Narrativa italiana Romanzi L'amore che mi resta
 

L'amore che mi resta L'amore che mi resta

L'amore che mi resta

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


La sera in cui Giada si ammazza, Daria precipita in una sofferenza che nutre con devozione religiosa, perché è tutto ciò che le resta della figlia. Una sofferenza che la letteratura non deve aver paura di affrontare. Per questo siamo disposti a seguire Daria nel suo buio, dove neanche il marito e l'altro figlio riescono ad aiutarla; davanti allo scandalo di una simile perdita, ricominciare a vivere sembra un sacrilegio. Daria si barrica dietro i ricordi: quando non riusciva ad avere bambini e ne voleva uno a ogni costo, quando finalmente ha adottato Giada e il mondo «si è aggiustato», quando credeva di essere una mamma perfetta e che l'amore curasse ogni ferita. Con il calore avvolgente di una melodia, Michela Marzano dà voce a una madre e al suo struggente de profundis. Scavando nella verità delle relazioni umane, parla di tutti noi. Del nostro desiderio di essere accolti e capiti, della paura di essere abbandonati, del nostro ostinato bisogno di amore, perché «senza amore si è morti, prima ancora di morire».

Recensione della Redazione QLibri

 
L'amore che mi resta 2017-04-18 14:30:23 Antonella76
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Antonella76 Opinione inserita da Antonella76    18 Aprile, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'amore non salva e non ripara, ma accoglie.



Forse dovrei smetterla di leggere libri che mi sconquassano...
Ed invece torno sempre qui, in queste letture che mi sbriciolano in mille pezzi.
Daria è figlia di una madre "per caso", una madre tiepida che non brilla certo per istinto materno.
O forse è semplicemente ferita e nasconde dell'irrisolto.

"A mamma importava poco di me. Madre per caso. Madre perché tutte, prima o poi,  hanno figli. Madre purtroppo. Madre nonostante."

Lei, invece, all'età di 25 anni non vuole nient'altro se non un figlio...ma non riesce, non arriva.
È giovane, potrebbe ancora aspettare, provare, crederci...ma il suo desiderio si fa urlo, non riesce ad ignorarlo e quindi, con il marito Andrea, adottano Giada, di appena sei mesi.
("Quando sei venuta a prendermi era perché volevi una bambina o perché mi volevi bene?")
Giada, all'età di 25 anni (la stessa in cui Daria ha sentito forte il bisogno di maternità) ha però un'altra esigenza che le urla dentro: andare alla ricerca delle proprie origini.
Ma s'incaglia, s'inceppa e si arrende ai fantasmi che si nascondono dietro la parola "abbandono".
Chiede scusa e se ne va. Per sempre.
E il mondo di Daria finisce.
Si lascia travolgere, sommergere, inghiottire dal dolore, perché le sembra l'unico modo per restare in contatto con sua figlia, per non perderla davvero.
Quella figlia che l'aveva salvata e che credeva di aver salvato.

Questa è una storia di dolore e di perdita, di morte e della sua elaborazione, ma anche una storia sull'importanza delle origini come fattore fondamentale per poter avere e mantenere una propria identità, per trovare una collocazione nel mondo.
È una storia sull'amore che, per quanto immenso, non ricuce lo strappo di un abbandono.
L'amore non salva e non ripara...ma accetta, accoglie, soccorre.
Ma l'amore è anche necessario, ed è tutto quello che resta, dopo.

La scrittura è asciuttissima, frammentata: capitoli brevi, paragrafi brevi, brevi frasi.
A volte si riavvolge su se stessa, per sottolineare la tragicità di un momento, di un pensiero, di una parola.
Tutto ridotto all'osso, come se l'autrice non volesse mettere troppe parole fra te e il dolore, per fartelo arrivare prima, così...nudo, pulito, al netto di tutto il superfluo.
Per quanto mi riguarda è arrivato a destinazione in tutta la sua potenza.
Ed ora, raccolgo i pezzi e vado avanti...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.3  (3)
Contenuto 
 
4.3  (3)
Piacevolezza 
 
4.7  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'amore che mi resta 2017-10-22 08:36:52 Pelizzari
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    22 Ottobre, 2017
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il sempre dell'assenza

Libro forte, intenso, vibrante, che racconta del fragile equilibrio interiore che hanno i ragazzi adottati. La storia è raccontata dalla mamma adottiva a cui crolla il mondo addosso quando la figlia si suicida, perché la morte di un figlio è un qualcosa che rompe l’ordine naturale delle cose e perché da quel giorno, tanti perché e tanti se costellano ogni istante della vita della mamma. E’ un libro pieno di sfumatura, una per ognuno dei colori che sono disseminati nel racconto e nei ricordi. E’ un libro pieno d’amore, perché l’amore è l’unica cosa che resta, è un amore che non salva nessuno, ma c’è, ed è veramente tutto. E’ un libro delicato e nello stesso tempo è un uragano. Perché il vuoto che rimane è assenza ed è incolmabile, è vuoto tutto, senza alcun colore. E’ un libro che apre una finestra sulla sofferenza a volte silenziosa di tante persone, perché ognuno ha le proprie fratture e le proprie infelicità, ma occorre fare la pace il dentro di sé, qualsiasi cosa accada nella nostra vita, perché è la nostra vita, e viverla è un dovere ed una fonte quotidiana di piccole importanti possibilità di rinascita, senza mai dimenticare nulla, ma imparando a convivere con tutto. La scrittura di quest’autrice è meravigliosa, perché è frammentaria, a scatti, con rapidi flash, fa capire come si sente dentro questa mamma, a pezzi. E’ un modo di scrivere che crea un legame particolare con il lettore, è empatico ed adorabile. Sembra fatto su misura del fragile equilibrio di tutti i personaggi che vivono in queste pagine.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

L'amore che mi resta 2017-10-01 17:15:27 antonelladimartino
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
antonelladimartino Opinione inserita da antonelladimartino    01 Ottobre, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Senza confini

Senza confini è l’amore, che “non salva nessuno” ma “è veramente tutto” ciò che abbiamo. Questo significa che la vita non soltanto è difficile, ma anche, sempre e comunque, più complicata di quanto riusciamo a immaginare.

Giada è morta suicida, anche se, apparentemente, aveva tutto ciò che serve per vivere, soprattutto l’amore. Giovane, bella, amata, con tutta la vita davanti. Ma tutto questo può essere troppo e troppo poco, perché anche la vita può essere un problema, un peso e, soprattutto, una complicazione troppo dolorosa.

“Cioè.”
Punto e a capo.
Una sintesi adeguata per esprimere dubbio, disorientamento, incertezza. Complessità. Lo stile di Michela Marzano riflette la complessità della storia narrata e della vita, quindi il ritmo è discontinuo, diseguale, talvolta disarmonico, sempre efficace.

Abbandono.
Non soltanto rinuncia e allontanamento, ma molto, molto di più, di peggio: una parola che da sola richiude un universo di sofferenza, di lacerazione, di frantumi che non trovano una collocazione, un senso, un disegno.

Adozione.
Un atto giuridico che attribuisce la posizione di figlio legittimo a chi, biologicamente, non lo è. Sembra semplice. Non lo è. Perché l’amore è tutto, ma da solo non basta a riparare l’universo in frantumi: c’è qualcosa che manca, c’è un vuoto che tutto l’affetto unito alle migliori intenzioni del mondo non possono riempire. Non è facile entrare nell’immaginario di chi è stato abbandonato dal genitore biologico, nei tentativi di colmare una mancanza che toglie senso al resto, a un minuscolo buco nero che risucchia il presente e il futuro, allo sbaglio che non si può rimediare. Perché, purtroppo, "è la vita che è sbagliata".

Lutto.
Perdere un figlio è forse il dolore peggiore. Se il figlio si è ucciso, il dolore è insuperabile, perché oltre alla perdita c’è il senso di colpa, perché il dolore è tutto ciò che rimane del figlio che non c’è più, perché i ricordi sono soltanto ricordi. Ma se il dolore non si supera e l’amore è tutto e non ha confini ed è perfetto ma non colma il vuoto, che cosa si può fare?

Questo romanzo tenta una risposta. Da leggere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
altre opere della stessa autrice.
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'amore che mi resta 2017-05-09 14:10:41 ornella donna
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    09 Mag, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'amore che non conosce confini.

Michela Marzano, pubblica con la casa editrice Einaudi, L’amore che mi resta. Una storia in cui il dolore e la sofferenza traspaiono da ogni poro e in ogni pagina. La famiglia Laurenti è composta da Daria, la madre che tiene saldamente le redini della casa, e da Andrea, marito e padre, insegnante universitario con una fissa per le parole che “pur essendo importanti” non vanno sprecate; che in virtù di questo che per lui è un assioma determinante si aspetta sempre dai figli discorsi grammaticamente corretti. Ritratto perfetto di borghesia intellettuale. Da giovani si resero conto di non poter avere figli, e allora adottarono una bellissima bambina di sei mesi, da un ospedale romano. Le leggi di allora non prevedevano che la bambina adottata sapesse il nome della madre naturale, prassi, poi, attualmente modificata in senso inverso. Daria, non più giovanissima, riesce, successivamente, a concepire un bambino tutto suo. Quando Giacomo nasce, i due genitori si sentono in dovere di dire la verità a Giada circa la sua adozione, precisando fortemente che non ci sono ne ci saranno mai distinzioni di sorta. Tra i due non vi è discordanza d’amore. Giada cresce felice, prende Giacomo sotto le sue ali benevole, e la famiglia cresce in quella che all’apparenza sembra felicità. Fino al venticinquesimo compleanno di Giada, in cui lei si suicida lasciando un tragico biglietto per spiegare il suo insano gesto:
“Vi chiedo scusa. Mi dispiace, papà, non ce la faccio ad andare avanti. Dite a Giacomo che lui sa quello che voglio dire. Dite a Paolo che in fondo non c’entra niente. Dite a mamma che lei è perfetta.”.
Daria cade in una depressione senza scampo, e tramite una sua amica comincia a frequentare un’associazione di auto-mutuo-aiuto, dove si parla proprio della disperazione per i figli morti. Ma non è la strada giusta per uscire da uno stato che va peggiorando di giorno in giorno. Allora va in analisi, dove per giungere alla elaborazione del lutto deve ricordare gli episodi più salienti del pezzo di vita vissuta con Giada. Ricorda, allora, l’ansia costante di lei, la sua paura, immotivata, di abbandono e le sue conseguenti crisi di panico. E poi le sue stranezze, le sue cupezze, i suoi estraniamenti. Comprende, così, l’infelicità della giovane e il suo desiderio intrinseco di conoscenza della madre naturale. Ed è così che Daria intraprende un doloroso cammino, che la porta ad avvicinarsi al figlio Giacomo, per aiutarlo a superare il blocco che gli impedisce di dare esami universitari, pur studiando come un ossesso. Per troppo tempo la famiglia è rimasta in preda ad un oblio, ad una nebbia paralizzante, ad un dolore troppo forte per essere espresso.
Un libro composto da pezzi di scrittura, da flashback, nel tentativo di dare una visione completa di ogni singolo componente della famiglia. Un libro profondo e una lettura intimistica e dolorosa. Un romanzo commovente sulla maternità.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto Michela Marzano, L'amore è tutto oppure S. Avallone, Da dove la vita è perfetta.
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale della terra
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri