Vittoria Vittoria

Vittoria

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Vittoria non crede nella spiritualità dei manuali, negli aforismi da calamite e soprattutto non crede nei cartomanti: molto meglio un piatto di trenette al pesto con un'amica che farsi leggere i tarocchi. Fotografa genovese con alle spalle alcune pubblicità di successo, è sempre riuscita a navigare tra le difficoltà della vita grazie a un valido mix di buonsenso e ironia. Credeva anche di aver trovato l'amore ma, quando Federico se ne va, lasciandola sola in una casa piena di ricordi, il mondo le crolla addosso. Disorientata e in profonda crisi creativa, Vittoria si ritrova a quarantasei anni senza compagno, senza lavoro e senza sapere più con quali soldi comprare le crocchette a Sugo, il suo adorato gatto. A soccorrerla arriva un aiuto inatteso, sotto forma di un mazzo di tarocchi che suo malgrado, e nonostante il suo scetticismo, scopre di saper leggere con imprevedibile talento. E così, tra la carta dell'Eremita che le ricorda Obi-Wan Kenobi e la Ruota della fortuna che sembra un party psichedelico, nel suo salotto fanno la loro comparsa tanti volti nuovi, consultanti di ogni età che le portano uova fresche, insalatina a chilometro zero e ratafià in cambio di un vaticinio. Circondata da anime gentili che come lei cercano di rammendare il loro cuore spezzato, e da amici fidati che per mesi la incoraggiano e la proteggono, Vittoria senza rendersene conto tornerà pian piano ad ascoltare il mondo che la circonda ritrovando, insieme alla vena creativa, la forza di credere in se stessa.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.1
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Vittoria 2018-05-01 07:58:30 ornella donna
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    01 Mag, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una donna, una di noi

Dopo aver scritto Chanel non fa scarpette di cristallo, Buona fortuna e Qualcosa di vero, Barbara Fiorio, pubblica con Feltrinelli, un nuovo romanzo: Vittoria.
Un testo profondo in cui abbondano:
“insicurezze, ferite ataviche, fragilità, dolore, confusione. I grandi alibi per ogni mancanza, ogni indelicatezza, per i piccoli atti di crudeltà, le mortificazioni, i rifiuti, le critiche, le accuse, l’abbandono.”.
Infatti Vittoria, dopo aver messo fine precocemente, ma di comune accordo, ad un matrimonio, va a convivere con Federico. Ma lui improvvisamente dopo tanti anni felici, la abbandona, non si sa neanche perché. Forse per una crisi non meglio precisata di identità. La rimprovera di:
“Dovresti smetterla di usare tutti questi aggettivi, mi ha detto alla fine, gli occhi freddi, la voce seccata. Gli aggettivi sono etichette, e tu li usi troppo, da te mi aspetterei maggiore attenzione per le parole. Ogni volta che usi quelle sbagliate, per me è una delusione.”.
Lui è confuso ed addolorato, con un egocentrismo smisurato, fa soffrire e lo sa. Ma non fa nulla per ovviare alla situazione. Vittoria è in preda ad un dolore allucinante, perde la sua identità e la sua ispirazione, lei fotografa di qualità non riesce neppure ad accostarsi alla macchina fotografica. Ha un po’ di risparmi, ma non per molto. Le rimangono amici veri, fidati, importanti, che cercano di aiutarla in questa fase di elaborazione del lutto. Questa via lungo la guarigione passa anche attraverso una serata in una villa dove una cartomante, un po’ improvvisata, Celeste, legge i tarocchi. Vittoria ne è entusiasta, e al contempo interdetta. Perché i:
“ Tarocchi: chiavi di lettura, simboli, significati, da leggere come una fiaba, seguendo l’ispirazione e ciò che si intuisce di chi si ha davanti. I tarocchi ci parlano, ci raccontano, ci svelano.”
Inizia a studiarli approfonditamente e incomincia a fare consulti in casa, suggerita anche dalle sue amiche. Il passo poi dalla cartomanzia alla fotomanzia sarà immediato. Così uno sguardo a quella pletora di umanità variegata è un ulteriore avanzamento verso la riconquista di sé e della propria autonomia.
In questo testo l’autrice ha superato se stessa. Un romanzo forte, importante, profondo. Si divora. Vittoria è una donna sensibile, a strettissimo contatto con i problemi di oggi: la difficoltà di trovare lavoro, i problemi insiti nei rapporti umani, l’amore e le sue sofferenze. E su tutta la narrazione incombe minacciosa una presenza: Genova, che è:
“Genova è in ginocchio, ha perso le grandi industrie e il mondo imprenditoriale fatica a sopravvivere, a meno che non guardi oltre confine. (…) La Fiera la liquidano, Euroflora la rimandano e stanno mettendo in dubbio anche il Salone nautico. Non c’è visione in questa città. Sta morendo.”.
Un libro che mi ha attratto molto. Il tema della cartomanzia, della lettura e del significato dei tarocchi sono temi discussi ed affrontati con particolare sapienza e pregnanza narrativa. Il costrutto è solido e perfettamente elaborato, per una lettura che conduce il lettore verso mondi lontani, magici ed intriganti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto Barbara Fiorio: Chanel non fa scarpette di cristallo, Buona fortuna e Qualcosa di vero.
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Vittoria 2018-04-30 10:34:07 Mian88
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    30 Aprile, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Vittoria e la Vittoria

Genova. Vittoria ha quarantasei anni, è una fotografa con alle spalle un paio di pubblicità di successo e sta affrontando uno dei periodi più difficili della sua vita: la separazione da Federico, uomo con cui ha convissuto per molto tempo e con cui credeva di aver finalmente trovato la stabilità. La loro relazione era perfetta, alcun elemento avrebbe mai fatto pensare al fatto che lui, dal giorno alla notte, decidesse di troncare ogni rapporto lasciando la protagonista nel dolore e nei dubbi. Ma non è finita, perché alla già complicata situazione sentimentale, si somma anche quella lavorativa in quanto Vittoria che da ben sei anni ha investito totalmente e interamente sulla sua professione a partita IVA, si ritrova senza lavoro. Può contare sul sostegno di molti amici che mai le voltano le spalle e che sempre sono disponibili per correre in suo aiuto, ma è consapevole del fatto che non può andare avanti così, deve rimettersi in gioco. Ma come? La sua non è una età in cui è facile rientrare nel mercato del lavoro soprattutto quando la tua attività autonoma quale fotografa è qualificata come uno stato di disoccupazione per il solo fatto di non averla esercitata in un vero e proprio studio con tanto di sede legale. Potrebbe sfruttare il suo nome, verrebbe da dire. Peccato che nemmeno questo sia plausibile perché ogni contatto e colloquio che ottiene prevede un mero scambio di prestazioni in virtù del semplice assunto per il quale “io datore di lavoro ti offro contatti e una perfetta vetrina e tu per me lavori gratis!”. Forza Vittoria, non mollare! Sugo ha fame e non vuole più vederti versare lacrime per una persona che non ti merita.
La sera di Halloween, la svolta. Monica costringe la nostra eroina a partecipare a una festa celtica in una villa tra Albaro e Sturla ed è qui che questa viene invitata a leggere i tarocchi, perché lei è una “strega” anche se non è consapevole di esserlo, perché lei è in grado di leggere le persone, lo ha fatto per anni dietro un obiettivo, lo farà questa sera con un mazzo di pregiate carte. Da qui si apriranno per lei nuove strade, nuovi inizi ma soprattutto una nuova consapevolezza del suo essere. Perché c’è sempre un’alternativa, una nuova chance anche quando tutto sembra andare male, perché dal negativo si può sempre ricavare un positivo.
Con “Vittoria” Barbara Fiorio torna in libreria con un romanzo forte, maturo e di grandi contenuti. Oltre che ad una scrittura pregiata, minuziosa e pulita – cosa a cui l’autrice ci ha da sempre abituati – l’opera si mostra sin dalle prime battute come uno scritto molto più profondo e incisivo rispetto ai precedenti. Questo tanto per tematiche che per personaggi delineati. La Fiorio, infatti, tra le sue pagine affronta problematiche quali la difficoltà del trovare lavoro, la difficoltà di superare lo scoglio che l’età attualmente rappresenta nel suo più assurdo paradosso per il quale pochi anni simboleggiano inesperienza e troppi saturazione, incapacità di reinventarsi, di riadattarsi, ma anche la difficoltà di ritrovarsi quando le difficoltà sembrano volerti privare del futuro e ancora la difficoltà di arrivare per quel che si è andando oltre le apparenze, andando oltre quel che i motori dei social trasmettono e impongono. In merito, un breve estratto:

«[...] Interessante questo immaginario. Anche comprensibile, per chi mi osserva dallo spiraglio dei social, ma è curioso come abbiniamo una vita appagante a un barlume di notorietà, come l’apparenza determini l’’identità» p. 90

Ed ancora:

«Certo che non lo sapeva, per questo glie lo sto dicendo. È stupito: non aveva capito dal mio profilo Facebook, dice. Non metto in vetrina i miei problemi, non confondo i social con il divano di casa, un’arringa pubblica con uno sfogo privato o gli sconosciuti con amici. Non piango su un palcoscenico né mi mostro senza pelle. Certo che non lo sapeva, e va bene che pensino tutti alla mia vita come a un perpetuo party con l’open bar, va bene che si fermino alla superficie, alla foto del mio uovo al tegamino, della mia serata con l’amica, al mio gatto acciambellato, alla mia unica risata della settimana immortalata lì, per lui, per gli altri, per tutti. Vera, come l’uovo al tegamino, l’amica e il gatto, nulla di falso ma nulla di più. Non mi do in pasto alla gente, non sono un rinfresco» p. 92

Questo e molto altro è “Vittoria”. Un elaborato ricco di spunti di riflessione, un elaborato completo, un elaborato adatto ad ogni pubblico tanto più adulto quanto più giovane, un elaborato che simboleggia la crescita della scrittrice stessa. Perché in “Vittoria” c’è tanto di Barbara, la si respira ad ogni pagina che è un piacere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Le rughe del sorriso
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bontà
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il giro dell'oca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
The Game
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rumore del mondo
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Suite 405
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Addio fantasmi
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
L'unica storia
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'uomo che trema
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Isola di neve
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Khalil
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sono corso verso il Nilo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri