La sposa La sposa

La sposa

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Due sconosciuti in attesa di sparare durante un safari umano. Un giovane sacerdote, ignaro del suo futuro di papa, in un corpo a corpo con il desiderio. Gli attentati compiuti nei supermercati da un tranquillo padre di famiglia con la passione per gli esplosivi. Le peripezie di un cuore espiantato, in corsa verso la seconda vita. Un uomo deciso a condividere la casa con un branco di lupi. Fatti realmente accaduti che si fondono a invenzioni folgoranti.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
3.7
Stile 
 
3.5  (4)
Contenuto 
 
3.8  (4)
Piacevolezza 
 
3.8  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La sposa 2016-07-13 11:27:21 Antonella76
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Antonella76 Opinione inserita da Antonella76    13 Luglio, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Flusso di pensieri...



Era da tanto che non leggevo un libro di racconti così bello...ma forse non l'ho letto neanche ora.
Sì, perché "La sposa" può sembrare un libro di racconti, ma in realtà è un'unico flusso di pensieri, frammentati in tante parti, ma assolutamente concatenati fra loro.
Ciò che mi è piaciuto del libro è stato, innanzitutto, il suo mescolare, in modo abilissimo, pagine di cronaca, fatti realmente accaduti, persone realmente esistite (ed esistenti), a temi di fantasia, a pensieri in libertà.
Ne viene fuori una narrazione che percepisci "vicina", che ti tocca, che ti fa sentire parte di tutto questo.
Diciassette brevi istantanee del nostro presente, del nostro vivere...che, sotto l'apparente normalità, nasconde, e nemmeno tanto bene, tutta la sua inquietudine e i suoi lati oscuri: una società, la nostra, di "sterili", di non-padri, di cattive madri, di safari umani, di uomini che, con i lupi, non solo ci ballano, ma mettono su famiglia...ma anche uomini che corrono e corrono (a perdifiato!) forse per trovare la direzione giusta.
E su tutti...una donna...una sposa in abito bianco che aspetta passaggi per andare a sposare il mondo.
Un altro matrimonio fallito.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
La sposa 2015-10-29 11:40:46 Anna_Reads
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Anna_Reads Opinione inserita da Anna_Reads    29 Ottobre, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Farò vincere l'urlo sulla parola.

La Sposa – Mauro Covacich, 2014

Per vendicarmi farò vincere l’urlo sulla parola.
(da “Cattive Madri”)

Raccolta di diciassette racconti di un autore che non conoscevo, ma di cui avevo letto un paio di recensioni intriganti. Non sono (ero?) una grande lettrice di racconti, ma credo che sia il momento di invertire la rotta; sto lentamente scoprendo e riscoprendo che il racconto offre allo scrittore e al lettore infinite possibilità che spesso sono precluse agli archi narrativi più lunghi. Ti regala il tempo, per dirne una. E la possibilità di “lavorare” molto di più sul materiale che hai davanti (in un racconto, in genere, ci sono molto più “prima” e “dopo” rispetto ad un romanzo).

Qui abbiamo un sottile filo che lega le singole storie che può essere appassionante ricercare sentendosi un po’ Sherlock Holmes (un altro che dà il meglio nei racconti) e una serie di riflessioni un po’ allucinate (ed allucinanti).
E – la cosa che ho amato di più – piccoli ritratti folgoranti di comuni nevrosi e di più rare (fortunatamente) psicosi. L’attesa. La maternità e la non-maternità. L’isolamento. La violenza. L’abbandono. Il disadattamento sociale. Il controllo.
In alcuni racconti abbiamo anche la “sorpresa” finale (alla Romagnoli in “Navi in Bottiglia) che alle ultime righe ribalta il punto di vista che abbiamo avuto (che l’autore ci ha fatto avere) fino a quel momento. Altre volte le ultime righe ti riportano alla vita reale, concreta, di cronaca.
L’autore lavora su fatti di cronaca, intorno a quali crea una corte di figuranti e protagonisti.
Riannoda, se vogliamo, i fili smagliati che partono dal vicino di casa “tanto una brava persona” al “mostro sbattuto in prima pagina”; e lo fa senza indulgenza, buonismo, accanimento. Con uno stile molto asciutto e pulito, nel quale si concede di tanto in tanto qualche author’s corner.
L’esempio che ho preferito è in “Tor Bella Monaca” scritto insolitamente in seconda persona e perfetto ritratto di horror vacui, ma pieno di convinzioni ferree, intervallato di tanto in tanto dall’autore che commenta con “(ma tu non sai)” il disperante abbrutimento del protagonista.

Mi piacerebbe commentare più nel dettaglio ogni racconto, ma penso che non mi sarebbe affatto piaciuto leggere i commenti prima di leggere i racconti, quindi mi autosospendo, però consiglio assolutamente la lettura.
Per parte mia, cercherò altro di questo autore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Navi in Bottiglia - Gabriele Romagnoli.
L'Armata dei Sonnambuli - Wu Ming.
I Racconti di Femoglio.
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
La sposa 2015-10-16 04:01:02 Bruno Elpis
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    16 Ottobre, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Spose & c.

“La sposa” è il titolo del primo dei racconti-saggi di quest’opera di Mauro Covacich, finalista al premio Strega 2015.

Le storie che compongono la raccolta sono raggruppate in categorie.
Ritratti: La sposa, Ogni giorno che va via è un quadro che appendo, Atti impuri
I miei non figli: Sterilità, La ruota degli esposti, Cattive madri, Doppia panna, Safari
Identikit: Carla, Tintorello, Tor Bella Monica, Angela del Fabbro
Nevrosi aerobica: Il punzonatore, La città bambina, L’Uomo-che-soffia
Favole per bambini vecchi: Un cuore in viaggio, La casa dei lupi

Gli identikit ritraggono la single Carla, una scolaresca in gita, un gruppo di giovani sfaccendati (Tor Bella Monica) unicamente intenti a interpretare il vuoto dei valori, una operatrice di call center dal profilo alternativo (Angela del Fabbro). I racconti spesso s’impennano in un finale che riserva qualche piccolo colpo di scena.

Uno dei temi conduttori è la scelta di NON avere figli (“Non siete voi a riprodurre la vita, ma è la vita a riprodursi attraverso i vostri corpi”) in contrapposizione a genitori che concepiscono i figli come proprietà da esibire.

Alcuni racconti – come Safari o La casa dei lupi (“La famiglia di Valter. Bisognava farci i conti, prima o poi, e Damiana… Quella se ne sta lì accucciata, ferma e immobile, e non mi sembra un daino”) – appaiono spietati, altri sono drammi surreali (come “Un cuore in viaggio”, storia del cardiopatico Furian: “È ancora bello, giovane, ma ha sofferto troppo, dentro il dottor Furian non resisterebbe trenta battiti”). Il flusso del racconto viaggia a corrente alternata tra eventi che hanno riempito le pagine della cronaca nera – come l’infanticidio di Cogne, rivissuto attraverso il mito di Salomone, o i misfatti di Unabomber - e storie quotidiane di insoddisfazioni, nevrosi aerobiche e personaggi della nostra vita urbana (“A seconda dell’umore, decide di punzonare o di regalarti un ingresso” - Il punzonatore).

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore
La sposa 2015-06-08 18:10:54 ant
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
ant Opinione inserita da ant    08 Giugno, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

salviamo i bimbi e l'arte

Un testo particolare che l'autore stesso definisce "un unico flusso di pensieri sul presente", si tratta di una serie di racconti, 17 x l'esattezza, in cui Covacich spazia da episodi di cronaca famosi(Cogne, Unabomber) al Festival di Sanremo, passando per un nonno che insegna a lanciare il frisbee al nipotino, fino all'ultimo viaggio dell'artista Pippa Bacca(la sposa del titolo); tutti questi racconti hanno però un tema centrale che li accomuna: la purezza dei bambini e l'arte semplice hanno ancora spazio nel nostro mondo?
Molto bravo l'autore a far emergere in ogni racconto proprio i simboli di una follia senza senso, i protagonisti dolorosi di un tempo che non ama e non rispetta più i suoi bambini, cioè il suo futuro. Sorella dell'infanzia, anche l'arte viene oltraggiata. Estrapolo un passaggio che mi ha colpito e tratta dell'essere madri(pag 41):
...""la sentenza di Salomone,due donne rivendicano la maternità dello stesso bambino, il re dice: " Tagliate in due il figlio e datene metà all'una e metà all'altra". La madre vera sarà quella in grado di dominare l'istinto naturale e privarsi del suo bambino purché resti intatto e sopravviva. La madre falsa sarà quella disposta a smembrarlo pur di averne un pezzo. Ecco cosa significa essere madre. Sapersi separare dal figlio , rinunciare a considerarlo un proprio frutto, accettare di non poterne rivendicare il possesso, riconoscerlo come soggetto diverso da sé, dotato di vita e mente propria. La madre che si rassegna alla perdita del suo oggetto del desiderio, come nella vicenda salomonica, lo riavrà nella separazione...ma non tutte riescono a compiere questo passo"""
e oltre questo, tanti spunti molto interessanti, intrigante

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il borghese Pellegrino
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il dolce domani
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La congregazione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La strada di casa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Questa tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Giura
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'enigma della camera 622
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
La nostra folle, furiosa città
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le imperfette
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Kaddish.com
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri