Bastaddi Bastaddi

Bastaddi

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Il tenente Ranieri, al comando dei suoi otto Bastaddi assetati di giustizia, colleziona scalpi di Cosa nostra. Il Capo dei capi è sempre più nervoso. Il Maxiprocesso con tutte quelle condanne è semplicemente intollerabile, e questi Bastaddi assatanati una spina nel fianco. Di questo passo, dove andremo a finire? Occorre proprio un gesto simbolico, una celebrazione della mafia, con i suoi picciotti, il suo onore, i suoi film. Una bella serata mafiosa in un cinema di Siracusa sarà il giusto segnale per tutti. La cupola di Cosa nostra concentrata in un cinema? Che occasione meravigliosa, per i Bastaddi. E se il cinema per giunta appartiene a Carla, che ha perso tutta la famiglia in una strage mafiosa... si scatenerà una gara esplosiva a chi stermina i mafiosi per primo nella sala buia.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Bastaddi 2015-05-27 03:13:02 Bruno Elpis
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    27 Mag, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Picciotti e dintorni

Bastaddi di Stefano Amato ambisce a ribaltare il corso degli eventi che negli anni Novanta hanno visto perire Falcone e Borsellino come vittime sacrificali di un nemico vigliacco e crudele. Per ottenere questo scopo, il romanzo si appropria dell’idea che fu alla base di “Bastardi senza gloria” di Tarantino: stipare gli avversari in un luogo chiuso e farli esplodere…

I Bastaddi del titolo sono un manipolo di giovani (“Non siamo poliziotti, e nemmeno carabinieri… Siamo nel campo dell’eliminazione dei mafiosi”), che covano rancore contro la mafia, sono disposti ad adottare ogni mezzo per combatterla e, capitanati dal tenente Ranieri (“Aldo Ranieri, che i mafiosi hanno soprannominato Aldo l’indiano… perché ha il vizio di fare lo scalpo a tutti i mafiosi che ammazza”), non esitano a utilizzare sistemi sbrigativi e atroci per combattere le cosche.

Negli anni Novanta la Mafia ha subito una battuta d’arresto soprattutto a causa del pentitismo (“Che poi io i pentiti non li capirò mai. Perché lo fanno secondo te? Per una questione di principio? Per paura? Per vendetta?”). Per questo, alcuni sinistri capoclan (“Certuni lo chiamano anche la Bestia”) e personaggi senza scrupoli (“L’uomo senza occhi gli rivolse uno dei suoi enigmatici sorrisi… e il dente d’oro fece capolino…”) pensano di rilanciare Cosa Nostra con una serata mafiosa (“Salvo vuole… organizzare la prima proiezione del suo film nel tuo cinema…”). Per l’evento viene scelta la sala cinematografica gestita dall’unica sopravvissuta a una faida (“I Randazzo sono qui vero?”) che ha sterminato un’intera famiglia (“I pagamenti erano in regola, e in più stava proiettando tutti i film che volevano… L’avevano scoperta? Sapevano che lei era Giovanna Randazzo…?”).

La sala gremita di padrini e picciotti si trasforma in una santabarbara per l’azione congiunta dei Bastaddi, infiltratisi tra gli invitati per condurre “l’operazione cinematografo”, e della bella Giovanna, proiezionista più intenta a realizzare la sua vendetta che a deliziare i malviventi con i film di loro gradimento.

Il romanzo ha il pregio di mostrare il vero volto della criminalità organizzata (“S’immaginavano i mafiosi come maestri del crimine o dei geni del male, quando di geniale non avevano niente…”), in una rappresentazione paradossale dietro la quale forse si nasconde il sogno dell’autore siciliano: quello di veder sgominato un nemico tanto invisibile quanto presente nella vita economica e sociale dell’isola, quello di vedere gli eroici magistrati ancora in vita e vittoriosi…

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La notte più lunga
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri