Prima di noi Prima di noi

Prima di noi

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Una famiglia del Nord Italia, tra l’inizio di un secolo e l’avvento di un altro. I Sartori, quattro generazioni, dal 1917 al 2012, dal Friuli rurale alla Milano contemporanea, dalle guerre mondiali alla ricostruzione alla globalizzazione, dal lavoro nei campi alle scrivanie delle multinazionali. Romanzo storico e corale, vasto ritratto narrativo del Novecento italiano, forse il primo di uno scrittore sotto i quarant’anni, il racconto dei Sartori affronta il fardello di un’eredità che sembra andata in malora. Se gli errori e le sfortune dei padri ricadono sui figli, come liberarsene? La risposta è nella voce di un secolo nuovo, e nello sguardo di chi si accinge a viverlo.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.3  (3)
Contenuto 
 
5.0  (3)
Piacevolezza 
 
5.0  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Prima di noi 2020-10-08 17:13:29 annamariabalzano43
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
annamariabalzano43 Opinione inserita da annamariabalzano43    08 Ottobre, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La nostra vita

Se è vero che è l’uomo, con le sue azioni quotidiane, con le sue piccole o grandi decisioni, con la sua partecipazione attiva alla vita politica e sociale del proprio paese o il suo volontario o obbligato disimpegno, a scrivere pagine di Storia, è pur vero che proprio da quella Storia che ha contribuito a creare, egli è condizionato per tutto il corso della sua esistenza.
È quanto appare in tutta la sua evidenza nel bellissimo romanzo di Giorgio Fontana, che ripercorre un secolo di eventi dalla prima guerra mondiale fino ai giorni nostri, attraverso le vicende di una famiglia nel susseguirsi di più generazioni.
È un romanzo che colpisce per il realismo con cui descrive i sentimenti, gli stati d’animo di ogni personaggio, senza alcun intento di creare miti. Non a caso il capostipite della famiglia Sartori, Maurizio, si presenta come un fuggiasco, diciamo pure un disertore, nel momento della massima confusione della guerra del 15-18. Vile di fronte al pericolo reale della guerra, coraggioso nell’ammettere la propria viltà, si troverà di nuovo a dovere affrontare le proprie responsabilità nel momento in cui dovrà riconoscere una paternità frutto d’amore ma non programmata.
Povertà, disoccupazione, lavoro precario e mal pagato, abbandono della terra natia, sono le piaghe che si accompagnano alle due scellerate guerre che si sono succedute. C’è chi muore in Africa, chi sceglie una vita da intellettuale, chi sarà ribelle e disadattato per tutta la vita. Sullo sfondo fascismo e antifascismo, la ripresa del dopoguerra, la nascita dei movimenti operai, gli ideali anarchici e la loro deriva, il terrorismo, le lotte radicali per il rispetto dei diritti umani. Ogni personaggio è più o meno direttamente coinvolto in questi eventi che, almeno in parte ne condizionano la vita.
Ciò che domina le pagine del libro è sempre comunque l’amore, anche quando sembra essere finito e con esso il dolore, un dolore che muta con il cambiare dei tempi.
“I loro nonni, e in una certa misura i loro padri, avevano dovuto sopportare il dolore fisico, fame e freddo e povertà, o una qualche privazione; e ora questo dolore era terminato, a loro spettava un destino di ferite interiori. Oh, certo erano cose da poco. Nessuna guerra che meritasse di finire tra le pagine di un libro: solo una costante paura del futuro…..”
Una costante paura del futuro. È l’angoscia del nostro tempo. Eppure la saga dei Sartori che nasce apparentemente dal “buio della viltà” ci insegna che da qualche parte c’è sempre una luce, se si è capaci di provare pietà.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
Prima di noi 2020-06-17 14:45:45 topodibiblioteca
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
topodibiblioteca Opinione inserita da topodibiblioteca    17 Giugno, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Di generazione in generazione

Un lavoro ambizioso questo romanzo di Giorgio Fontana che nel solco di una tradizione forse più europea o sudamericana piuttosto che italiana, scrive un libro imponente e importante. Non tanto per la quantità di pagine (quasi 900) bensì per l’ottimo risultato nel raccontare la saga familiare dei Sartori nell’arco temporale di quasi cent’anni di storia italiana. Quattro generazioni che si susseguono, partendo da Maurizio Sartori, che decide di disertare nel 1917 in pieno conflitto mondiale, ed arrivando fin quasi ai nostri giorni, nel 2012, quando la bisnipote si reca sulla sua tomba come si chiudesse un ideale cerchio. In mezzo a tutto questo emerge il destino della famiglia Sartori che “aveva costruito una nave partendo dal poco legno disponibile: di generazione in generazione era uscita dal fango e dall’oscurità, alzando alberi, tessendo vele, rinforzando lo scafo”. Il paragone con la nave che viene costruita e rinforzata per resistere al mare periglioso è ben azzeccato. I Sartori infatti lottano, cercano il loro posto al sole, hanno sogni di autorealizzazione che variano a seconda dei momenti storici ed alla personalità che li contraddistingue. Tutti quanti risultano però in qualche modo accomunati da un profondo senso di inquietudine che si manifesta col desiderio di una fuga perenne: per paura, per protesta, o semplicemente per dare un senso alla propria esistenza alla ricerca di un riscatto sociale. In particolare è la seconda generazione della famiglia quella che pone le basi per il grande cambiamento. Sono i fratelli Renzo e Gabriele sopravvissuti alla tragedia della seconda guerra mondiale ad abbandonare la terra natia, il Friuli rurale, diventando così protagonisti di quel fenomeno migratorio che spinge masse di italiani verso la Lombardia e l’hinterland milanese in cerca di fortuna. Sullo sfondo di un’Italia tumultuosa, a cavallo tra gli anni ’60 e ’70, attraversata da rigurgiti di violenza anarchica e fascista, da rivendicazioni sindacali, dalla lotta di classe o dal semplice desiderio di un posto di lavoro dignitoso,

Fontana tratteggia le sorti dei Sartori travolti dai grandi eventi della storia e dai piccoli eventi famigliari ma comunque mai domi (“Il mondo era più forte di tutti loro, o forse loro erano così testardi e stupidi da non sapere come viverci in pace. Eppure non si arrendevano. Nemmeno di fronte alla sventura, alla malattia, alla solitudine: l’indomito spirito dei Sartori”). Scorrendo le pagine della “saga familiare” diventa difficile non provare empatia e solidarietà nelle vicissitudini dei Sartori individuando come comune denominatore intergenerazionale quella “sofferenza” che pare conservarsi e diffondersi tra i discendenti e le epoche storiche, seppure in modalità differenti (“La sofferenza si conservava proprio come l’energia. I loro nonni, e in una certa misura i loro padri, avevano dovuto sopportare il dolore fisico, fame e freddo e povertà o comunque una qualche privazione; e ora che questo dolore era terminato, a loro spettava un destino di ferite interiori….Nessuna guerra che meritasse di finire tra le pagine di un libro: solo una costante paura del futuro, e forse un altrettanto grande timore nel voltarsi, per rimanere pietrificati”).

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Prima di noi 2020-03-23 14:07:14 Barbara
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Barbara    23 Marzo, 2020

Il 900 italiano in quasi 900 pagine

È un libro che sa tenerci compagnia, questo di Giorgio Fontana. Lo scorrere fluido delle vicende della famiglia friulana dei Sartori, si sviluppa in circa 900 pagine, un numero casualmente coerente col periodo storico che fa da sfondo. Ma non deve spaventare il suo peso specifico, perché le pagine scorreranno amabilmente tra le dita del lettore che in breve tempo sarà coinvolto nella vita dei vari personaggi. L' autore non pretende di affrontare i grandi temi politici, tuttavia riesce, con stile semplice e raffinato a trascinare l' attenzione verso le esperienze quotidiane, verso la genuinità dei rapporti e degli ideali personali, che inevitabilmente si ritroveranno travolti e influenzati dal contesto socio-culturale.
Il racconto inizia con Maurizio Sartori, capostipite della famiglia, che sarà protagonista della grande guerra da cui se ne affrancherà come disertore dopo la ritirata di Caporetto, una scelta che lo segnerà per il resto della sua vita. Si ritroverà marito di Nadia e padre di tre ragazzi che a loro volta prenderanno parte al secondo conflitto mondiale, ricoprendo tre ruoli diversi e offrendoci dunque, una panoramica dello spirito di quegli anni.
Da qui inizia il racconto dei fratelli Sartori, le loro vicende familiari e personali in una Italia che deve ricostruirsi, dei i rapporti, che nonostante le difficili vicissitudini, resteranno forti, perché il valore dell' unione familiare sarà sempre trasmesso e farà da filo conduttore anche nelle esperienze dei loro figli, e dei loro nipoti.
Ebbene i figli di Maurizio e Nadia e le tre generazioni successive ci accompagneranno fino ai giorni nostri in questo arcobaleno di esperienze che si snodano Prima di noi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempi duri
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La seconda spada. Una storia di maggio
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desideri deviati. Amore e ragione
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La morte è il mio mestiere
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri