Tre atti e due tempi Tre atti e due tempi

Tre atti e due tempi

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


«Io mi chiamo Silvano ma la provincia è sempre pronta a trovare un soprannome. E da Silvano a Silver la strada è breve». Con la sua voce dimessa e magnetica, sottolineata da una nota sulfurea e intrisa di umorismo amaro, il protagonista ci porta dentro una storia che, lette le prime righe, non riusciamo più ad abbandonare.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 19

Voto medio 
 
2.7
Stile 
 
3.3  (19)
Contenuto 
 
2.5  (19)
Piacevolezza 
 
2.6  (19)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Tre atti e due tempi 2015-02-12 20:27:59 Rebel Luck
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Rebel Luck Opinione inserita da Rebel Luck    12 Febbraio, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tre pugni nello stomaco non fanno poi così male. D

Si legge in un soffio (purtroppo) e lascia senza fiato (ancora).
Scritto davvero bene, con personaggi azzeccati e luoghi quasi palpabili.
Il romanzo funziona, ma ha nell'eccessiva concisione, stringatezza,
sinteticità l'unico reale difetto.
Meritava di essere meglio sviluppato, ed i motivi per farlo erano
innumerevoli.
Ii personaggio principale "Silver" è un vedovo, ex pugile ed ex galeotto,
che riesce ad essere magnetico ed a conquistare il lettore (almeno il
sottoscritto è stato conquistato).

(''Un tipo su una Bmw dietro di me suona il clacson e urla dai finestrini aperti qualcosa a proposito di un vecchio rincoglionito.
Penso di essere io, perché non mi sono accorto che la fila si è mossa e sono rimasto piantato con la mia monovolume in mezzo alla strada.
Un tempo sarei sceso e quel tipo, finché non gli avessero rimesso i denti, avrebbe mangiato solo crème caramel e puré di patate.
Ora non è più quel tempo.
Nè io sono più quella persona........'')

Una vita quella di Silver che è una metafora, della vita di tutti noi
"non fortunati", che abbiamo brevi attimi di gloria e fragorosi e lunghi
periodi di tribulazioni e guai.
Il solo fatto di essere un uomo duro, che da ragazzo doveva farsi
rispettare per non essere schiacciato dai più "fortunati" me l'ha fatto
sentire vicino.
Il suo riscatto, raggiunto tirando pugni su un ring, l'ha reso per me un
fratello.
La sua repentina ricaduta nel fango, prima ancora di raggiungere lo
sperato successo lo rende vero, amaro e triste come la vita.

Consiglio a tutti di leggerlo, perché merita.
Merita di essere letto.
Merita.

Ripeto però che il limitato numero di pagine e di parole lo rende "monco".
Leggerlo è un po' come andare al cinema, pagare 9 euro di ingresso e
vedere un gran bel film, realizzato benissimo, ma che dura solo 40
minuti... Troppo poco.
Io credo che si poteva sviluppare meglio, si poteva descrivere meglio la
crescita umana e sportiva del figlio di Silver "Il Grinta", si poteva narrare
qualche incontro di Box in più... Si poteva mettere un po' più di sangue
e sudore su quel ring
Si poteva indulgiare di più sui campi da gioco della serie B, sulle
fatiche e sugli entusiasmi dei giocatori.
Sarebbe stato più bello sapere più cose della vita di Silver, prima e dopo il carcere, di più sul rapporto che aveva con la defunta moglie, di più ...
Ma io non sono uno scrittore, e forse, così facendo,
...forse...
Forse... Il libro sarebbe stato solo appesantito... Forse...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Texas. Freddo a luglio.
Fight Club.
L'ultimo cavaliere.
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

Tre atti e due tempi 2014-07-31 11:38:53 Domitilla Ganci
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Domitilla Ganci Opinione inserita da Domitilla Ganci    31 Luglio, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Maschere nude

Una storia crepuscolare e intima, che rispetto all’ intreccio del giallo, privilegia il racconto di un insolito percorso di vita e coinvolge con i suoi toni sfumati e malinconici.
Forse l’autore aveva in mente, ancora una volta, di abbandonare un terreno sicuro e conosciuto, per avventurarsi su strade nuove e questa poteva essere la prima di una serie di avventure narrative che potevano portarlo anche lontano, ma non lo sapremo.

In questo breve romanzo, al racconto della vicenda umana del protagonista, si affianca una lunga, dolente riflessione sul valore dello sport in un tempo, il nostro, in cui la gloria, l’urlo della curva, la considerazione della squadra, passano in secondo piano rispetto al mero ritorno economico, possibilmente immediato ed esagerato, che soppianta ogni altra aspirazione di una generazione cinica e senza sogni.

Silvano, “Silver” per chi lo ricorda sul ring, è stato una promessa della boxe.
Il precoce successo nello sport, lo aveva riscattato da una vita difficile. Cresciuto in un quartiere periferico e sbiadito della città, frequenta con scarsa convinzione la scuola superiore, impegnato più a menare le mani che ad applicarsi nello studio, quando, dopo l‘ennesima scazzottata, viene notato da un allenatore di boxe che ne fa, in breve tempo, un piccolo campione.
Ma Silver, inesperto della vita e assetato di successo, si lascia invischiare in un affare poco chiaro, finendo la sua breve, folgorante carriera, in cella.
La sua vita è spezzata in due: prima e dopo l’esperienza del carcere. Solo l’amore paziente e tenace della sua compagna e il calore familiare riusciranno a curare ferite tanto profonde.

Silvano, dopo la reclusione, si sente un uomo di serie B e conduce una vita discreta, defilata (squarci della vita di provincia, vengono proposti dall'autore con pennellate rapide e precise che ci fanno "vedere" momenti quotidiani del protagonista, come se sedessimo al bar accanto a lui), fin quando suo figlio Roberto, giocatore di calcio nella squadra cittadina, imprevedibilmente, diventa “Il Grinta”, acclamato e osannato dai tifosi, ricercato da club prestigiosi, proiettato verso il successo.
Ma quando Silver inizia a godersi, orgogliosamente, quel figlio campione, la storia sembra improvvisamente accartocciarsi su se stessa e ripetersi.
Silver non lo può accettare, non può permettere al Grinta di commettere i suoi stessi errori.
Una serie di fortuite coincidenze, giocheranno a suo favore, permettendogli di adoperarsi perché suo figlio emerga dal gorgo in cui sembra essere precipitato.
Per Silver sarà anche, finalmente, un’occasione di recupero del proprio valore e della propria dignità agli occhi del figlio, per il quale, a causa del suo passato, è stato sempre motivo di imbarazzo.

La seconda parte del romanzo, tutta incentrata sullo spericolato tentativo del protagonista di impedire che si compia sul campo sportivo l’ennesimo imbroglio, è effettivamente abbastanza improbabile, però le pagine scorrono veloci, mentre seguiamo Silver che organizza una spettacolare, incredibile messinscena per salvare suo figlio.
Intanto, cadono le maschere di quanti hanno allestito un ignobile teatrino, che nasconde ai più il vero gioco, quello sporco, che si svolge dietro le quinte, a mezza bocca, nel sudore e nella concitazione degli spogliatoi.

Il lungo, amaro monologo interiore del protagonista, colpisce e rende questa storia interessante e ricca oltre la trama, che forse presenta dei punti deboli.
Il delicato rapporto padre-figlio, è raccontato con attenzione e coinvolgimento.
Il tessuto narrativo, attraverso i numerosi flashback, svela lentamente la storia di Silver, mentre la sua voce ci accompagna in un percorso doloroso, fatto di un sogno di provincia naufragato troppo in fretta, di una vita all’ ombra della colpa, che si riprende le poche vittorie, con interessi troppo alti da pagare.
Intenso e toccante.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
direi, piuttosto, sconsigliato a chi ha letto, e si aspetta, il Faletti di "Io uccido"!
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
Tre atti e due tempi 2013-05-31 20:22:15 raiteri
Voto medio 
 
1.0
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
raiteri Opinione inserita da raiteri    31 Mag, 2013
  -   Guarda tutte le mie opinioni

veramente deludente.....

Deludente, non trovo altre definizioni; nei confronti dell'autore di "Io uccido" e "Niente di vero tranne gli occhi" nutrivo ben altre aspettative. Ovvio, banale, inverosimile oltre ogni sensata concessione con un protagonista "antieroe" veramente triste, sia come personaggio e sia come caratterizzazione.
Uno dei peggiori libri che io abbia mai letto; al solo ricordo dei protagonisti (Silver in particolare) mi coglie la malinconia.
Ti prego Giorgio, se l'ispirazione è finita smetti, ma non proporci più questo stile e questi personaggi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
01
Segnala questa recensione ad un moderatore
Tre atti e due tempi 2012-11-11 13:21:30 Aspasia1989
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Aspasia1989 Opinione inserita da Aspasia1989    11 Novembre, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Perché??!

Caro Giorgio,

perchè??!!? Questo viaggio all'Einaudi quando sappiamo tutti che il meglio di te lo dai quando scrivi libri per la Castoli Dalai?!?!
Ma che ti è preso?!!?!?

Giorgio Faletti non è "Tre atti e due tempi": leggendolo ho avuto l'impressione che sia stato incatenato intellettualmente, come se si stesse trattenendo perché all'Einaudi non si possono dire parolacce o non si può parlare di cose brutte e cattive.

Non lo fare mai più! TORNA INDIETRO!

Firmato
"una che ti ha sempre letto"

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Se iniziate a leggere Faletti con "Tre atti e due tempi" fatemi il piacere di leggervi gli altri. Consiglio questo libro solo perché stimo l'autore.
Trovi utile questa opinione? 
21
Segnala questa recensione ad un moderatore
Tre atti e due tempi 2012-10-23 17:36:28 Maluanis
Voto medio 
 
1.0
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Opinione inserita da Maluanis    23 Ottobre, 2012

Banalità

Il primo libro di Faletti che ho letto. Anche l'ultimo.
La storia è poca cosa, i personaggi scarsamente caratterizzati, lo stile piatto, i colpi di scena inverosimili.
Nella quarta di copertina si legge: "Faletti ci consegna un romanzo perfetto". Mai fidarsi della quarta di copertina.
Per fortuna l'ho preso in prestito.
Maluanis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
Tre atti e due tempi 2012-09-01 18:22:45 Zoe 2012
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Zoe 2012 Opinione inserita da Zoe 2012    01 Settembre, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I love Faletti, ma...

Se seguo un autore in particolare ne leggo tutto, a prescindere dalla critica. Il libro è carino (si legge d'un fiato) ma ahimè non è niente di eccezionale, non è una lettura che lascia il segno. Silver è un protagonista senza dubbio positivo, che ha riscattato gli errori commessi in gioventù ma ciò che fa durante lo svolgimento della partita è dir poco rocambolesco e fantasioso. Un cambiamento a 360 gradi del figlio poi.... Altro che "e vissero tutti felici e contenti!!"
Nel complesso voto appena sufficiente, alla voce "stile" ho messo 4 sulla fiducia :)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
Tre atti e due tempi 2012-03-29 14:05:28 Piera
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Piera    29 Marzo, 2012

Tre atti e due tempi

Sono una fan di Faletti e ho letto tutti i suoi libri, belli e diversi uno dall'altro.

L'ultimo, Tre atti e due tempi, e' forse il piu' banale e "normale", l'ho comunque letto volentieri e in un sol fiato.

Certo, non ha niente a che vedere con le precedenti opere, si ha l'impressione che Faletti abbia voluto riposare un attimo, scrivendo qualcosa di piu' "semplice".

Attendiamo il prossimo, con la speranza che sia di nuovo una fiammata falettiana!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
31
Segnala questa recensione ad un moderatore
Tre atti e due tempi 2012-03-14 14:49:33 Fedra
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Fedra Opinione inserita da Fedra    14 Marzo, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Grigio e spento

Questo è uno di quei libri che hanno la consistenza di una giornata grigia con un cielo pieno di nuvoloni carichi di pioggia. Un libro insomma che non vedi l'ora che sia finito! Si trascina lento e inesorabile, con una trama fiacca, con pochi colpi di scena e pezzi sconclusionati e poco realistici (come minimo un occultamento di cadavere dovrebbe avere delle conseguenze).

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
32
Segnala questa recensione ad un moderatore
Tre atti e due tempi 2012-02-13 21:12:31 tam mach
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da tam mach    13 Febbraio, 2012

scadente

delusa, forse perchè avendo letto tutto di faletti, da lui mi aspetto molto, troppo. dalla genialità dei primi libri, mi son trovata un romanzo attuale sul mondo del calcio scommesse, se pur ben scritto e scorrevole non ti appassiona come i libri precedenti. avevo notato già un declino in "appunti di un venditore di donne", che si salva solo in extremis nel finale,oltre le aspettative. consiglio allora per chi non conosce questo scrittore, di iniziare la sua carriera al contrario!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
41
Segnala questa recensione ad un moderatore
Tre atti e due tempi 2012-01-21 09:26:54 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    21 Gennaio, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"Tre atti e due tempi" di Faletti - Il commento di

Da Faletti, questa volta, non un thriller, ma una storia che in ogni caso mantiene una certa tensione narrativa. Almeno nello svolgimento veloce dei fatti, che evolvono – appunto – in tre atti e in due tempi, quelli di una partita di calcio.
La storia scorre nel mondo – osannato dai tifosi e vituperato dalle vicende giudiziarie – del calcio. E, più precisamente, in zona ‘calcio scommesse’, tanto per rimanere nell’attualità di vicende che, anche in questi giorni, occupano le pagine dei giornali. Un mondo nel quale “non so se lo scudetto è andato al più forte, di certo è andato a chi ha vinto. Non sempre le due cose coincidono”.
Silvano, detto Silver, conduce la sua vita alla ricerca di riscatto, per un errore che in gioventù l’ha portato a scontare una pena detentiva. Il soprannome, Silver, gli deriva dal passato: “… quando ti presenti al bar dopo un combattimento con un occhio così nero da sembrare coperto dalla pezzuola di un pirata e uno ti dice che assomigli a Long John Silver, quello dell’isola del tesoro.”
Il riscatto di Silver passa anche attraverso la sua attività di tuttofare presso una squadra calcistica di provincia che milita nella divisione cadetta. Ove gioca, con un ruolo fondamentale, suo figlio detto “il Grinta”: “simbolo della squadra, personaggio di riferimento in campo …”, che tuttavia, sul più bello, decide di gettare tutto alle ortiche e di “vendere la partita”, l’ultima, quella decisiva per la promozione in serie A (“Oggi si fa la serie A o si muore”).
Più che per la descrizione del rocambolesco tentativo che Silver attua per sventare la truffa di figlio & c., l’interesse di questo romanzo, a parer mio, risiede in alcune riflessioni. Quelle che descrivono il rapporto padre–figlio (“Abitavamo nella stessa casa, parlavamo, facevamo le cose che un genitore e un figlio fanno di solito. Ma ci siamo sempre trovati di fronte sfocati, come avvolti in fogli di cellophane …”) e la determinazione del padre nell’evitare che il figlio commetta il suo stesso errore. Operazione, quella salvifica di Silver, complicata da una circostanza: “Fra noi c’é sempre stata l’ombra della mia fedina penale, che a tratti è diventata così grande e scura da trasformarsi in un’eclissi totale”.
Il romanzo si lascia anche apprezzare per le descrizioni del calcio come ‘oppio dei popoli’: “il rettangolo verde è un circo in attesa dei gladiatori” … visto da “… persone normali, quelle che stanno sulle gradinate a gridare, quelle che nella vita non vinceranno mai e per questo incaricano pochi privilegiati di farlo per loro.”
Devo dire che alcune pagine, alcune righe in particolare, mi hanno stretto il cuore. E ho pensato che, anche se tra i sogni ce ne sono di più nobili, i sentimenti di chi affolla gli stadi devono essere rispettati. E tradirli è un atto infame. Per questo, come Silver, si sarebbe comportato anche …

… Bruno Elpis


PS: chi lo desiderasse, può vedere un mio commento (scritto a quattro mani con l'amico Francesco D'Agostino) a un altro libro sul medesimo tema (“Gocce” di Dino Baggio e di Marco Aluigi, Ciesse Edizioni) in http://www.malgradopoi.it/letture-consigliate/gocce-su-dino-baggio

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
o deve ancora leggere "Gocce" di Dino Baggio e Marco Aluigi. A chi vuole conoscere 'un altro' Faletti.
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Tre atti e due tempi 2012-01-19 12:20:10 Pelizzari
Voto medio 
 
1.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
1.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    19 Gennaio, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Coscienza pulita

Racconto lungo o romanzo breve. Si legge velocemente. E’ centrato su due temi: il mondo del calcio corrotto ed il rapporto padre-figlio. Silvano, Silver è il protagonista, che, con voce dimessa, intrisa di un amaro umorismo, ci accompagna in questa lettura, un po’ spenta, un po’ senza colore. Non mi ha entusiasmato se non proprio per questa figura di padre, uomo solitario e uomo solo, ex pugile e pregiudicato, dal passato quindi difficile e ombroso. Silvano è timoroso del futuro del figlio, imbarazzato per il proprio passato, incapace di dimostrarsi orgoglioso del presente. L’autore disegna bene questo personaggio, ma è una storia che fa fatica a colpire e a spiccare il volo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
62
Segnala questa recensione ad un moderatore
Tre atti e due tempi 2012-01-13 16:31:21 fee
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
3.0
fee Opinione inserita da fee    13 Gennaio, 2012
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

...ma anche no!

Belli i tempi di "Io uccido", ma sono tempi passati ormai! Spinta da un buono in libreria, spinta dalle buone critiche del libro precedente, acquisto "Tre atti e due tempi" per dare un'altra possibilità a Faletti. Possibilità fallita.
Il libro non ha suspance, non ha grinta, non ti fa sentire la voglia di far girare le pagine per sapere cosa succede dopo.
è un romanzo non impegnativo che dovrebbe far trascorre a chi lo legge delle ore piacevoli e con un bel senso di leggerezza. In realtà la storia è sviluppata male. Si risolve in poche pagine tutta l'intera vicenda, sia quella legata al lato oscuro del calcio sia il rapporto padre figlio. Il passato di Silver è raccontato attraverso i suoi stessi ricordi, ma senza dettagli, senza approfondimenti. Non sono sviluppati nemmeno i profili degli altri protagonisti, si parla del rapporto padre- figlio ma si risolve in maniera ridicola.
Il romanzo è assolutamente bocciato. Auguro davvero a Faletti di ritrovare un po' di ispirazione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
43
Segnala questa recensione ad un moderatore
Tre atti e due tempi 2012-01-06 15:03:05 changuito
Voto medio 
 
1.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
changuito Opinione inserita da changuito    06 Gennaio, 2012
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una grande delusione

Che dire di questo libro di Faletti, se non che continuo a considerarlo decisamente più degno di nota come comico che come scrittore. E sottolineo questo concetto partendo dal presupposto che nutro molta simpatia per l'autore. Tuttavia, nonostante si possa notare sicuramente un lavoro di limatura sullo stile che si è andato perfezionando nel tempo, non posso fare a meno di sconsigliare vivamente la lettura di questo libro che è lontano anni luce da quel che si può considerare "vera letteratura". Mi rammarica non tanto il fatto che si possano buttare via dei soldi per dedicarsi a una lettura che non lascia niente dentro se non la più totale inutilità, ma soprattutto che il mondo della grande editoria italiana dia tanto spazio ad autori del genere, quando immagino che perfetti sconosciuti di talento ce ne siano a bizzeffe nel nostro Paese. Peccato per loro e per noi lettori che ci troviamo circondati, nelle librerie, da opere come questa, di cui, francamente, potremmo grandemente fare a meno.
Personalmente l'ho letto solo perchè si era vociferato di un cambiamento e di un innalzamento di spessore. Per curiosità quindi, ma la delusione è stata grande. Credo che qualsiasi cosa possa pubblicare in futuro Faletti me ne guarderò bene dal commettere lo stesso errore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
44
Segnala questa recensione ad un moderatore
Tre atti e due tempi 2012-01-04 13:22:45 Ettore77
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Ettore77 Opinione inserita da Ettore77    04 Gennaio, 2012
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

insomma

insomma ... come già detto questo libro di Faletti non è nemmeno lontanamente paragonabile con quelli precedenti.
Cambia il genere e cala sensibilmente la qualità. Certo lo stile dell'autore è buono e l'ambientazione è stata curata abbastanza bene, però la storia sembra davvero "leggera". Parte con dei buoni presupposti e poi si consuma tutto in poche pagine. Non viene approfondita la storia passata del protagonista, riassunta in due pagine, non viene tracciato un profilo decente del figlio. Rimane appena accennato sullo sfondo il difficile rapporto padre - figlio.
Non c'è nemmeno un attimo di suspense e tutto viene rivelato in poche righe.
alla fine il libro si legge in poche ore e non lascia nessuna traccia.
Direi da evitare per chi vuole iniziare a leggere Faletti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
62
Segnala questa recensione ad un moderatore
Tre atti e due tempi 2012-01-03 23:46:43 Andrea
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da Andrea    04 Gennaio, 2012

Troppo sofisticato

È il primo libro di Faletti che leggo quindi non mi aspettavo niente come altri lettori. L'unica cosa che mi aspettavo era un libro decente. Ebbene lo ammetto lo stile non era male e su vede che l'autore ha dedicato molto tempo ad affinare la retorica con alcuni periodi che tradiscono un labor limae così sofisticato da risultare tristi ("le prime parole in inglese che ho imparato erano i nomi dei colpi nel pugilato. Devo dire che è una lingua che quando ti arriva sul mento o nel fegato fa male")
Non sono riuscito a finire il libro perché alterna momenti intensi da spasmo con simpatiche descrizioni statiche che nemmeno una guida di museo potrebbe regalare. Non mi capacito di come certi aborti possano essere pubblicati su carta. Salvate un albero, leggete altro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
romanzi ottocenteschi
Trovi utile questa opinione? 
46
Segnala questa recensione ad un moderatore
Tre atti e due tempi 2011-12-29 13:08:49 amedh74
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
amedh74 Opinione inserita da amedh74    29 Dicembre, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Silver vs Grinta... arbitra Faletti.

Scritto benissimo alla Falettiana maniera, con la novità di un' atmosfera cupa e malinconica, questa è la storia di un uomo solo e di suo figlio,
E' la storia di un padre e di un uomo smarrito.
E' la storia di un padre e un figlio che non solo si ritrovano, ma si ritrovano più uniti che mai.
Ambientata nel mondo del calcio; Silver (anti-eroe dal passato tormentato, sulla via della redenzione), intravede la possibilità che suo figlio ripercorra la sua triste carriera da detenuto sospettandolo implicato nel calcio scommesse... farà di tutto per evitarlo.

Ne esce un racconto pieno di sentimenti veri.

Si legge in un sol boccone

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
91
Segnala questa recensione ad un moderatore
Tre atti e due tempi 2011-11-21 23:45:35 Fonta
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Fonta Opinione inserita da Fonta    22 Novembre, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un nuovo Faletti.Rapporto padre-figlio in 90 minut

Silvano Masoero, detto Silver, è un ex pugile, un ex detenuto, un ex ragazzo difficile che, dopo la reclusione lavora da 30 anni come magazziniere di una squadra di serie B.

La squadra è all'ultima partita della stagione: la finale play-off che, in caso di vittoria, la farà approdare in serie A.

Roberto Masoero, detto Grinta, è il giocatore leader della squadra,un giocatore che può fare la differenza in serie B, ma che non si sente un fuoriclasse.
Roberto Masoero è il figlio di Silvano.

Luciano Chirminisi è un noto allibratore, specializzato in scommesse sporche.

Questi sono gli elementi chiave del nuovo lavoro di Giorgio Faletti.
Beh, che dire, non bisogna pensare al Faletti di "Io Uccido" o di altri dei suoi celebri thriller che hanno fatto dell'azione e della suspance il marchio di fabbrica dell'autore piemontese. Questo infatti è un romanzo, una breve storia che ci fa vedere un nuovo Faletti.

Una storia di padre e figlio, una partita che dura una vita, con dei momenti difficili e dei gol a favore, ma che comunque danno emozioni.

Personalmente mi è piaciuto e lo consiglio, è un giudizio molto soggettivo vedo ma, credo che Faletti abbia raccontato una bella storia basandosi sullo sport più popolare d'Italia, e chi ha dimestichezza con il calcio ritroverà in queste pagine il profumo e le emozioni di una domenica speciale, di una finale e quelle sensazioni che solo lo sport regala.
Ma credo racconti soprattutto la visione di un padre che vuole regalare al figlio una vita migliore.

Buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Faletti e vuole vederlo in una veste nuova.
Trovi utile questa opinione? 
123
Segnala questa recensione ad un moderatore
Tre atti e due tempi 2011-11-20 10:39:16 kabubi81
Voto medio 
 
1.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
1.0
kabubi81 Opinione inserita da kabubi81    20 Novembre, 2011
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tre atti e due tempi

Dovendo scegliere un solo aggettivo per definire questa lettura direi... inutile. Nel senso che quando ho chiuso il libro la domanda è stata "...Quindi?!". Il punto di partenza era buono, lo stile di Faletti si è sicuramente affinato negli anni, ma la storia non va a parare da nessuna parte, non c'è intensità nè suspense, niente... che delusione!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
44
Segnala questa recensione ad un moderatore
Tre atti e due tempi 2011-11-14 15:47:06 Ally79
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
1.0
Ally79 Opinione inserita da Ally79    14 Novembre, 2011
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non il solito Faletti!

Siamo in una cittadina di provincia, in fremente attesa della partita di calcio che potrebbe portare la sua squadra in serie A.Magazziniere dello stadio cittadino è l'ex pugile Silvano (detto Silver), vedovo, con fedina penale sporca, una vita sull'orlo della rassegnazione e un difficile rapporto con suo figlio.Silver si imbatte in un messaggio che, suo malgrado, lo porterà a compiere azioni poco lecite per proteggere ciò che più conta nella sua vita.
Faletti, che ci ha abituati a thriller in perfetto stile americano, racconta qui una storia molto italiana nell'ambientazione come nei temi.Ed è forse proprio questo il motivo per cui il libro ci fa sentire un pò traditi.Non aspettativi di restare incollati fino all'ultima pagina...non aspettatevi il solito Faletti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
61
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Lena e la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Canta, spirito, canta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
Un caso speciale per la ghostwriter
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Le maledizioni
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni riferimento è puramente casuale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Alba nera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Chiedi alla notte
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Cose più grandi di noi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cronaca nera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mars room
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
La macchina del vento
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La gabbia dorata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri