Ternitti Ternitti

Ternitti

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

È il 1975. Mimì Orlando ha quindici anni quando lascia la Puglia per seguire il padre nella fabbrica svizzera che produce lu ternitti: l'eternit. Per Mimì quelli al Nord sono gli anni del freddo, ma anche quelli della passione segreta che brucia nel buio dei capannoni dove gli emigranti trovano riparo: l'amore per Ippazio, diciotto anni, tra le dita già corrose dall'amianto un fiammifero acceso nella notte per rubare uno sguardo. Anni Novanta. Mimì è di nuovo in Puglia. Ha una figlia adolescente. Ma accanto a loro non ci sono uomini, per Arianna non c'è un padre. Mimì vive con feroce innocenza, affamata della giovinezza che le è stata sottratta e insieme forte del coraggio di una vita intera. È una donna che sa parlare con le proprie inquietudini e paure ma anche guardare al futuro senza piegarsi.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 5

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
2.8  (5)
Contenuto 
 
3.0  (5)
Piacevolezza 
 
3.0  (5)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Ternitti 2012-02-22 13:13:10 p.luperini
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
p.luperini Opinione inserita da p.luperini    22 Febbraio, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

LU TERNITTI PERICOLO FATALE

Cosa dire di un romanzo che si vola pagina dopo pagina, che ti fa conoscere i suoi personaggi che ti fa vivere le loro sofferenze e le loro soddisfazioni e ti infonde pura energia.
L’energia interiore e la determinazione sono le doti che ha sviluppato la protagonista Mimì che sbandiera in faccia al lettore sin dalle prime pagina.
Mimì è una sorta di eroina dei nostri giorni che non teme la paura, la fatica, la bellezza e la sua avvenenza; che non teme le malelingue che la perseguitano, gli uomini che la corteggiano e che non teme neanche la morte che le ruba le persone care: lei continua a vivere per il suo sogno. Mimì sa andare contro corrente, ma ha un cuore generoso, mantenuto vivo dal suo rapporto con le madri, gli antenati e soprattutto da una sincerità di affetti
Questo romanzo è un elogio ad una donna vera, che si trova a vivere come emigrata in adolescenza e che le rimane come una piaga per tutta la vita. La sua famiglia, come tante altre famiglie pugliesi, è emigrata in Svizzera per lavorare nelle industrie dove si produceva lu ternitti: l’eternit, un composto di cemento e amianto.
Lu ternitti ha tolto valore alla vita di tutti coloro che ne sono entrati in contatto segnandone un’inevitabile dolorosa fine. La strage narrata durante il romanzo è storia attuale ed una tragedia che si sta consumando lentamente e Mimì la combatte coraggiosamente.
La Svizzera per Mimì, però, ha significato anche altro perché lì ha conosciuto l’unico suo grande Amore ed ha generato la sua luce Arianna.
Non sappiamo se alla fine Mimì riuscirà a scampare all’inevitabile destino che ha consumato i suoi affetti, ma sappiamo con certezza che riesce a trovare nell’incontro col suo Amore la forza interiore per continuare a combattere serenamente le avversità che si abbattono sul suo popolo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Ternitti 2012-01-19 22:16:25 Nica
Voto medio 
 
1.0
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Opinione inserita da Nica    20 Gennaio, 2012

Perdita di tempo

Non so dove iniziare: con il fatto che l'autore ha scelto un tema molto più grande di lui (emigrazione), con il goffissimo e troppo ambizioso tentativo di creare un personaggio femminile "alternativo" e forte che risulta poco credibile, con la parte finale (tra le più patetiche che io abbia mai letto)... Se ci penso bene, non inizio affatto. Ho già perso troppo tempo leggendo questa storiella sdolcinata e insensata. Non la consiglierei a nessuno.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
27
Segnala questa recensione ad un moderatore
Ternitti 2012-01-04 20:53:09 MagicalRobert
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
MagicalRobert Opinione inserita da MagicalRobert    04 Gennaio, 2012
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sei grande Mimì!

Com'è bravo Desiati! Che passione ha saputo mettere in questo suo stupendo romanzo! Solo uno scrittore salentino, che ha vissuto a contatto con la gente e le loro dolorose storie di emigrati in Svizzera a Zurigo nella seconda metà degli anni settanta, dove lavoravano alla produzione dell'eternit, lu ternitti nella storpiatura in salentino, poteva scrivere questo duro e a tratti sognante capolavoro. Come con grande sensibilità ed interesse, descrive la silenziosa ma tragica storia dell'ETERNIT; silenziosa purtroppo, anche nella storia delle tragedie italiane. Il male lento ma inesorabile reso dal mesotelioma dell'amianto, è narrato attraverso le vicende di Mimì Orlando, costretta a trasferirsi, a quindici anni, insieme alla famiglia in un palazzone dalle enormi vetrate, vicino alla fabbrica svizzera che produceva "lu ternitti". Saranno appunto ricordati da Mimì come gli "anni del vetro". Anni duri, vissuti nella più totale promiscuità; dove Mimì iniziera a vedere con i propri occhi la triste metamorfosi causata dall'amianto, sui volti degli uomini, "Uomini con occhi rossi, acquosi". Emigranti, trattati da tali, costretti a frequentare uno squallido bar un solo giorno a settimana perchè a loro emigranti italiani, è dedicato solo quel giorno. E in una situazione di emarginazione, commuove rendersi conto come questa gente in quel giorno riusciva comunque a provare euforia. Un insignificante bar con in sottofondo la musica dei Ricchi e Poveri, in un simile frangente può sembrare il paradiso. Non apprezzi la magia, la gioia di un momento se per te tutto scorre sempre con leggerezza, se i problemi sono ridicoli dettagli. Ed ecco che nella casa di vetro, dove ci si sente smarriti, lontani dal sole del Salento, gli incontri di nascosto tra Mimì ed il suo primo amore Ippazio, vive nella magia segnata semplicemente da fiammiferi accesi e spenti al buio davanti ai loro volti che esprimono smorfie e desiderio l'una dell'altro. Eh! L'amore, un sentimento che annulla tutta la tristezza intorno a Mimì. Lei una donna dalla bellezza prorompente, una donna dal carattere forte, che torna a vivere al Sud contro tutte le meschinerie, le malelingue, ma prodiga ad aiutare chiunque ne abbia bisogno...anche verso chi è ingiusto nei suoi confronti. La ritroviamo nella seconda parte con la figlia Arianna adolescente, molto simile a lei, e come la madre con un a forte personalità. Il carattere di Mimì contro la viltà di molti suoi compaesani, espresso nella seconda parte del libro, rappresentata nello splendore del Salento; dico splendore anche non conoscendo personalmente questa terra, in quanto Desiati fa arrivare, tramite le sue accurate descrizione la magia e la bellezza dei luoghi del Capo, tra Ionio e Adriatico. Spesso presenti nel libro, dialoghi in dialetto che , almeno a me, lo hanno reso ancora più autentico, soprattutto nel far immaginare la figura di Mimì Orlando! Assolutamente meraviglioso... ci saranno delle sorprese, quindi... non posso dilungarmi!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Sicuramente a chi ama conoscere le storie di tragedie cadute nel dimenticatoio! Almeno per molti di noi.
Trovi utile questa opinione? 
131
Segnala questa recensione ad un moderatore
Ternitti 2011-07-29 15:10:05 ant
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ant Opinione inserita da ant    29 Luglio, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La magia del Salento e storie d'emigrazione

Si parla di emigrazione, precisamente dalla Puglia in particolar modo dalla provincia di Lecce, un gruppo di persone salgono in Svizzera, a Zurigo, negli anni 70 per lavorare all'Eternit e per cercare di migliorare sia dal punto di vista economico che sociale . Molto ben delineate dallo scrittore le situazioni dell'approccio a questa nuova realtà da parte degli emigranti, le difficoltà iniziali, il vivere di poco e con molto sacrificio. In questo frangente Mimì la protagonista del libro ha una storia con un figlio di altri emigranti leccesi,Ippazio e da questa fugace scappatella nasce Arianna. Da questo momento in poi della narrazione lo scritore è bravo a tenere il lettore attento e curioso su due livelli d'interesse verso le pagine: le vicissitudini personali di Mimì che intanto con la bimba se n'è tornata a Lecce; le battaglie degli operai nei confronti dei responsabili della fabbrica per tanti decessi dovuti all'asbestosi, malattia causata dall'amianto. Su questi due livelli di cui sopra si sviluppa un signor libro e non voglio star qui a svelarvi passaggi importanti e profondi del testo. Desiati ci descrive con poesia e maestria certi paesaggi tra Tricase e zone limitrofe, che sono da brivido a dir poco: scogliere e rocce sul mare, la pietra salentina che al tramonto assume colori unici... le chiese, le case di campagne, gli ulivi, i prodotti tipici del luogo, i racconti e la nostalgia degli emigranti. Stupendo si può dire?Lo dico! Bell'intreccio di storie, bel libro. Saluti

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
romanzi ambientati nel Sud Italia
Trovi utile questa opinione? 
61
Segnala questa recensione ad un moderatore
Ternitti 2011-05-02 09:31:54 LuigiDeRosa
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
LuigiDeRosa Opinione inserita da LuigiDeRosa    02 Mag, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Certi amori non finiscono fanno dei giri immensi e

Niederurnen, cantone di Glarus Svizzera, siamo negli anni sessanta, quasi
duemila abitanti dei comuni del Capo di Leuca migrarono per lavorarenell'omonima fabbrica di amianto. "Ternitti" così i lavoratori meridionali,pugliesi e calabresi, chiamavano il terribile eternit che veniva fabbricato in Svizzera.
Molti di questi lavoratori italiani oggi sono morti o, se sopravvissuti, gravemente malati, in sintesi rppresentano la più grande e silenziosa tragedia dell'emigrazione italiana. Questo romanzo è il racconto toccante di questo massacro silenzioso che ha scavato nel profondo le carni di giovani lavoratori, di padri e madri che volevano dare un futuro ai loro figli sensa sapere che stavano condannando se stessi ad una morte lenta e dolorosa. Marco Desiati intreccia la tragedia di questi operai con una combattuta storia d'amore, qualla di Mimì, ragazzina ribelle, di Scorrano in Puglia, guidata nelle sue scelte dalle voci degli antenati (allucinazioni,fantasmi?)e dalla voglia di emancipazione. Nella "casa di vetro" la fabbrica abbandonata dove vivevano come bestie gli emigrati,Domenica Orlando detta Mimì incontra Ippazio, giovane operaio, che salta di vasca in vasca a rimestare eternit, ma in questo mondo canceroso una notte alla luce di un fiammifero accadde che...
di Luigi De Rosa

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
romanzi d'amore
Trovi utile questa opinione? 
141
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il morso della vipera
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il borghese Pellegrino
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il dolce domani
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La congregazione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La strada di casa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Questa tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Giura
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'enigma della camera 622
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
La nostra folle, furiosa città
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le imperfette
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Kaddish.com
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri