Narrativa italiana Romanzi Margherita Dolcevita
 

Margherita Dolcevita Margherita Dolcevita

Margherita Dolcevita

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Margherita Dolcevita è una ragazzina allegra, intelligente e appena sovrappeso, con un cuore che di tanto in tanto perde un colpo. Vive con la famiglia fra città e campagna. Un giorno, davanti alla sua casa, spunta, come un fungo, un cubo di vetro nero circondato da un asettico giardino sintetico e da una palizzata di siepi. Sono arrivati i signori Del Bene, i portatori del "nuovo", della beatitudine del consumo. Amici o corruttori? La famiglia di Margherita cade in una sorta di oscuro incantesimo, nessuno rimane immune. E su chi fa resistenza alla festa del benessere, della merce, del potere s'addensa la nube di misteriose ritorsioni.


Recensione Utenti

Opinioni inserite: 5

Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
3.4  (5)
Contenuto 
 
3.6  (5)
Piacevolezza 
 
3.6  (5)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Margherita Dolcevita 2013-06-10 20:42:10 mamihlapinatapai
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
mamihlapinatapai Opinione inserita da mamihlapinatapai    10 Giugno, 2013
  -   Guarda tutte le mie opinioni

C'EST MOI

storia davvero incredibile. è uno di quei libri che mi è davvero "rimasto dentro".
sarà che pure io mi chiamo margherita ma leggendo questo libro non potevo fare a meno di notare la somiglianza spudorata fra la fantasia di Benni e la realtà. un libro di questo tipo poteva solo uscire da una mente geniale come la sua! Margherita è indipendente, non si fa mettere i piedi in testa da nessuno.
Un altro personaggio molto divertente e curioso nella storia è il nonno che pian piano cerca di abituarsi ad ogni tipo di veleno e quindi rischia la morte costantemente. è magnifico il legame che si crea fra quest'ultimo e margherita. davvero stupefacente!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Margherita Dolcevita 2012-08-28 09:44:37 Yoshi
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Yoshi Opinione inserita da Yoshi    28 Agosto, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

CHE SORPRESA QUESTO BENNI

Quella di Margherita è una storia particolare ma non unica perchè è la storia di ognuno di noi.
Con una famiglia eccentrica e fuori dal comune scopriremo un nuovo mondo in cui difficilmente vorremo farne a meno.
Questo però finchè non arriverà la famiglia Del Ben che scombinerà le carte e stravolgerà gli equilibri.

Primo libro di Benni che leggo e ne sono felicemente sorpresa.
Scrittura scorrevole, semplice e allo stesso tempo tagliente fra le righe e un po surreale.
Quando l'ho concluso (dopo 1 giorno), ho subito pensato che fosse il classico libro che va lasciato sedimentare e che tira fuori vari spunti per riflessioni approfondite.
Margherita fa parte di una famiglia in cui ognuno ha il suo lato creativo ed estroso lasciato libero di agire.
Tutti diversi ma allo stesso tempo complementari tra loro che creano questo equilibrio stabile e profondo nonostante le diverse età.
Dall'altra parte abbiamo la famiglia Del Ben così quadrata e grigia, all'avanguardia su tutto e socielmente e tecnologicamente impeccabili.
I due opposti.
Il bene e il male.
Finto e reale.
Artigianale e la produzione in serie.
Il bianco e il nero.
Margherita vede con i suoi occhi senza filtri, il suo amore verso la diversità delle persone e l'accettazione del proprio mondo e quello altrui.
Credo che il messaggio di Benni sia quello della "sofferenza" delle persone rispetto alla società odierna, la ricerca convulsa all'uniformità di sentimenti, emozioni, stili e modi di fare per paura di quello che ogni uomo è realmente.
L'umano spesso ha paura del diverso ed è questo che lo porta a combattere ed eliminare ciò che non può controllare.
Si tende ad inquadrare tutto e si diventa maniaci del controllo, demonizzando tutto quello che altri hanno deciso che è sbagliato secondo norme sociali/morali.
Questi sono i Del ben.
Mentre Angelo, il figlio, è l'opposto.
Lui è quello che i suoi genitori rifiutano di se stessi (rabbia, caos, impulsività, colore, imperfezione ecc ) e che allontanano per curare, cercando di renderlo secondo gli standard imposti.
Margherita e Angelo combattono per un ideale e altri con loro.
Loro sono quelli che non si piegano a tutte queste luci abbaglianti e forvianti.
Loro non hanno paura di essere diversi dagli altri.
Mi sento di consigliarlo perchè può essere un buono spunto per riflettere o semplicemente per leggere una bella storia.
Unico lato negativo è il finale.
Ammetto che ho dovuto cercare in altre recensioni il significato.
Non riuscivo a trovare una connessione fra questo finale così "ad interpretazione personale" con la storia ben definita e chiara.

"La morale è: non dobbiamo ridere quando siamo contenti noi, ma quando sono contenti loro."

"Solo i pesci morti vanno con la corrente."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Margherita Dolcevita 2012-04-16 11:49:55 darkala92
Voto medio 
 
1.8
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
darkala92 Opinione inserita da darkala92    16 Aprile, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Margherita si droga!

Delusa da Benni per la seconda volta in un solo mese. Che succede?

“Margherita Dolcevita” è un fallito tentativo di voler mettere in scena sempre la sua consueta critica alla società, ma amalgamandola con una pessima storia, se non orrenda.
Un insieme tra fantascienza, surrealismo o semplicemente idiozia.. pura ed estrema idiozia. Il perché di molte cose non mi è chiaro, ancora. Il motivo di alcune scelte contenutistiche proprio non mi lascia apprezzare il libro. La bambina della polvere.. Angelo.. i Del Bene, il Cubo.. ma di che cavolo stiamo parlando? Questo è un colpo basso. La cosa più sensata del romanzo sembra essere quella specie di cane “Pisolo”.. e ho detto tutto!!
Dal punto di vista contenutistico dico NO (altro che Valsoia!)
Dal punto di vista stilistico… pure.

La storia non regge. Uno svolgimento insensato completamente, un finale affrettato e banale, un epilogo insufficiente.

No, non è il mio Benni. Forse Stefano è bravo a scrivere racconti.. per i romanzi “è n’altra cosa!”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
142
Segnala questa recensione ad un moderatore
Margherita Dolcevita 2012-01-26 14:03:37 isabella82
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
isabella82 Opinione inserita da isabella82    26 Gennaio, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Futuro significa progresso?

Dopo aver letto Saltatempo con grande entusiasmo mi sono avvicinata a Margherita Dolcevita e l'impressione di un autore intelligente ed estremamente ironico è stata confermata. Ironia, non polemica, si badi bene. Perchè Benni non esalta gli uni per affossare gli altri, non esiste la perfezione, nè la ragione in senso assoluto, esiste la vita che con tutte le sue sfumature ci distanzia, ci divide inevitabilmente. Qui si riprende la tematica già affrontata precedentemente del mondo naturale contrapposto alla città/civiltà e al suo supposto progresso. Il mondo di ieri, con la sua semplicità e magia (Maghetta come si fa chiamare Margherita)viene assorbito dal mondo di oggi/domani che corrompe, divora e devasta tutto. Margherita è l'ultimo baluardo che tenta di difendere la sua casa, il suo giardino, il mondo per come lo conosce, ma la sconfitta inizierà proprio dalla stessa anomala famiglia di cui si fida. Il consumismo, l'innovazione, la tecnologia, il cartellone che oscura il cielo di stelle tutte inventate... siamo sicuri che l'uomo abbia preso la giusta direzione? Questo sembra dirci Benni fino alle ultime righe di un romanzo sopra le righe, forse un po' esagerato in un finale degno di "L'ultimo Capodanno" di Ammaniti. Ma convince, come sempre.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Saltatempo, Achille Piè veloce
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Margherita Dolcevita 2011-09-23 14:25:53 Argento
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Argento Opinione inserita da Argento    23 Settembre, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

un po' d'aria biopurificata

“I miei genitori mi hanno chiamato Margherita, ma io amo essere chiamata Maga o Maghetta. I miei compagni di scuola, ironizzando sul fatto che non sono proprio snella, a volte mi chiamano Megarita; mio nonno, che è un po’ arteriosclerotico, mi chiama Margheritina, ma a volte anche Mariella, Marisella oppure Venusta, che era sua sorella. Ma soprattutto, quando sono allegra mi chiama Margherita Dolcevita." Così inizia il libro di Stefano Benni Margherita Dolcevita e da subito ci lasciamo contagiare dall’allegria di questa ragazzina.
Margherita è un’adolescente intelligente e fantasiosa che sa guardare il mondo con ironia, forse per i chili di troppo o per il suo cuore un po’ difettoso. Vive con la sua famiglia, di cui giustifica i difetti, che più che altro sono stramberie, in un posto che non è né campagna né città. Si perde nel grande prato intorno alla casa, l’ultimo baluardo di campagna che viene divorata lentamente dalla città. E’ la sua, una vita normale, che assomiglia alla vita di tanti altri adolescenti, almeno fino al giorno in cui, di fronte la sua casa appare un cubo nero circondato da un asettico giardino e da una palizzata di siepi. Lì si sono trasferiti i signori Del Bene, portatori della beatitudine del consumo. Con la loro aria biopurificata, le loro siepi finte, la loro eleganza incantano la famiglia di Margherita. Solo lei resta immune da quel fascino, anzi avverte un pericolo subdolo, non riuscendo però a identificarlo. Con la sua fantasia e la sua combattività, cerca in ogni modo di scoprire quale sia il piano diabolico in cui i Del Bene voglio far precipitare la sua famiglia e forse il mondo intero.
Come sempre Stefano Benni fa centro, con il suo modo di scrivere unico per l'uso originale e innovativo del linguaggio, la sua acutezza nel colpire con la satira gli aspetti più aberranti della società moderna, la sua comicità stralunata e irresistibile e la sua inesauribile fantasia, che gli permette di creare mondi immaginari l'uno più straordinario dell'altro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I libri di Stefano Benni o chi ama l'ironia
Trovi utile questa opinione? 
151
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il senso della mia vita
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La locanda del Gatto nero
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La pista. La prima indagine di Selma Falck
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo scarafaggio
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Il copista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dove crollano i sogni
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cerchi nell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La natura è innocente
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Olive, ancora lei
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Lo splendore del niente e altre storie
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fine
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri