Valentino Valentino

Valentino

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Valentino è un bel ragazzo che studia medicina. Nei sogni di suo padre diventerà primario; nei sogni di sua madre sposerà una donna splendida. Solo sua sorella Caterina lo vede per quello che è: pigro, viziato e vanesio, destinato ad avere per moglie una donna brutta e ricchissima e ad andare incontro al fallimento. E Caterina, esclusa dalla vita, spettatrice in attesa che tocchi anche a lei una parte da protagonista, ci racconta ogni cosa con piglio ironico e concreto. In questo romanzo breve del 1957 ritroviamo l'arte di Natalia Ginzburg d'intessere una narrazione discorsiva e semplice con fatti rivelatori che portano allo scoperto la forza e la disperazione del vivere. Accade altrettanto nel «racconto lunghetto» Sagittario, anch'esso del '57, e nel breve, drammatico La madre (1948). Fra tic irrisori e piccole manie, la Ginzburg costruisce pagine magistralmente fresche, vive, luminose.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Valentino 2021-01-09 13:56:23 lapis
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
lapis Opinione inserita da lapis    09 Gennaio, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Trilogia di egoismi

“Valentino”, “La madre” e “Sagittario” sono tre racconti appartenenti alla produzione giovanile di Natalia Ginzburg, scritti a cavallo degli anni Cinquanta e raccolti insieme in quest’edizione Einaudi. Tre racconti dal contenuto semplice, frammenti di esistenze che non hanno nulla di eccezionale o eroico, ma si muovono nella naturalezza del vivere quotidiano, spinte inesorabilmente verso un destino familiare di miseria. Il tessuto dei legami e degli affetti familiari è, ancora una volta, lo scenario eletto dalla Ginzburg per raccontare rapporti irrisolti e irrisolvibili, che fanno i conti con l’egoismo.

Da un lato, l’egoismo indolente di un giovane vanesio, chiuso in un cieco e totalizzante amore per se stesso. Un giovane incapace di guardare alla vita se non nelle sue superficiali manifestazioni - un bel corpo, vestiti eleganti, illusori passatempi -, senza riuscire a vedere il dolore e la solitudine delle persone che lo circondano. Quelle stesse persone che gli hanno dato tutto, a piene mani, sostenendo interamente il peso del vivere comune.

"Valentino è felice, perché l'amore per se stessi non delude mai" [Valentino]

Dall’altro, l’egoismo febbrile di una donna irrequieta e instancabile nell’inutile tentativo di sottrarsi al grigiore e alla banalità della vita di ogni giorno. Una donna che ha cercato stimoli e felicità sempre lontano, nella città, in nuove amicizie o iperbolici progetti, e non è stata in grado di leggere e aiutare la malinconia che le viveva accanto, cristallizzata in un muto sorriso.

"Adesso mia madre capiva il senso di quel sorriso. Era il sorriso di chi vuole essere lasciato in disparte, per ritornare a poco a poco nell'ombra" [Sagittario]

Manca una vera e propria dimensione descrittiva: Torino si dissolve in una città uguale a tante altre e anche i personaggi, in fondo, non sono indagati, ma scoperti piano piano attraverso piccoli gesti e dettagli apparentemente inutili: i baffi, il vestito di panno blu marin, la zazzeretta color fieno. Manca un vero e proprio intreccio, in questo susseguirsi quasi cronachistico di piccoli accadimenti. Eppure, una volta chiusa l’ultima pagina, ti accorgi che qualcosa di prezioso ti è rimasto incollato sulla pelle. La tenerezza di uno sguardo sensibile e non giudicante. La semplicità di una scrittura fluida e leggera, che predilige la comunicazione agli ornamenti. Il delicato rispetto che accarezza ogni uomo, ogni miseria. E ogni lettore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
Valentino 2016-02-07 16:32:52 Mario Inisi
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    07 Febbraio, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il grande uomo e la moglie baffuta

Valentino è una raccolta di racconti, tre: Valentino, la madre e sagittario. Quest'ultimo l' avevo già letto separatamente non avendo visto che era incluso in questo libro.
Valentino è il racconto più bello della raccolta, bello per come è descritto questo ragazzo, il fratello dell'io narrante Caterina. Valentino è un narciso, innamorato di sè e cieco al resto del mondo incurante e inconsapevole dei sacrifici che tutta la famiglia fa perchè lui abbia la vita facile e la strada spianata. Il ragazzo è pigro, vanesio, perdigiorno e mentre le sorelle si fanno in quattro per mantenerlo e tirare avanti la baracca, lui se ne frega e nemmeno studia. All'inizio del racconto troviamo Valentino innamorato di Maddalena e soprattutto della vita comoda che lei può garantirgli e in procinto di sposarla. Maddalena, brutta e baffuta, è disprezzata da tutta la famiglia, ma si rivela una persona di cuore molto superiore al marito, bamboccio viziato e senza spina dorsale.
Il racconto è tenero, dolce, bello per come sono descritti i rapporti tra le persone, e in particolare l'amicizia e il matrimonio poi andato a monte tra Caterina e Kit. Sembrano affetti infantili e innocenti non contaminati dalle miserie del mondo che nonostante tutti gli avvenimenti conservano la loro purezza e innocenza.
Bella anche la sfaccettatura di sentimenti che le sorelle nutrono per il grande uomo: affetto, tenerezza, senso di protezione, invidia, gelosia, senso di ingiustizia e di rivalsa. Ma tra tutti prevale la dolcezza e la tenerezza. Malinconico il racconto successivo La madre, in cui i figli vedono sbiadire nella memoria la figura della loro madre morta suicida che non li ha mai molto amati. Sagittario mi è piaciuto meno degli altri due racconti anche se devo ammettere che l'ironia tenera della Ginzburg mi sta lentamente conquistando.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
All'inizio mi pareva simile alla Doris Lessing ma la Lessing ha una penna più freddina.
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La disciplina di Penelope
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Luce della notte
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultima scena
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ombrello dell'imperatore
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Cercando il mio nome
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Un cuore sleale
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il tempo della clemenza
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Io sono l'abisso
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Quaranta giorni
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Abbandonare un gatto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri