisamente dopo aver appreso della tragica ed alquanto inquietante morte di un suo caro e vecchio amico, Jeanud Modan. Nicola si sente emotivamente coinvolto, anche perché si susseguono altre scomparse ed altre morti. Le indagini compiute, in collaborazione con la Gendarmerie francese mettono in luce una storia che affonda le radici in un passato remoto, morboso e tragico, dove:

“i mostri avevano subito la peggiore delle privazioni: a loro era stata negata ogni forma d’amore.”

Ed essi l’avevano preclusa ai loro simili. E’ questo il comune denominatore di queste storie, l’amore negato in tenera età, le violenze fisiche e morali subite, la mente che replica ciò che si è subiti, il rifiuto di chi consideriamo “diverso”, l’ipocrisia della società.

Parallelamente a Roma nell’appartamento di Serra muore per overdose una giovane donna e un’altra, in avanzato stato di decomposizione, viene trovata a pochi giorni di distanza. Nello stesso luogo vengono anche trovate una notevole quantità di dose di droga. Chi sta cercando di macchiare la perfetta figura di Nicola Serra? E perché? Un uomo, per di più, di ottima preparazione e conoscenza professionale. Una lunga catena di omicidi unisce Roma e la Normandia, e il filo conduttore è che appaiono tutti senza movente, che in realtà è celato ed insito nella stessa fragilità dell’essere umano. Flaminia Mancinelli è brava nel dar vita a una storia coinvolgente che trasmette emozioni con continui colpi di scena, nebulosi moventi, fragilità umane e un finale che svela con precisione tutti i retroscena di squallidi omicidi in cui si perpetua la violenza umana. Le ambientazioni, poi, di Saint-Michel e di Roma, hanno un fascino intrinseco, per cui:

“La baia di Mont Saint-Michel si spalancò davanti a me con tutta la sua magia. Un golfo scintillante di luce, nel quale il mare era una superficie argentata sulla quale a pochi metri dalla linea della costa, s’innalzava la maestosa abbazia. (…) Le spiagge di quella parte della Normandia sono particolari, e hanno un rapporto osmotico con il mare, creando un particolare fenomeno con le maree. Luisant è l’aspetto che la sabbia assume nel suo ultimo tratto, prima della distesa marina, quando una sottile pellicola di acqua lucente la ricopre, facendola brillare sotto i raggi del sole.”.

Insomma un giallo degno di nota per l’ottimo e solido intreccio narrativo, per le belle descrizioni ambientali e per le raffigurazioni incisive dei personaggi che popolano il romano, per cui:

“Una buona dose di curiosità è essenziale nel mio lavoro – capitano di un Nucleo investigativo dell’Arma dei carabinieri. Per svolgere un’indagine occorre guardare sì ai fatti, alle prove, alle dinamiche di un delitto, ma bisogna essere anche attenti a ciò che è di contorno alla scena di un crimine. Per arrivare alla soluzione non bastano le analisi della scientifica, per quanto accurate e svolte con sofisticate tecnologie. Alla fine quella che si dimostra sempre e comunque risolutiva è l’intuizione dell’investigatore, quella specie di illuminazione che scatta quando si sono soddisfatte proprio tutte le “curiosità”, ogni interrogativo concernente lo svolgimento di un fatto criminale.”

Una lettura molto curiosa e preparata.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto di Flaminia Mancinelli, Inquietante delitto in Vaticano.
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La notte più lunga
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri