Narrativa italiana Gialli, Thriller, Horror Tre trifole per Rebaudengo
 

Tre trifole per Rebaudengo Tre trifole per Rebaudengo

Tre trifole per Rebaudengo

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

E' autunno, momento magico di silenzi, di foglie dorate e di funghi e il commissario Bartolomeo Rebaudengo passeggia nei boschi di Ceva. Ma la tranquillità dura poco, subito funestata da un delitto atroce, quasi un rituale che rimanda a un fatto di cronaca nera vecchio di dieci anni. Lo scenario è una bella villa sulla collina di Alassio, tra palme, eucalipti e profumo di mareggiate invernali. Nel frattempo gli uomini del commissariato indagano anche su una vicenda poco chiara che si svolge all’interno di una sfarzosa galleria d’arte e antiquariato appena inaugurata. In uno di quei momenti grigi, durante le indagini, quando la soluzione sembra lontana e si avverte il peso della lentezza, un amico va a trovare Bartolomeo nel suo ufficio e lo aiuta a ritrovare la pista, come sa fare un buon cane da tartufi.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Tre trifole per Rebaudengo 2022-02-04 18:36:48 FrancoAntonio
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    04 Febbraio, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ci vuol naso sia per le trifole che per le indagin

Al commissariato di Alassio si sta indagando su un gruppo di sospetti noti alle forze dell’ordine per traffico di stupefacenti. Sembra che il centro di incontro e smistamento della droga sia una galleria antiquaria da poco aperta e alla cui inaugurazione ha partecipato pure il commissario Rebaudengo assieme alla “fidanzata” dottoressa Ardelia Spinola. Mentre la squadra è impegnata nella quotidiana sorveglianza dei sospetti avviene un altro fattaccio in una vecchia dimora poco distante. Il dott. Rinaudo, anziano medico in pensione, è trovato morto in un lago di sangue. Pare che il suo carnefice prima lo abbia lungamente torturato con coltellate in varie parti del corpo e, poi, gli abbia sparato cinque volte con una pistola calibro 7.65; l’ultima, in fronte, con l’uomo probabilmente già morto, quasi a voler sugellare la fine del supplizio.
Rebaudengo, per quanto cerchi attentamente sia nel passato della vittima che nella vecchia dimora non trova alcun indizio che aiuti a far luce sull’atroce delitto. Verrà in suo aiuto il collega Giuseppe Geraci, sovrintendente prossimo alla pensione. L’uomo gli dirà che quell’omicidio brutale gli rammenta in modo inquietante quello di un tal Mortara, anche lui anziano, anche lui ucciso a colpi di pistola cal. 7.65 e coltellate, anche lui residente in una vecchia casa cadente. Ma quell’omicidio era avvenuto dieci anni prima, il Mortara era implicato in traffico di droga e il suo assassino era morto subito dopo, nella Ferrari fatta saltare da una bomba. Possibile che i due fatti siano collegati?
Mentre Rebaudengo si divide in due per portare a soluzione sia l’indagine per omicidio che quella per traffici illeciti, prosegue tra alti e bassi la sua relazione con Ardelia. Il medico legale, tra autopsie illuminanti e cenette da gourmet, in più di una occasione lo instraderà verso la soluzione finale delle indagini, anche con la collaborazione dell'amica Gigi, che, guarda caso, lavora proprio dagli antiquari.

Questo è il secondo romanzo con protagonista il simpatico poliziotto piemontese, “trapiantato” tra i liguri mangia-pesce. Ritrovarlo a dipanare sia beghe professionali che, talvolta, familiari nelle ambientazioni già note, è piacevole come tornare ospiti di una a casa in cui ci si era trovati a proprio agio, tra persone amichevoli. Cristina Rava ha sempre una prosa gradevole e accattivante. Forse, questo romanzo è meno riuscito di quello d’esordio (Delitto al nero di seppia). I capitoli a volte appaiono un po’ slegati gli uni dagli altri e la tecnica dei lunghissimi dialoghi a volte tedia e a volte confonde. Ma complessivamente il libro è soddisfacente.
La trama gialla forse non è originalissima, ma ha il grande pregio di apparire vera: non ci sono intrighi rocamboleschi o delitti premeditati con matematica malizia e questo è un pregio non da poco, perché ci fa sentire partecipi di una vicenda che potrebbe essere realmente avvenuta. Poi è sempre gradevole vivere, con i personaggi, la loro vita di tutti i giorni, al di fuori dall’indagine che, sì, è il fulcro attorno a cui gira tutta la narrazione, ma pure non soffoca il fluire del racconto con la sua immanenza.
Insomma con questa seconda prova l’A. non ha scritto il romanzo perfetto, ma comunque un libro che si fa apprezzare e dona alcune ore di sano diletto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... gli altri libri della Rava, con l'avvertenza che sarebbe meglio leggerli nell'ordine di pubblicazione, perché spesso nei vari volumi ci sono richiami alle precedenti vicende.
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Del nostro meglio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vita intima
Valutazione Utenti
 
2.5 (2)
La libreria dei gatti neri
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un giorno come un altro
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bell'abissina
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Schiava della libertà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ombre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
I ragazzi di Biloxi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vendetta del ragno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole cose da nulla
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Bell'abissina
Intrighi e morte sull'Adda
Giallo sulla Riviera del Corallo
Il male che gli uomini fanno
Chi si ferma è perduto
Quella notte a Valdez
Il liceo
Dalle nove a mezzanotte
Questioni di sangue
Cena di classe
La mala erba
Mille giorni che non vieni
Dolce vita, dolce morte
Il giallo di Villa Nebbia
Il giorno del sacrificio