Narrativa italiana Romanzi La strada che va in città
 

La strada che va in città La strada che va in città

La strada che va in città

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Uscito nel 1942 sotto lo pseudonimo di Alessandra Tornimparte, La strada che va in città è la storia di una ragazza che sceglie di fare un matrimonio d'interesse, di prendere la strada che va in città. Per poi accorgersi che il vero amore è altrove... Passioni senza via d'uscita, vite alla deriva, anime alla ricerca di un approdo sicuro dove lenire le proprie delusioni: con impietoso realismo ma senza alcun giudizio morale Natalia Ginzburg, in questo suo primo romanzo, descrive la solitudine di un'esistenza che nel gioco della memoria rievoca ciò che le è passato accanto come un mistero incomprensibile e inafferrabile.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.9
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La strada che va in città 2016-03-02 20:13:21 Mario Inisi
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    02 Marzo, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La città

Al solito Natalia propone un racconto tenero e senza pregiudizi morali. Il racconto affronta il tema della condizione femminile. La protagonista, Delia, è una ragazza molto poco consapevole di sè, che non conosce bene cosa vuole e nemmeno i suoi sentimenti e che si ritrova incinta di Giulio e innamorata di Nini senza quasi rendersene conto. La città è il paradiso provvisorio di chi soffre la noia e aspira ai divertimenti e a mettersi in mostra ma la scelta da parte di Delia della strada che va in città, luogo cui tutti aspirano arrivare, comporta la rinuncia magari inconsapevole ad altre strade. Con ingenuità Delia si ritrova moglie di Giulio, ragazzo ricco che non ama, e a combattere una suocera e una domestica antipatiche e la sua condizione fa tristezza perchè sembra più una sconfitta che una vittoria. Sembra talmente una sconfitta che anche ricordare il passato diventa difficile e fa paura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

La strada che va in città 2011-08-02 12:07:33 Stefp
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Stefp Opinione inserita da Stefp    02 Agosto, 2011
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La strada che va in città

Delia, vive in un piccolo paese, in una famiglia povera e sogna una vita migliore. Il traguardo, che è anche un punto di partenza, per lei, è la città. Ogni giorno, Delia prende la strada che va in città, per respirare benessere, per guardare negozi, bella gente, dimenticare la povertà della sua famiglia della quale si vergogna. In questo racconto, ci sono gli anni che hanno cambiato la vita di Delia che lei stessa, attraverso la memoria, ricorda e analizza. Gli eventi che le sono passati accanto, per lei, a volte, incomprensibi e ineluttabili. Delia cerca il matrimonio d'interesse, forse con ingenuità, ma alla fine con determinazione e scoprirà quando sarà ormai troppo tardi, che il vero amore è un'altra cosa.
La strada che va in città è il primo romanzo di Natalia Ginzburg. E' uno sguardo impietosamente realista di quelle che già, decine e decine di anni fa, erano giovani vite allo sbando che nel mare della povertà e dell'ignoranza cercavano un approdo nella spiaggia della tranquillità economica, all'ombra del rispetto dato dallo stato sociale. Natalia Ginzburg non dà nessun giudizio etico e morale e fa uscire dalla bocca di Delia, con un lessico appositamente semplice, acerbo, ma immediato e molto efficace il racconto della sua arrampicata sociale, riuscita con l'esempio da emulare, costante davanti agli occhi, della sorella più grande, da tempo sposata, con casa in città, due figure femminili che, agli opposti all'inizio, una ingenua e quasi vittima, l'altra scaltra, disinibita, “arrivata”, finiscono poi per essere simili e sovrapponibili. Sicuramente da leggere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
121
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Un cuore tuo malgrado
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Rien ne va plus
Valutazione Utenti
 
4.4 (2)
Serotonina
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Missione Odessa
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il re di denari
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima volta che ti ho vista
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Il tunnel
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il gioco del suggeritore
Valutazione Utenti
 
3.3 (4)
Vuoto per i bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.4 (2)
Il delitto di Agora. Una nuvola rossa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jesus' son
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Da molto lontano
Valutazione Utenti
 
4.8 (5)

Altri contenuti interessanti su QLibri