Narrativa italiana Romanzi L'ultima partita a carte
 

L'ultima partita a carte L'ultima partita a carte

L'ultima partita a carte

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Certi libri nascono per caso, e sono piccoli miracoli. "L'ultima partita a carte" è nato da una sfida coraggiosa e apparentemente inaudita che l'autore ha voluto lanciare a se stesso, stimolato da una richiesta della Fondazione Cini: raccontare in modo secco e caldo insieme, in un breve intervento pubblico, quanto aveva narrato distesamente nei libri di tutta una vita, e cioè la sua vicenda di ragazzo nella Seconda guerra mondiale.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'ultima partita a carte 2016-07-18 21:35:45 Dario
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Dario    18 Luglio, 2016

La Voce

Il sergente Rigoni non delude mai. Si potrebbe dire: ma come, un altro libro sull’ultima guerra? Cos’altro può aggiungere a quanto ha già raccontato in altre opere? Aggiunge il punto di vista di un ragazzo di quei tempi di fronte al fascismo e alla guerra. Per molti di noi Rigoni è un vecchio signore che vedevamo di tanto in tanto in qualche intervista televisiva, a rievocare il vecchio Novecento. Ci capita così di dimenticare che aveva appena ventun anni quando partì per la Russia, giovane ma già ricco di esperienza, nato com’era in un epoca e in un ambiente naturale che faceva diventare adulti in fretta. E fin qui, niente di straordinario: erano tantissimi i giovani mandati allo sbaraglio al fronte. In fondo l’Emilio Lussu di “Un anno sull’altipiano” era poco più grande di lui. Ma il punto è che Rigoni riesce davvero a farci sentire, sessant’anni dopo, la sua condizione di ragazzo di fronte ad un gioco più grande di lui, con tutte le sue ingenuità, il suo candore, cosa che traspare molto meno leggendo il bravissimo Lussu.
Il tratto distintivo di Rigoni, a mio avviso, è il fatto di essere un letterato atipico, specie nel contesto di una letteratura “barocca” come quella italiana. Non certo perché gli manchi una vasta cultura (Ariosto e Dante nel suo zaino di soldato al fronte, per intenderci… e noi che non abbiamo mai il tempo di leggere, poverini), ma perché di quella cultura non fa sfoggio, ma strumento che gli fornisce la parole giuste per dire ciò che ha nel cuore. Non conosco un altro scrittore italiano capace di aprirsi così, senza falsa modestia ma anche senza timore di confessare la sua ingenuità. Mario Rigoni Stern non sarà stato il più raffinato dei nostri prosatori del Novecento, ma è la voce più umana, quella che ha dimostrato quali altezze può raggiungere un uomo di lettere quando mette il suo sapere e il suo talento al servizio del lettore, offrendo la sua testimonianza di ciò che è stato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'ultima partita a carte 2008-10-15 21:38:12 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    15 Ottobre, 2008
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La storia scritta da chi l'ha vissuta

“Quando arrivai al Discorso della Montagna tutto mi apparve chiaro, mi sembrava di capire senza alcuna ombra. Era la fame che mi aveva portato na questa chiarezza di pensiero? Capii che gli uomini liberi non erano quelli che ci custodivano, tanto meno quelli che combattevano per la Germania di Hitler. Che noi lì rinchiusi eravamo uomini liberi.”



Questo piccolo volume (sono 107 pagine) ha una sua precisa valenza, non solo nell’ambito della produzione letteraria di Mario Rigoni Stern, ma anche per comprendere che cosa effettivamente avvenne nella seconda guerra mondiale, quale doloroso e infinito calvario dovettero compiere gli italiani per le follie di un regime già morente ancor prima dello scoppio del conflitto.

E’ la storia vista e scritta da chi l’ha vissuta, una testimonianza che nella narrazione prende corpo, partendo da singoli episodi, per giungere, grazie alle riflessioni equilibrate effettuate a distanza di tempo, a una visione globale di rara efficacia.

E’ il lavoro di un umile, di un protagonista suo malgrado che cerca di capire, che vuole che non si dimentichi.

Ci sono dei passi illuminanti, metafore migliori di qualsiasi trattato o saggio storico, come questo, un breve discorsetto durante il commiato dallo zio di Torino:

“zio,-gli dissi,- vedrai che finirà presto. Quando noi arriveremo in Russia sarà già tutto finito. Mi guardò in silenzio. Sussurrò: - ragazzo, tu parti perché sei un soldato. Ti auguro solo di tornare. Queste ultime parole scesero pesanti e riprendemmo la partita. Loro, quelli cui andavo a combattere, avevano il settebello, gli ori, gli assi, noi le scartine. Le nostre figure erano già giocate.”

Dai preparativi, con la vile aggressione alla Francia, alla campagna di Albania, a quella di Russia, alla dura prigionia nei lager tedeschi, è un susseguirsi di passi dolorosi, di un progressivo sordo rancore che s’impossessa dello scrittore, che comprende quanto il ventennio fosse stato solo un palcoscenico di menzogne, di false verità, e come l’onore e la patria, così frequenti nei discorsi fascisti, fossero parole buttate lì, tanto per riempire le orecchie di ignari cittadini, ora vittime di un inutile sacrificio.

Da leggere, per riflettere, per diffidare di chi parla di grandezze, di chi si ciba di retorica, di chi ambisce a essere un uomo della provvidenza.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Caffè corretto
L'appartamento del silenzio
Lingua madre
Per sempre, altrove
Cara pace
L'assemblea degli animali
Le madri non dormono mai
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Divorzio di velluto
Cinquecento catenelle d'oro
Le mogli hanno sempre ragione
Ellissi
Nonostante tutte
La meccanica del divano
Conservatorio di Santa Teresa
Beati gli inquieti