Narrativa italiana Romanzi Una storia nera
 

Una storia nera Una storia nera

Una storia nera

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Roma, 7 agosto 2012. Il giorno dopo la festa di compleanno della figlia minore, Vito Semeraro scompare nel nulla. Vito si è separato da qualche tempo dalla moglie Carla. Ma la piccola Mara il giorno del suo terzo compleanno si sveglia chiedendo del papà. Carla, per farla felice, lo invita a cena. In realtà, anche lei in fondo ha voglia di rivedere Vito. Sono stati insieme per tutta la vita, da quando lei era una bambina, sono stati l'uno per l'altra il grande amore, l'unico, lo saranno per sempre. Vito però era anche un marito geloso, violento, capace di picchiarla per un sorriso al tabaccaio, per un vestito troppo corto. "Può mai davvero finire un amore così? anche così tremendo, anche così triste." A due anni dal divorzio, la famiglia per una sera è di nuovo unita: Vito, Carla, Mara e i due figli più grandi, Nicola e Rosa. I regali, la torta, lo spumante: la festa va sorprendentemente liscia. Ma, nelle ore successive, di Vito si perdono le tracce. Carla e i ragazzi lo cercano disperatamente; e non sono gli unici, perché Vito da anni ha un'altra donna e un'altra quasi figlia, una famiglia clandestina che da sempre relega in secondo piano. Ma ha anche dei colleghi che lo stimano e, soprattutto, una sorella e un padre potenti, giù a Massafra, in Puglia, i cui amici si mobilitano per scoprire la verità a modo loro. Sarà però la polizia a trovarla, una verità. E alla giustizia verrà affidato il compito di accertarla. Ma in questi casi può davvero esistere una sola, chiara, univoca verità?



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Una storia nera 2019-03-30 11:15:09 violetta89
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
violetta89 Opinione inserita da violetta89    30 Marzo, 2019
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

una storia Vera

Carla è una donna che è stata vittima di violenze da parte del marito Vito, per anni ha sopportato per il bene dei figli e perché pensava che quello fosse amore. Carla un giorno dice basta, lascia il marito e se ne va coi figli, lei e la bimba piccola in un piccolo appartamento, i due figli maggiori in una casa condivisa con altri ragazzi. Il marito però non accetta la separazione e inizia così a minacciarla, a stakerizzarla, a pedinarla. Detta così sembra una di quelle storie che affollano le pagine di cronaca nera, se non fosse che un giorno il marito scompare nel nulla e successivamente viene trovato morto. Chi ha ucciso Vito? E' stata Carla? E' stata legittima difesa oppure no? A questa storia si intrecciano altri fili, la famiglia mafiosa di Vito, la sua amante, l'uomo che Carla stava frequentando, le vite dei due figli maggiori e la trama si infittisce ma resta comunque un racconto molto da fiction o da film, tanti dialoghi, un'atmosfera cupa che respiri anche tra le pagine del libro. Alla luce delle notizie che sentiamo tutti i giorni, è una storia molto realistica e ben descritta, i personaggi sembrano persone che davvero potremmo conoscere o incontrare per strada. Il finale è un po' amaro ma tutto sommato ho fatto il tifo per Carla da subito, per cui anche se la morte di Vito non è stata un dispiacere, è un peccato che ne faranno le spese i figli.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Una storia nera 2017-04-23 17:12:01 ornella donna
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    23 Aprile, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il serial crime di Antonella Lattanzi


Antonella Lattanzi ha pubblicato qualche anno fa Devozione, e precedentemente Prima che tu mi tradisca. Ora torna con Una storia nera, edita da Mondadori.
La storia riguarda due persone, Vito e Carla, separati da qualche anno, riguarda i loro due figli adulti, Nicola e Rosa che vivono assieme, e la piccola Mara che compie tre anni, che domanda che ci sia il padre con lei a spegnere le candeline con tutti. Il matrimonio è finito per gelosia e per violenza, è finito il matrimonio ma non la gelosia e la violenza. Vito la picchia e la minaccia ancora se può. L’autrice è abile nell’entrare direttamente in quella eccezionalità che porterà a qualcosa di tragico, che tutti sentono un finale terribile. Non si ricostruisce il tempo del passato, ma inizia direttamente nel punto della tragedia. Prende i suoi personaggi, quando già si sono separati, quando Carla sta vedendo un altro uomo, quando Vito sta avendo una storia compiuta con un’altra donna che già vedeva e frequentava da prima, con la quale, forse, ha avuto anche una figlia, li va a prendere lì, nel momento in cui sembra che la tragedia segnata nel destino potrebbe essere miracolosamente scampata, e invece accade, ineluttabilmente, perché segnata e nessuno avrebbe avuto la forza di tirarsene via. Quella sera delle candeline l’evento tragico arriva. E non è quello che tutti attendiamo: Vito scompare e da quel momento in poi tutto il racconto diventa la storia nera che il destino aveva previsto. Carla infatti dice:
“Ti senti in colpa perché se è vero che è stato il marito peggiore che potessi immaginare, pure ai tuoi figli ha voluto tanto bene, e anche a te, ti ha amato da morire, è solo che il suo amore era un campo di battaglia.”
I gabbiani svolazzano minacciosi come avvoltoi sui personaggi del bel romanzo, fanno venire in mente gli uccelli di Hitchcock, quando si proiettano famelici su un sacco di rifiuti abbandonato in una discarica di Spinaceto, vicino a Roma. Quello che più sorprende in questo libro è che tutto è costruito sui fatti. E’ un libro di azioni e di dialoghi, ci sono capitoli del processo molto appassionanti, come se fosse un serial crime trasformato in letteratura, con grande sapienza narrativa. Molto c’è da chiarire e da capire e l’autrice lo fa con un montaggio sapiente, una scelta di punti di vista, da cui scaturisce, infine, un gruppo di personaggi davvero notevoli. Una maniera di raccontare cinematografica. Una storia di violenza nera come la pece. Il narrato frenetico, i dialoghi fitti, l’enumerazione spasmodica di dettagli, stati d’animo, immagini come lampi fa crescere via via un senso di angoscia, di particolare sconcerto. E’ un noir anti-convenzionale. E’ la narrazione di uno scavo all’interno della violenza, alle radici e nei meccanismi subdoli e durevoli attraverso cui sfascia una coppia, una famiglia e l’identità dei singoli. Nel finale si legge:
“E poi pensò che non c’era più un noi.”
Ed è il suo definitivo e feroce approdo. Ma cosa si è perso, perdendo quel noi? E che cosa è finito sotto le macerie? La dignità, l’equilibrio, l’amore di sé. O è proprio per riscattare tutto questo, che diventa necessario liberarsi di quel noi e distruggerlo? A voi la lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto: Claudia Priano, Smettila di camminarmi addosso; oppure Riccardo Iacona, Se questi sono gli uomini.
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Domani e per sempre
Nova
Sonetaula
L'alba sepolta
Caffè corretto
L'appartamento del silenzio
Mordi e fuggi. Il romanzo delle BR
Lingua madre
Per sempre, altrove
Il Duca
Cara pace
L'assemblea degli animali
Le madri non dormono mai
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Divorzio di velluto
Cinquecento catenelle d'oro