Narrativa italiana Romanzi Penelope alla guerra
 

Penelope alla guerra Penelope alla guerra

Penelope alla guerra

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


La prima opera narrativa di Oriana Fallaci: la storia di una donna che, straniera a New York, non esita a sfidare le convenzioni (e le ingiustizie) di una società maschilista. Penelope che non si rassegna al ruolo domestico di chi tesse la tela aspettando il ritorno di Ulisse, ma, Ulisse lei stessa, Giò viaggia alla ricerca della sua identità e della sua libertà. Si disfa con freddezza della sua verginità, si innamora con ribellione di un uomo debole e incerto che si rivela omosessuale, affronta con coraggio il triangolo in cui si trova coinvolta da Richard (l'uomo che ama) e Bill (l'uomo amato da Richard). Dieci anni dopo, il volto di Giò, la protagonista di questo romanzo, potrebbe essere quello dell'io narrante di "Lettera a un bambino mai nato".

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0  (3)
Contenuto 
 
3.7  (3)
Piacevolezza 
 
3.7  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Penelope alla guerra 2018-08-08 12:35:41 GioPat
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
GioPat Opinione inserita da GioPat    08 Agosto, 2018
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non sei Ulisse, sei Penelope

Giovanna, detta Giò, è una sceneggiatrice italiana che viene mandata dal proprio capo a New York per trovare due soggetti da inserire in un film da produrre. Lei si ricorda di un giovane americano, Richard, che l’ha fatta innamorare dell’America per via delle storie che raccontava mentre si nascondeva in casa ai tempi della guerra. La ragazza, passati gli anni, ritiene che il soldato sia morto perché ha il ricordo indelebile di qualcuno che la informa che il più giovane di due fratelli, appunto Richard, sia caduto in battaglia a causa dei tedeschi. Giò parte per l’America piena di aspettative e convinzioni di trovare la terra dei suoi sogni, ed inizialmente è così poiché la trova come le è stata descritta da Richard. Ospitata a New York da Martine, sua amica, Giò inizia la sua avventura negli Stati Uniti decisa a trovare ciò che sta cercando in maniera felice e spensierata, fino a quando una sera non incontra un fantasma del suo passato: Richard. Il ragazzo non è morto ed è rimasto in America insieme al suo amico Bill. In Giò sorgono allora tanti sentimenti tutti insieme quali amore, paura e desiderio che la faranno avvicinare a Richard, con il quale passa molte belle serate ma altre meno per via dei silenzi inspiegabili di lui. La mente della sceneggiatrice è ormai occupata solo a pensare a Richard, mettendo in secondo piano il proprio lavoro, e non ha nessuno con cui sfogarsi, nemmeno con Martine che è tanto diversa da lei. Bill, invece, si diverte a stuzzicare Giò specialmente quando è in difficoltà ed è lui che le spiegherà i silenzi inaspettati di Richard, e tutte le certezze che Giò aveva crolleranno inesorabilmente.

Scritto nel 1962, è un romanzo che a tratti ho trovato attuale, sia nelle descrizioni degli ambienti che nell’atteggiamento dei personaggi. La trama in sé non mi è dispiaciuta: man mano che si va avanti nella storia diventa sempre più avvincente, fino ad arrivare ai capitoli finali dove viene svelata la verità circa Richard e i suoi silenzi. I primi capitoli, ahimè, scorrono lenti a causa della difficoltà nel capire gli antefatti alla storia riguardanti la guerra quando Giò aveva dodici anni. Tuttavia, quando il focus della narrazione si sposta sulla storia in atto, ossia quella che narra di Giò che migra in America, la lettura diventa più piacevole e le pagine scorrono più rapide.

Contrariamente alla trama, lo stile non l’ho ritenuto all’altezza. Nonostante la storia sia ben raccontata, viene intermezzata da lunghe descrizioni il più delle volte inutili su argomenti che esulano dalla storia e che possono indurre il lettore a smarrirsi tra le righe. I personaggi incontrati nel romanzo, a mio parere, sono privi di spessore, monotoni e ripetitivi; la scrittrice per la delineazione dei personaggi ha adottato uno stile che non ho apprezzato, ovvero quello di far ripetere ai personaggi, ad ogni battuta di un dialogo, le stesse, identiche parole. Per far capire cosa intendo riporto qui il primo dialogo del romanzo, che avviene nelle prime pagine:

"Due mesi le bastano, Giò?"
"Certo, commendatore."
"Le regalo una lunga vacanza. Se ne rende conto, Giò?"
"Certo, commendatore."
"Se dovessi regalare un viaggio a New York a tutti i miei stipendiati finirei sul lastrico: lei mi capisce."
"Certo, commendatore."
"Cosa non farei per lei, Giò"
"Grazie, commendatore."
"Intanto si diverta, si riposi."
"Grazie, commendatore."
"Sono sicuro che tornerà con una bellissima storia, Giò."
"Grazie, commendatore."

Ed ogni personaggio possiede questa pessima caratteristica che contribuisce a renderlo uguali agli altri e a spersonalizzarlo. L’ultima scelta circa i personaggi che non ho apprezzato è stata quella di far dire loro alcune parole che si usano nel dialetto fiorentino. Per quanto riguarda Giò, che è romana, sarebbe comprensibile che dica qualcosa tipico del fiorentino. Purtroppo, però, tali espressioni vengono usate dagli altri personaggi, quelli americani e dunque è impensabile che ricorrano ad un simile linguaggio.

Sinceramente non saprei se consigliare questa lettura o no, in quanto dal punto di vista della trama è passabile ma lascia molto a desiderare lo stile. Mi dispiace per Oriana Fallaci che della sua scrittura ha fatto il proprio punto di forza, tuttavia questo romanzo non mi ha appassionato molto ed a tratti è stato pesante da leggere per via della monotonia dei personaggi e delle lunghe descrizioni. Il titolo del libro è azzeccato poiché Giò rappresenta la più famosa Penelope che, anziché stare a casa ad aspettare il marito, parte come Ulisse alla ricerca della propria identità.

Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

Penelope alla guerra 2012-04-02 13:11:54 C.U.B.
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    02 Aprile, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

PERCHE’ NON PIANGI PENELOPE ?

Scritto nel 1962, “Penelope alla guerra “ e’ forse uno dei romanzi meno impegnati, meno idealisti di Fallaci.
Mettiamola cosi’, questo e’ un romanzo di narrativa, fine a se stesso.
Ma questo non significa sia banale. Anzi, e’ un’ottima storia, ben narrata, ben approfondita. Stimolante, vibrante, incalzante. Bel romanzo, bello.
Ci sara’ qualcosa di autobiografico ? Probabile, ogni autore mette sempre un po’ di sé nei libri.
E io Oriana , nei panni di questa Penelope, ce la vedo proprio.

Italia, anno 1957.
Un’ Italia ancora insicura, impoverita dalla guerra.
Bella e antica, coi buchi dei proiettili nei muri, con Roma che brilla di luce propria.
Coi filari di vite in campagna.
Giovanna e’ sceneggiatrice, giovane donna con nel cuore il ricordo di ragazzina dodicenne di un giovane soldato americano, nascosto in casa dalla madre durante la guerra.
Quel ragazzo che le parlava di New York. Che le intrise il cuore di un amore per una terra sconosciuta, per un sentimento mai provato prima. Che la fece tremare di emozioni.Che mori’ ucciso dai tedeschi .
Ed ecco che le viene offerta un’opportunita’ eccellente, un viaggio di due mesi a New York, completamente spesato , per creare un nuovo film ambientato in questa citta’.
Giovanna non esita, le viene offerta la Terra Promessa su un piatto d’argento.
Parte come novella Penelope, che invece di stare a casa a tessere la tela, si reca in guerra come fosse un uomo.
Caparbia, per nulla intimorita, piena di aspettative.
New York sfavillante di luci incredibili.
New York dal cielo nero perche’ le sue stelle si son poggiate in terra.
New York che odora di nuovo, senza segni della guerra.
New York grassa e ingrassata.
New York di teatro, di narcisismo, di potere, di ricchezza, di donne bellissime, di uomini eccentrici e goduriosi.
New York di whisky e tabacco e diamanti e pellicce di visone.
Dove i fantasmi tornano a vivere. Dove i vivi sono fantasmi.
La Terra promessa talvolta non mantiene la parola.

Penelope cade. Penelope si rialza. Penelope e’ una donna a cui i calzoni stanno bene.
Penelope, le lacrime sanno di sale.

Buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
Penelope alla guerra 2010-05-19 20:59:45 gio gio 2
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
gio gio 2 Opinione inserita da gio gio 2    19 Mag, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

una penelope guerriera

Sono sempre stata una fan della Fallaci,questo suo primo romamzo l'ho letto parecchi anni fa,ricordo che lei se ne era fatta un'autocritica negativa.ma del resto e' risaputo che questa straordinaria giornalista-scrittruce sapeva essere molto critica anche con se stessa,come solo i grandi sanno fare...IL libro narra la storia di una giovane donna,Gio',che al contrario della famosa Penolope di Ulisse non rimane casa segregata a teseere la tela,aspettando il suo uomo...ma parte per New York e sfida la vita,cerca se stessa,incontra un uomo e da li...non mi piace dirvi tutto...Comunque ribadisco quello che e' stato detto qui sotto...si incontrana la tipica figura della donna nella quale la Fallaci credeva...e nella quale personalmente credo anch'io,non da femministe ma da donne che hanno il coraggio di affrontare la vita,che non si siedono ad aspettare...donne che vivono,si e cosa si innamorano,sfidano la sorte,cadono e si rialzano...e riescono ad incontrare loro stesse...VIVONO!!!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Se avete voglia di scoprire la Fallaci attraverso un tono piu' leggero...
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il re di denari
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima volta che ti ho vista
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Vuoto per i bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Da molto lontano
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)
La resa dei conti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vergogna
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Middle England
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Storia di una balena bianca raccontata da lei stessa
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Nel muro
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
1.0 (1)
Donne che non perdonano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Uno sporco lavoro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La misura dell'uomo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri