Dettagli Recensione

 
Bastaddi
 
Bastaddi 2015-05-27 03:13:02 Bruno Elpis
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    27 Mag, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Picciotti e dintorni

Bastaddi di Stefano Amato ambisce a ribaltare il corso degli eventi che negli anni Novanta hanno visto perire Falcone e Borsellino come vittime sacrificali di un nemico vigliacco e crudele. Per ottenere questo scopo, il romanzo si appropria dell’idea che fu alla base di “Bastardi senza gloria” di Tarantino: stipare gli avversari in un luogo chiuso e farli esplodere…

I Bastaddi del titolo sono un manipolo di giovani (“Non siamo poliziotti, e nemmeno carabinieri… Siamo nel campo dell’eliminazione dei mafiosi”), che covano rancore contro la mafia, sono disposti ad adottare ogni mezzo per combatterla e, capitanati dal tenente Ranieri (“Aldo Ranieri, che i mafiosi hanno soprannominato Aldo l’indiano… perché ha il vizio di fare lo scalpo a tutti i mafiosi che ammazza”), non esitano a utilizzare sistemi sbrigativi e atroci per combattere le cosche.

Negli anni Novanta la Mafia ha subito una battuta d’arresto soprattutto a causa del pentitismo (“Che poi io i pentiti non li capirò mai. Perché lo fanno secondo te? Per una questione di principio? Per paura? Per vendetta?”). Per questo, alcuni sinistri capoclan (“Certuni lo chiamano anche la Bestia”) e personaggi senza scrupoli (“L’uomo senza occhi gli rivolse uno dei suoi enigmatici sorrisi… e il dente d’oro fece capolino…”) pensano di rilanciare Cosa Nostra con una serata mafiosa (“Salvo vuole… organizzare la prima proiezione del suo film nel tuo cinema…”). Per l’evento viene scelta la sala cinematografica gestita dall’unica sopravvissuta a una faida (“I Randazzo sono qui vero?”) che ha sterminato un’intera famiglia (“I pagamenti erano in regola, e in più stava proiettando tutti i film che volevano… L’avevano scoperta? Sapevano che lei era Giovanna Randazzo…?”).

La sala gremita di padrini e picciotti si trasforma in una santabarbara per l’azione congiunta dei Bastaddi, infiltratisi tra gli invitati per condurre “l’operazione cinematografo”, e della bella Giovanna, proiezionista più intenta a realizzare la sua vendetta che a deliziare i malviventi con i film di loro gradimento.

Il romanzo ha il pregio di mostrare il vero volto della criminalità organizzata (“S’immaginavano i mafiosi come maestri del crimine o dei geni del male, quando di geniale non avevano niente…”), in una rappresentazione paradossale dietro la quale forse si nasconde il sogno dell’autore siciliano: quello di veder sgominato un nemico tanto invisibile quanto presente nella vita economica e sociale dell’isola, quello di vedere gli eroici magistrati ancora in vita e vittoriosi…

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

8 risultati - visualizzati 1 - 8
Ordina 
è sempre complicato cimentarsi su questi temi...
non conoscevo l'autore, prendo nota, grazie Bruno!
Ciao Bruno, seguo sempre il blog di Stefano e già sapevo del libro. Sono stata contenta di leggere la tua bella recensione anche perché non essendo il mio genere di lettura mi ha aiutata a farmene un'idea. Sei pieno di sorprese! :)
Aggiungerei che il sistema mafioso si nutre di una mentalità mafiosa che è molto radicata nel costume italiano tutto e non solo in quello economico e sociale dell'isola. Si tratta proprio di cambiare, nel piccolo, tutti.
Scusa l'intrusione Bruno.
Mi sembra interessante, Bruno. Vedo che hai giudicato molto bene il contenuto. Grazie per la segnalazione.
@ Silvia e Anna Maria: il tema della mafia è affrontato in modo paradossale e teatrale, l'autore gioca in casa perché è siciliano :-)

@ Luana: anche tu sei sorprendente e carissima! :-)

@Laura: ma quale intrusione! Certo, le considerazioni si possono estendere alla mentalità diffusa e alla dimensione culturale (?) italiana, però l'autore parla di omicidi e violenze fisiche e di una gabbia che è immanente nella realtà socio-economica. Alla quale risponde con le stesse armi: una violenza immaginaria, grazie alla quale sterminare il nemico... Ciao carissima :-)
In risposta ad un precedente commento
Rollo Tommasi
28 Mag, 2015
Ultimo aggiornamento:
28 Mag, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Nulla da dire sulla tua ineccepibile recensione, Bruno.

Il libro, invece, lo trovo sbagliato due volte:
anzitutto, perché riprendere Tarantino e ricopiarlo pari pari non aggiunge nulla (e forse lo ripropone in un'ambientazione che nemmeno gli giova),
in secondo luogo, perché la mafia è profonda incultura, che non si combatte con le sua armi, con la violenza. Fortunatamente, le nuove generazioni siciliane stanno crescendo in un modo diverso, e saranno loro a sconfiggere la vecchia mafia. La nuova, non lo sappiamo.
Ciao.
In risposta ad un precedente commento
siti
29 Mag, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Bruno, grazie per la risposta, il mio intervento è andato oltre l'opera, è stato più forte di me!
Grazie a te, Laura :-)

@ Rollo: sottoscrivo pienamente la tua osservazione sul metodo, a violenza non si risponde con la violenza. Alle tue considerazioni, aggiungi che (ATTENZIONE SPOILER) nel finale Falcone e Borsellino - vivi - brindano alla fine della mafia... :-) Ciao!
8 risultati - visualizzati 1 - 8

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Domani e per sempre
Nova
Sonetaula
L'alba sepolta
Caffè corretto
L'appartamento del silenzio
Lingua madre
Per sempre, altrove
Il Duca
Cara pace
L'assemblea degli animali
Le madri non dormono mai
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Divorzio di velluto
Cinquecento catenelle d'oro
Ritratto di donna