Un piede in due scarpe Un piede in due scarpe

Un piede in due scarpe

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Genova, inverno 1992. Mentre le celebrazioni per i cinquecento anni dalla scoperta dell'America ridisegnano il fronte del porto, l'omicidio del giovane Luca sconvolge le vite di un gruppo d'inseparabili amici, svelando passioni e segreti custoditi da anni. Quando i sospetti ricadono su Teresa, la sognatrice dai capelli rossi che ama i romanzi, il caso sembra ormai chiuso, ma a rovesciare la verità di comodo ci penserà una coppia d'eccezione: Diego Ingravallo, un commissario di polizia dall'ingombrante cognome letterario, e lo psicologo Paolo Luzi, a cui un tragico passato ha conferito il dono - o la maledizione - di riconoscere le bugie di chi mente sapendo di mentire. Dagli studi di potenti avvocati ai salotti della Genova bene fino ai malinconici quartieri della città operaia, i due investigatori sprofonderanno in un abisso di paure e ossessioni. Tra i caruggi assediati dalla buriana, il grande freddo è quello che invade i cuori fino a incrinare ogni certezza, salvo una: mai sottovalutare le conseguenze dell'amore.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Un piede in due scarpe 2017-12-05 07:49:53 ornella donna
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    05 Dicembre, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il fascino rinnovato di Bruno Morchio

Bruno Morchio torna sulla scena letteraria con Un piede in due scarpe, un libro in cui pare rivoluzionare quelli che sono stati tutti i suoi modelli, da Bacci Pagano in poi. Un giallo in piena regola, che affascina ed intriga sin dall’inizio.
Si incomincia con lo psicologo Paolo Luzi, vicino ai quarant’anni solo e in preda ad un dolore cieco, che riceve una strana cliente: Teresa Gorrin., che formula una sproposita richiesta. Pretende da lui un motivo di dissuasione al compito che si è prefissa: uccidere il suo amante Luca Latorre. Luzi è afflitto dal “fiuto del cane”, un modo di annusare e di conoscere particolare, al di là della norma, molto utile per il suo lavoro. Un dono:
“per cui sente il collo irrigidirsi fino a diventare un blocco di pietra. (…) Quella reazione poi gli segnalava senza possibilità di errare chi mentiva. (…) Ogni volta che qualcuno gli raccontava una bugia il suo collo si inceppava diventando una colata di cemento a pronta presa.”
Di conseguenza manda via Teresa non credendole. Fino a qualche giorno dopo quando scopre che Luca è stato assassinato e Teresa è l’unica indagata. Lo psicologo, sicuro della sua innocenza, mette a disposizione della polizia e del commissario Ingravallo, la propria testimonianza e la propria esperienza. Da qui in poi le indagini scorrono parallele, fino alla scoperta dell’unico e vero esecutore materiale.
Il libro è sicuramente un giallo, ma per l’autore l’assassino è solo uno spunto per riflettere acutamente su temi importanti, quali l’amore, l’amicizia, in un susseguirsi senza fine. E’ un contraltare finissimo, dove emergono, per esempio, la storia dei pazienti di Luzi e i loro problemi. Ad esempio come nel caso della professoressa Olcese, innamorata, senza mai dichiararsi, di un suo studente, dove emergono prepotenti il senso della nostalgia, del tempo andato, il ritorno alla gioventù, mai del tutto superata. Caratteristiche tipiche anche “degli inseparabili”: un gruppo di amici, quali Luca, Teresa, Sonia, Federica, Marco e Gioconda, che si frequentano sin dai tempi del liceo, che hanno vissuto, ma che in realtà sono sempre rimasti fermi al tempo passato, che è stato e non è più. Un’altra importante fonte di rinnovamento per l’autore è la caratterizzazione di Paolo Luzi, quasi un alter ego di chi sta scrivendo, profondamente agli antipodi di Bacci Pagano. Luzi ha avuto un lutto sconvolgente, che da dieci anni gli impedisce di vivere appieno. E’ un uomo razionale, mai impulsivo o passionale, ed è proprio la sua calma e la sua impassibilità ad attrarre il lettore. E’ un uomo normale, è:
“immerso nella penombra di un perenne imbrunire, senza un lampo di entusiasmo, privo di ambizioni e refrattario a qualsiasi desiderio.”
Lo stesso dicasi per il commissario Ingravallo, di cui il riferimento a Gadda è esplicito, un commissario alla Maigret, che riflette, soppesa i pro e i contro, valuta, analizza in profondità e con discernimento. Un altro aspetto importante e da segnalare sono la ricchezza di citazioni e di riferimenti letterali: ad esempio Kafkaa, Borges, Landolfi, Leopardi, Dante, Simenon, fino al Giovane Holden e a tanti altri libri. Riferimenti che completano ed innalzano una narrazione veramente intrigante e assai colta. Ultimo tema è Genova, quasi un alter ego della trama. Ma attenzione: non è una Genova ampliamente descritta, è la Genova del 1992, dove Mani Pulite e i suoi giudici andavano a sconvolgere un mondo corrotto e corruttibile. E’ una Genova più profonda, che ammicca. Ben simboleggiata dalla figura della marchesa Federica Brignole Sale, nobildonna, che vive in un palazzo della città vecchia, assai fatiscente ma aristocratico. Immagine che muta quando entriamo nell’appartamento e scopriamo un museo, curato, con dipinti di valori e marmi d’epoca, tappeti. Ecco qui Genova è lo stesso: nasconde, quasi con trafelata gelosia, le sue ricchezze. Genova si respira nell’oscurità e nella sua insita bellezza.
Un libro bellissimo, un viaggio all’interno delle vite dei protagonisti del romanzo, in cui tutti quanti vivono attanagliati, in vari modi e misure, ad un passato che li ancora, stritolandoli in una morsa irriducibile. Un noir da divorare!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto ed amato i libri precedenti di Bruno Morchio, con protagonista Bacci Pagano.
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La vita fino a te
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La scomparsa di Stephanie Mailer
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Divorare il cielo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Berta Isla
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le fedeltà invisibili
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tredici modi di guardare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'animale femmina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La scrittrice del mistero
Valutazione Utenti
 
3.3 (3)
L'anello mancante. Cinque indagini di Rocco Schiavone
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Se vuoi vivere felice
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macbeth
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'antica nave
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri