Uccidete il Camaleonte Uccidete il Camaleonte

Uccidete il Camaleonte

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


“In greco il suo nome significa Leone di terra, noi moderni lo chiamiamo camaleonte. È un rettile, un sauro più precisamente, piuttosto lento, capace di attendere la preda in totale immobilità per delle ore. Non è un animale sociale, vive per i fatti suoi, anzi disdegna i propri simili con i quali spesso ingaggia lotte mortali. Sa mimetizzarsi, si adatta perfettamente all’ambiente; alcune tribù ritengono che porti in sé lo spirito maligno dei morti. Noi invece parliamo di un essere umano che uccide, per follia, per rabbia, per comunicare la propria malattia.” Camaleonte è il soprannome del killer che tiene sotto scacco la città durante una torrida estate. Ama spiazzare i suoi inseguitori, li avvicina camuffato tra la folla, si prende gioco di loro, alle vittime lascia in dono un anello nuziale: perché lo fa? E come le seleziona? Celebra un rito? Un rito molto singolare in cui a ogni matrimonio segue un funerale. Ha ucciso nove donne e non si fermerà. Il questore, detto Il Doge, vuole in campo il migliore dei suoi, l’unico che ha già catturato un serial killer: Salvatore Vivacqua. Al burbero commissario non resta che scordarsi delle vacanze in Salento con l’adorata moglie Assunta, i figli e il cane Tommy, e fermarsi in città per dedicarsi alla caccia all’uomo insieme ai suoi collaboratori storici, il goffo “giraffone” Santandrea e l’atletico Migliorino. Sulle prime le ricerche, concentrate intorno a un ambiguo salone di bellezza, arrancano. Il mostro continua a uccidere, gli investigatori non azzeccano una mossa e sfiorano l’esasperazione quando finalmente il fiuto di Vivacqua porta a un insospettabile. I giochi sembrano fatti ma… qualcosa ancora non torna. Il commissario chiede due ore. Le ultime, per dimostrare che talvolta la verità è la peggiore possibile.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Uccidete il Camaleonte 2018-06-02 13:32:18 ornella donna
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    02 Giugno, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un violento rettile a Torino

Carlo F. Defilippis, dopo aver introdotto sulla scena letteraria il commissario Vivacqua ne Le molliche del commissario, proseguito ne Il paradosso di Napoleone; ora torna in libreria con Uccidete il camaleonte , una nuova avventura del fascinoso quanto introverso Vivacqua Salvatore.
Vivacqua è siciliano, trapiantato a Torino, sposato con figli, comanda i suoi uomini con piglio deciso e forte, che perde totalmente nel confronto con la moglie Assunta, con cui condivide da anni gioe e dolori, che però dalla sua ha un bel caratterino. Abile e fine investigatore, ora si ritrova in pieno agosto alle prese con un serial killer decisamente violento. Ha già ucciso otto giovani donne, uccise in casa, con la gola tagliata. Un maniaco che non lascia tracce, entra nella abitazione della vittima, uccide, ripulisce tutto ed infila un anello nuziale alle povere malcapitate. Viene chiamato “il camaleonte”, perché:
“dite che il metodo di caccia è quello di un camaleonte, ovvero di un offender che si mimetizza nell’ambiente, ma bisogna stabilire quale, ambiente.”.
Le sue caratteristiche, emergenti da profondi studi professionali, sono:
“in greco il suo nome si chiama “Leone di terra”, noi moderni lo chiamiamo “Camaleonte”. E’ un rettile, un sauro più precisamente, piuttosto lento, capace di attendere la preda in totale immobilità per delle ore. Non è un animale sociale, vive per i fatti suoi, anzi disdegna i propri simili con i quali spesso ingaggia lotte mortali. Sa mimetizzarsi, si adatta perfettamente all’ambiente; alcune tribù ritengono che porti in sé lo spirito maligno dei morti. Noi invece parliamo di un essere umano che uccide, per follia, per rabbia, per comunicare la propria malattia. Camaleonte è il soprannome del killer di Torino, è lui che tiene sotto scacco la città.”
Il caro commissario è messo a dura prova, anche in famiglia, che mal accetta la sua assenza nelle vacanze, ma comprende la gravità della situazione. Vivacqua è convinto che non si può osservare un fenomeno, toccarlo, senza che si creino delle modifiche o delle conseguenze imprevedibili: logica conseguenza di quello che è il “principio di Heisenberg”, modificato secondo il modo di agire personale di Vivacqua:
“Il primo risultato del principio di Heisenberg lo pagava di persona: non puoi mettere le mani su una serie di omicidi senza sentire il sangue impregnarti i vestiti, se non lo catturi, finisci per far parte del crimine, quasi come un complice.”
E allora, riflette il commissario:
“Il Killer era stato molto abile, ma lui lo sapeva: doveva aver lasciato delle tracce, delle molliche, si trattava di avere gli occhi buoni per trovarle, perché non esiste azione criminosa priva i difetti, e non ci sono criminali inafferrabili, solo investigatori miopi. Per essere così efficiente quell’uomo doveva seguire un progetto. “.
Atmosfere e stile sempre più cupi e tristi, inseriti in un affresco buio e nero di una Torino molto descritta e ben conosciuta. La narrazione dimostra una cura particolare per i dettagli, per i meccanismi intrinseci dell’investigazione. Un libro ottimamente scritto, con precisione e cura; una storia narrata incisiva e fremente che conduce il lettore in un vortice frenetico e affascinante. Un perfetto giallo a cui abbandonarsi diventa giocoforza, e che non si vorrebbe mai terminare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto ed amato lo stesso Carlo Defilippis, Le molliche del commissario e Il paradosso di Napoleone, ma anche in generale chi ama il commissario Montalbano di Camilleri, con molte varianti, e il Commissario Maigret nell'investigazione.
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La notte più lunga
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri