Narrativa italiana Romanzi Tutta questa vita
 

Tutta questa vita Tutta questa vita

Tutta questa vita

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

A sedici anni tutto è da scoprire, la vita è ancora intera, possibile, e il futuro un’opportunità. Così anche per Paoletta, che di avere “tutta la vita davanti”, però, non è entusiasta. Forse perché odia le frasi fatte o semplicemente perché è diversa dalle altre ragazze: detesta Facebook, legge Anna Karenina, filosofeggia su Harry Potter, invece delle sit-com guarda vecchi film, si ingozza di dolci infischiandosene della bilancia e allo shopping con le amiche preferisce di gran lunga le passeggiate silenziose con il fratello minore, Richi. O forse è proprio lui a renderla diversa: Richi ha dodici anni, le gambe così fragili che possono reggere solo pochi passi strascicati, un braccio difficile da controllare e una vita tanto più complicata davanti. Non parla molto, e quando lo fa, non sempre gli altri lo capiscono. Ma Paoletta sì; brevi frasi che hanno, per lei, il sapore della sincerità che manca nella villa di famiglia. Un’autentica prigione. Una tortura di menzogne, cose non dette, segreti pericolosi, da cui la ragazza scappa ogni volta che può. E insieme a Richi attraversa il confine, immaginario eppure così reale, che divide lo splendido giardino di casa loro dalle Margherite, il quartiere popolare, dove gli appartamenti sono modesti, le giostrine arrugginite e i padri non sono imprenditori di successo ma cassintegrati in difficoltà. E dove c’è Antonio, anche lui, a modo suo, diverso. L’unico, a parte Richi, che sa leggerle dentro e che l’aiuterà, almeno per una volta, a lasciarsi trovare.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Tutta questa vita 2014-08-03 11:29:35 Alessandro
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da Alessandro    03 Agosto, 2014

Vivamente sconsigliato

Se si potesse scegliere tra i soldi e la bellezza, tu cosa sceglieresti?
E' questo l'interrogativo che ci pone 'Tutta questa vita', il romanzo scritto da Raffaella Romagnolo.
Dal romanzo emerge una verità indiscutibile, che non si può avere tutto dalla vita. Paoletta è brutta, Antonio è bello. Lei guarda il mondo dalla sua villa di famiglia, dove i genitori sono imprenditori di successo. Lui lo vede dal suo appartamento modesto, dove i genitori sono cassintegrati in difficoltà. E' questa la storia su cui è basato tutto il romanzo, la continua contrapposizione tra i due mondi. Tutto il resto mi sembra una specie di filmino mentale della protagonista. La prima parte del romanzo sembra piuttosto noiosa e ripetitiva, con contenuti spesso e volentieri simili tra loro. La storia si perde dietro continue digressioni dell'ultimo minuto che fanno perdere il filo conduttore dei fatti; anche perché sono troppi i temi che l'autrice ha voluto inserire nel romanzo, l'obesità, la differenza sociale, la disabilità fisica e l'inquinamento ambientale. Da tutto ciò risulta un romanzo molto attuale e contemporaneo, ma allo stesso tempo dall'aspetto un po' stonato e "assordante", poco leggibile in quanto a coesione e scorrevolezza. Eccessivamente particolareggiate le descrizioni degli ambienti, come se il lettore dovesse forzatamente immaginarsi tutti i particolari dei luoghi. I personaggi, descritti con ironia e vivacità, fanno da sfondo a tutta la vicenda. Lo stile, troppo semplice e colloquiale, è spesso caratterizzato da espressioni un po' volgari.
Ho letto questo libro per un lavoro di scuola, e quando l'ho aperto pensavo di trovare un romanzo diverso dal solito, una storia meno scontata. Quando l'ho richiuso ho capito di essermi sbagliato.
Davvero deludente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Tutta questa vita 2013-11-13 07:59:02 maria.luperini
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
maria.luperini Opinione inserita da maria.luperini    13 Novembre, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

A che serve essere giovani

Come conferma del fatto che i libri ci aiutano a comprendere, come i testimoni e come gli amici, ho apprezzato l’ultimo romanzo di Raffaella Romagnolo, “Tutta questa vita” (Piemme 2013). Comprensione dell’adolescenza, sicuramente, che è l’argomento principale. Quasi un’empatia. Già dalla citazione di Barnes in capo al libro: Sì, certo, eravamo presuntuosi, se no a che serve essere giovani? È difficile trovare chi ci racconti l’adolescenza senza ricorrere alle stucchevolezze dei lucchetti sui ponti. Quegli anni in cui s’insegue la verità a tutti i costi, senza badare a chi si ferisce, come il migliore degli ideali e dei mondi possibili. In cui sembra che per essere se stessi si debba essere “contro” qualcosa. In cui ci si sente brutti e trascurati e ogni fatto è travisato per dimostrare che anche gli altri lo pensano. In questo senso un romanzo di formazione, ma più ancora di nostalgia per la propria adolescenza.
Paoletta prima mette sua madre nel mirino di ironia e critica feroce, poi, di fronte alla verità, sfoggia una tenerezza infinita: Quando chiedi scusa, speri che l’altro ti perdoni. Come farà, la mia mamma, a perdonare se stessa? Non più mami, non più Monica Costa la Walkiria, la mia mamma. La ragazza si riappropria di lei e non la lascia più, con la stessa assoluta determinazione di quando l’allontanava. I giovani sono così: tutto o niente.
Poi, il silenzio nella famiglia. “Tutte le famiglie felici si assomigliano fra loro, ogni famiglia infelice è infelice a suo modo, e il nostro modo è il silenzio. (…) É una roba che ti si attacca addosso, il silenzio, come una colla, un tic, come le sigarette, vorresti smettere ma non puoi.” (pag. 160).Il silenzio che ignora, che nasconde, quello che comprende ma anche quello che protegge. Il silenzio ostinato di chi si chiude nelle proprie ragioni; il silenzio altero di chi mette a tacere per imporre l’autorità; il silenzio doloroso di chi maschera la tragedia sotto l’apparente normalità, per continuare a vivere; il silenzio consapevole di chi garantisce che la vita cresca per i più deboli fino al loro riscatto. Fino al momento in cui tutto viene a galla e la madre spiega: “Quattro cene, e fine del silenzio. Ci stavamo dentro come una bolla, e adesso non c’è più.”(pag.168).
La vita segue, come anche ne La masnà, la genealogia femminile della famiglia. La battagliera nonna, la coraggiosa madre, la protagonista adolescente.
Il personaggio maschile sicuramente vincente è Richi, il fratellino disabile di Paola, la cui intelligenza e tenacia permettono all’autrice di raccontare la diversità lasciandola “dove sta, al suo posto, dentro la vita”. E’ l’atteggiamento che da sempre i disabili chiedono: essere lasciati dentro la vita, essere trattati come chiunque altro, senza facili buonismi né pietà pelosa.
Al centro di tutto, anche se si verrà a scoprire tardi, il centro attorno a cui ruota ogni comportamento e ogni personaggio è la vita di chi abita nel villaggio delle Margherite, e su cosa materialmente questa vita si svolge: uno scottante argomento del nostro tempo, il nuovo male, il nuovo attentato alla sacralità della vita, che non voglio rivelare per non togliere al gusto del leggere la storia la sua più tragica e coinvolgente sorpresa.
Infine, il perdono. La capacità di fare la cosa giusta, che è poi il raggiungimento della maturità piena, della capacità di prendere in mano la propria vita.
Un libro che consiglio vivamente, per ogni età, visto lo stile moderno e scorrevole che l'autrice adotta, senza rinunciare all'italiano impeccabile che la contraddistingue da sempre.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.5 (3)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri