Narrativa italiana Romanzi Volevo essere una gatta morta
 

Volevo essere una gatta morta Volevo essere una gatta morta

Volevo essere una gatta morta

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

C'è chi nasce podalica e chi nasce gatta morta. Chiara è nata podalica. Forse non aveva fretta di venire al mondo perché aveva già intuito che la sua vita non sarebbe stata una passeggiata. Che sarebbe rimasta sempre in piedi al gioco della sedia, o con la scopa in mano al gioco della scopa. E se la sarebbe dovuta vedere con chi invece è nata gatta morta. La gatta morta è una micidiale categoria femminile. Non è divertente, è seducente. Non esprime opinioni, ha paura dei thriller, le pesa la borsa, soffre di mestruazioni dolorose, non fa uscire il ragazzo con gli amici, non si concede al primo appuntamento e fin da piccola ha un solo scopo: il matrimonio. Chiara l'ha studiata per una vita. E ha capito che contro di lei non ci sono armi.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.9
Stile 
 
3.3  (3)
Contenuto 
 
3.0  (3)
Piacevolezza 
 
4.7  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Volevo essere una gatta morta 2021-08-19 14:42:25 Clangi89
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
Clangi89 Opinione inserita da Clangi89    19 Agosto, 2021
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La vita senza essere gattamorta

La Moscardelli è una garanzia per rilassarsi, leggere piacevolmente e farsi sane risate. Sulla falsariga della celebre Bridget Johanes ma più sferzante, più commediografo, più italiana.
Chiara parla in prima persona, ripercorre l'infanzia, l'adolescenza, la giovinezza fino ai suoi 30 ormai superati da un pezzo. Single, pasticciona, sbadata, fuori forma, crede non solo nell'amore ma soprattutto insegue una teoria. Studia infatti l'esemplare di gattamorta. La femmina perfetta, che tace quando deve, parla e ride se necessario, sa dire di no e mantiene una schiera di spasimanti bellissimi.
Chiara non è gattamorta perché è nata podalica e fin dai primi rapporti con l'altro sesso beh gli esiti sono stati nefasti. In tutto ciò non mancano gli amici. Un gruppo di amicizie che coltiva nel tempo, sempre vicini a divertirsi ma anche nei momenti drammatici toccati nei capitoli.
Sani principi e tanti stereotipi della donna perfetta spiattellati tra le avventure narrate con una scrittura scorrevole e chiara. La narrazione in prima persona garantisce di affezionarsi a Chiara, permette di ridere e farsi trasportare. Brevi capitoli e tanto da raccontare. In parte biografico, in parte una ottima penna tra le mani.
Mi serviva una lettura distensiva che non fosse un romanzo rosa. Lo consiglio assolutamente. È stato il libro di esordio e con quelli che ho già letto successivi, confermo che trattasi di libri piacevoli. Ironia, sentimenti, riflessioni, senza banalità. Sane risate insomma, garantite!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I libri di Bridget Johanes. Altri libri della Moscardelli
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Volevo essere una gatta morta 2019-03-21 08:51:16 ornella donna
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    21 Marzo, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un tipo di donna "particolare"

Chiara Moscardelli, scrive il suo primo romanzo con il titolo de Volevo essere una gatta morta. Un testo ironico, molto giovanile, dalla prosa frizzante e spesso sarcastica.
Chi è la “gatta morta” di cui si parla nel titolo, che suscita così tanta invidia? La gatta morta è:
“E per gatta morta intendo una categoria di donne verso la quale gli uomini hanno una particolare propensione e contro cui non c’è niente da fare, perché lei vince, vince sempre. La gatta morta è furba, determinata e ha come unico scopo quello di catturare l’uomo che fin dall’inizio ha individuato, puntato e strategicamente sedotto. La gatta morta riesce ad essere perfetta in ogni circostanza, si ubriaca con un sorso di birra senza però mai essere scomposta e quando sorride durante una cena non ha mai, e dico mai, l’insalata tra i denti.”
Ad ammirare il modo precipuo di certe donne è la spumeggiante Chiara: una giovane con qualche difficoltà evidenti di comportamento. Chiara è nata podalica: indizio certo di come lei, in realtà, era a suo agio nel pancione della mamma. Un presagio di come nella vita le difficoltà da affrontare possono essere tante, e forse troppe. Da sempre innamorata di Francesco che le si concede nei tempi e nei luoghi a lui consoni per poi sparire per lungo tempo. Chiara, nel frattempo, studia i comportamenti della cosidetta “gatta morta”, nel vano tentativo di emularla e cambiare vita. Ad esempio inizia nel comunicare cosa non si deve fare:
“Di sesso non si parla, è imbarazzante. Non si va al pub a bere una birra e fare quattro chiacchiere: la gatta morta non è un’amica. Imparate, una volta per tutte, che la gatta morta non prende la macchina da sola alla sera, non lascia andare in vacanza il ragazzo con gli amici né tanto meno sopporta di vedere film di un certo tipo. La gatta morta non mette mai, e dico mai, in discussione il suo uomo, e anzi, tutto quello che dice lui è vangelo. Non lo critica mai, né esprime opinioni precise su un qualunque argomento. E’ fondamentale, per una gatta morta, dimostrare di non essere in grado di fare alcunché senza l’aiuto di un uomo. Inoltre lei è sempre bisognosa di coccole e affetto, ha fame, è triste, ha freddo, non ce la fa a portare la borsa, soffre di mestruazioni dolorosissime. “
Un ottimo esordio per una scrittrice destinata ad ottenere un buon successo negli anni a venire. Una prosa corretta, sarcastica, mai volgare, nelle indubbie difficoltà di comunicazione sugli esseri umani. Un inno giocondo ad uno dei valori fondamentali della vita umana come l’amicizia vera e profonda. Una lettura trascinante e divertente per chi vuole estraniarsi con levità e leggerezza dai problemi quotidiani e del mondo, con personaggi ottimamente descritti per una trama ben elaborata. Un libro divertente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi vuole leggere libri ironici.
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Volevo essere una gatta morta 2011-05-22 18:26:57 tiziana
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da tiziana    22 Mag, 2011

il fatto è che le gatte morte sono molte di più...

per quanto a tratti sia un po' forzato e poco credibile (in fondo, come bridget jones, chiara colpisce anche i bellocci) ho continuato a leggere il libro per la leggerezza e l'ironia, trovando particolarmente divertente l'umorismo cinico degli amici di sempre. Confesso poi che la fine mi ha fatto anche riflettere e ha funzionato come quei pizzichi che all'improvviso ti costringono a "sentire" qualcosa e a fermarti un attimo a pensare. Ma, poi, come è andata a finire? Chiara è riuscita a mettersi in gioco dopo aver capito? Sono cose che si scrivono e si confessano solo quando si è riuscite a sconfiggere i fantasmi delle mille gatte morte che ci circondano (o che ci costruiamo per comodità), o sbaglio? spero per Chiara sia così

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
la ballata delle prugne secche
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Domani e per sempre
Nova
Sonetaula
L'alba sepolta
Caffè corretto
L'appartamento del silenzio
Lingua madre
Per sempre, altrove
Il Duca
Cara pace
L'assemblea degli animali
Le madri non dormono mai
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Divorzio di velluto
Cinquecento catenelle d'oro
Ritratto di donna