Una brutta storia Una brutta storia

Una brutta storia

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Quella dell'ispettore Biagio Mazzeo non è una famiglia normale. È composta solo da poliziotti, un clan molto unito, un branco dove si combatte insieme contro il crimine. Ma Mazzeo e i suoi ragazzi non sono poliziotti comuni: sono una banda di sbirri corrotti in seno alla Narcotici, che dopo una feroce guerra di bande contro il narcotraffico hanno preso il controllo delle strade con pugno di ferro. Ma quando sulla loro strada spunta il cadavere di un criminale ceceno le cose si complicano imprevedibilmente. e per uscire da questa brutta storia Biagio Mazzeo dovrà scendere a patti con la sua stessa anima.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.9
Stile 
 
5.0  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Una brutta storia 2014-11-23 09:50:14 clad79
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
clad79 Opinione inserita da clad79    23 Novembre, 2014
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

MOZZAFIATO

Il titolo e il colore della copertina magari possono non piacere. Questione di gusti. Ma appena si apre questo libro, un tifone ti risucchia in un mondo fatto di carta e inchiostro ritrovandoti schiantato nelle crude vicende in cui si muove con la forza e l'eleganza di una pantera il polizziotto corrotto Biagio Mazzeo, protagonista di quella che davvero è una brutta storia di violenza, spietatezza e corruzione. Lo stile di Pulixi è straordinario, una ventata di novità oserei dire, ottimi i dialoghi che aiutano a percepire la realtà intonro al racconto e la trama non lascia spazio a tempi morti e pause inutili. Davvero un bel libro che consiglio di regalare a chi cerca qualcosa di nuovo da leggere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Una brutta storia 2012-12-11 16:05:16 Rokiweb
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Rokiweb Opinione inserita da Rokiweb    11 Dicembre, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

SPIETATO

Avete presente i film di Quentin Tarantino (Le Iene, Pulp Fiction)? La struttura dei suoi film? Tanti personaggi. Spezzoni di scene che scorrono e niente sembra avere un filo logico. Un’assenza di legame tra loro fino alla fine del film dove tutto si incastra perfettamente e dici “Quentin chapeau hai saputo stupirci anche questa volta”!
Adesso immaginate tutto questo trasformando la pellicola in pagine ed inchiostro. Questa è la struttura di questo noir italiano di Piergiorgio Pulixi un libro spietato, a tratti crudo, forte. In alcune situazioni un pugno nello stomaco per l’aggressività, la violenza di alcuni eventi, di alcune azioni. Si alternano pagine di storie dei vari personaggi con momenti di azione. Il che ti porta a far fatica ad entrare nella trama subito, ma man mano che vai avanti diventa tutto molto scorrevole, tutto semplice da non riuscire a staccarti da queste pagine.
Gli ingredienti di questo noir sono quelli classici (amore, potere, odio, corruzione, vendetta, ricatti, soldi, droga, ecc..). Sono classici sì, ma l’autore Pulixi sapientemente è riuscito a renderli comunque interessanti mai banali. Con la sua scrittura decisa, forte ed essenziale. Il livello di attenzione è sempre alto non ci sono momenti morti, noiosi. Ricco di colpi di scena fino alla fine. E’ una lotta continua senza esclusioni di colpi da parte di tutti. La cosa che ho trovato molto interessante e forse innovativa in questo noir e che i personaggi principali Mazzeo e Ivankov sono due personaggi negativi… una lotta di potere ad armi pari tra il male e il male.
I personaggi sono vari tutti ben rappresentati nel carattere, nelle debolezze, nei problemi, nei tormenti. L’autore è stato così preciso così bravo che alla fine non riesci quasi più a vederli come “mostri” per quello che hanno fatto ma li vedi come esseri umani con un cuore…crudele ma un cuore.
Quindi detto tutto questo non mi resta che dire “Piergiorgio chapeau sei riuscito a stupirmi” e consiglio vivamente la lettura di questo noir italiano!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Léon
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri