Narrativa italiana Romanzi Il libraio di Selinunte
 

Il libraio di Selinunte Il libraio di Selinunte

Il libraio di Selinunte

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Vi svegliate un giorno e non avete più parole per dire "giorno". Scendete in strada e non avete più parole per dire «strada». Poi scoprite che la città è piena di smemorati come voi, che vagano sperduti in una nebbia di cose senza nome, incapaci di parlare e ricordare, incapaci di pensare. Perché tutti, quel giorno, avete perso le parole, le avete perse per sempre, ed è colpa vostra. Soltanto un ragazzo, «Frullo», è salvo dall'incantesimo e può raccontare i fatti incredibili che hanno portato a tutto questo. Soltanto lui, perché ha conosciuto il libraio. Un uomo misterioso, giunto in città con i suoi bauli pieni di libri e tanta voglia di raccontarli, più che di venderli.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.8  (4)
Contenuto 
 
3.3  (4)
Piacevolezza 
 
3.5  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il libraio di Selinunte 2015-12-03 19:17:27 f.martinuz
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
f.martinuz Opinione inserita da f.martinuz    03 Dicembre, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'IMPORTANZA DELLE PAROLE

“Il libraio di Selinunte” è una piccola gemma letteraria, cesellata col bulino dalla mano di un esperto cantautore e la deformazione professionale di Vecchioni emerge chiaramente. Si nota l’attenzione nella scelta delle parole e si percepisce la musicalità del testo il quale talvolta, come nelle più classiche canzoni cantautorali, risulta criptico, ermetico e proprio per questo affascinante. Il testo, in un’atmosfera sospesa e favolistica, lascia spunti di riflessione che trascendono la scarna trama del racconto stesso che risulta un pretesto per le vere protagoniste della narrazione: le parole.

Il racconto, infatti non si può parlare di romanzo vista la brevità, è preceduto da una specie di prefazione-introduzione che funge da dichiarazione d’intenti dell’autore e che si configura come un vero e proprio elogio alla Parola. Alla parole vengono attribuiti numerosi epiteti e significati. La parola è luce, la parola è vita, la parola è la concretezza del pensiero, la parola è ciò che ci distingue dagli animali, è qualcosa di mutevole, flessibile e temporalmente granitico; è l’elemento che perdura oltre gli uomini e oltre i millenni. E noi stiamo deturpando questa piccola gemma; ne abusiamo, la sovrasfruttiamo, la pieghiamo ai nostri interessi spicci, la snaturiamo, la riempiamo di significati che essa non ha. Citando la limpidezza di Vecchioni: «Le parole sono cose: noi ne abbiamo deturpato il senso nel tempo o illanguidito la forza, le abbiamo lentamente ridotte ad altro da sé». La critica verso l’uso sconsiderato delle parole che spesso si nota nei social network ma anche nel miserevole carrozzone politico-mediatico a cui siamo soliti è abbastanza chiaro. Vecchioni sembra voler rivendicare e pretendere il rispetto verso la preziosità e il significato delle parole.

Parole che, in questa favola moderna, invadono la piccola cittadina sicula di Selinunte per mezzo di un brutto e vecchio libraio; malvisto dalla popolazione autoctona, sospettosa e vacuamente cicaleccia. Solo un ragazzino, in mezzo alla diffidenza generalizzata, avrà il coraggio di entrare in contatto col vecchio, abituato ogni sera a declamare stralci di raccolte poetiche o frammenti di romanzi. Il ragazzo ne rimarrà ammaliato e affascinato, verrà letteralmente rapito dalle parole del libraio che, nell’atto della lettura, si trasforma in cassa di risonanza dei testi. L’assistere a queste declamazioni perdura finché le parole del libraio, disdegnate e snobbate, abbandonano il paese facendo piombare Selinunte nel silenzio e nell’incapacità comunicativa. Solo con l’assenza della parola gli abitanti ne coglieranno l’importanza; come spesso accade quando ci si accorge che le cose perse che davamo per scontate sono anche le più preziose.

L’intera narrazione scorre fluida e piacevole, poche pagine cariche di significato e pregne di senso. Un piccolo pamphlet narrativo da interpretare e capire in chiave metaforica. Consigliato.

FM

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il libraio di Selinunte 2012-11-16 13:09:35 Tucciarone
Voto medio 
 
1.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Tucciarone Opinione inserita da Tucciarone    16 Novembre, 2012
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non saprei...

Esiste piacevoleza zero?? Il libro era iniziato appena alla fine!
Ma analizziamo. Il libro ha 60 pagine e un'introduzione fastidiosissima dove l'egocentrico autore si mette in mezzo e racconta in modo sgradevole, come se conoscesse il personaggio. Le prime 58 pagine sono inutili. Non si capisce. L'unica cosa chiara è che questo Nicolino è un disadattato. La narrazione ha un ritmo lentissimo e non insegna niente. Tutto è descritto come una poesia e si racconta solo quello che prova l'autore in termini infantili e privo di senso. Tutto questo non sarebbe stato sgradevole se a volte non fossero intervenute PESANTISSIME parolacce che distruggevano la narrazione e lasciano il lettore sbigottito. I rapporti con i genitori sono a dir poco disastrosi e per niente approfonditi. Gli amici non sono veri amici e anche Nicolino sembra un po' tonto. La storia dello zio è a dir poco ridicola. Non mancano ovviamente le allusioni volgari. Anche la frase apparentemente più innocente nasconde qualcosa di sgradevole. Non lo consiglio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
31
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il libraio di Selinunte 2011-09-28 18:52:23 manu chan
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
manu chan Opinione inserita da manu chan    28 Settembre, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'inchiostro di Vecchioni si fa poesia.

"Il libraio di Selinunte" è un libro di Roberto Vecchioni, cantautore, professore e poeta. Anche in questo libro, come nella sua vita e carriera, ha dato il meglio di sé. Il valore delle parole, dei libri, come un tesoro da riscoprire, da uscire fuori da un baule troppo impolverato e squallido che nemmeno noi vogliamo ammettere di avere dentro. E le storie come carburante della mente e della vita umana, una sorta di prevenzione contro il mostro dell'apatia e dell'indifferenza che come un tumore, contaminano la società degli ultimi tempi. Un libro degno di essere definito 'classico', perché le sue parole non tramontano mai, come la magia dei libri e dei librai che riescono ancora a raccontare storie. Un respiro sottovoce nel trambusto del mondo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
a chi ha ascoltato almeno una canzone di Roberto Vecchioni e a chi ancora crede nella potenza delle parole.
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il libraio di Selinunte 2011-05-29 17:23:57 Francj88
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Francj88 Opinione inserita da Francj88    29 Mag, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Parole parole parole..

Questo breve romanzo (una sessantina di pagine) narra la storia di Frullo, un ragazzo che passa le sue notti ad ascoltare leggere un libraio, non un venditore di libri, ma un semplice lettore di parole. Egli è l'unico ad ascoltare il libraio, che viene malvisto dagli altri abitanti del luogo. E quando la libreria verra' incendiata (a causa dell'ottusita' della gente), ecco che Frullo rimarrà l'unico in grado di esprimersi attraverso le parole, quelle parole che ormai gli altri abitanti hanno smarrito.

Un libro-favola dunque, che trasmette un messaggio importante: quello di soffermarci a guardare al significato delle cose.
Quelle stesse cose che gli abitanti di Selinunte perdono, quando un giorno si rendono conto, di non avere piu parole per esprimerle. Leggendo questo brevissimo romanzo ho cominciato a fare dei parallelismi tra la Selinunte descritta da Vecchioni e la società attuale presa in blocco. Gli abitanti di Selinunte si rendono conto dell'importanza del linguaggio quando non riescono più a esprimere l'universo del loro mondo interiore, quando non si capiscono più tra di loro e si trovano costretti a comunicare a gesti, fraintendendosi. La nostra società tende pericolosamente a tutto ciò. Il linguaggio è diventato quello dei simboli e dei cenni, delle k al posto delle ch, delle parole abbreviate, parole che vengono usate sempre meno perchè formulare frasi complesse porta a pensare e pensare porta via tempo.. Tantissimi termini cadono in disuso e il nostro vocabolario si fa sempre più scarno.. e se come gli abitanti di Selinunte un giorno ci svegliassimo costretti a reprimere le nostre emozioni in fondo al cuore perchè abbiamo dimenticato le parole per esprimerle??

Il libraio di Selinunte è una favola moderna che fa riflettere e affronta molte tematiche: oltre a sottolineare l'importanza del linguaggio ci parla della pochezza di chi ha paura e demonizza tutto ciò che è "strano" perchè diverso da noi. Ero in cerca di una lettura breve e leggera e ho trovato una piccola perla. Complimenti a Vecchioni, di cui non avevo mai letto niente, sicuramente leggerò altre cose scritte da lui.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Domani e per sempre
Nova
Sonetaula
L'alba sepolta
Caffè corretto
L'appartamento del silenzio
Lingua madre
Per sempre, altrove
Il Duca
Cara pace
L'assemblea degli animali
Le madri non dormono mai
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Divorzio di velluto
Cinquecento catenelle d'oro
Ritratto di donna