Diciannove minuti Diciannove minuti

Diciannove minuti

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Sterling è una tranquilla cittadina americana dello New Hampshire dove non succede mai nulla, fino a quando accade l'impensabile: un ragazzo di diciassette anni, Peter Houghton compie una strage di studenti nel suo stesso college. Cerca a sua volta di uccidersi, ma la polizia riesce a impedirlo e lo arresta. Con il 'mostro' sbattuto in prima pagina e in prigione, l'intera comunità - genitori, amici, fidanzati, conoscenti delle vittime - straziata, fatica a fare i conti con una realtà peggiore di un incubo. Ciascuna delle persone coinvolte tenta, fra passato e presente, di comprendere i perché di ciò che è successo in un dialogo a più voci intenso e spiazzante perché fa capire come la realtà sia perversamente complessa.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 9

Voto medio 
 
4.1
Stile 
 
4.1  (9)
Contenuto 
 
4.3  (9)
Piacevolezza 
 
4.0  (9)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Diciannove minuti 2015-05-09 19:47:05 cuspide84
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
cuspide84 Opinione inserita da cuspide84    09 Mag, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

PRONTI O NO...IO ARRIVO.

La Sterling HIgh è una scuola come tante: croce e delizia degli studenti, palconscenico per i più sportivi, fighetti, benestanti e promettenti ragazzi, gabbia per i meno appariscenti, introversi, sfigati, giovani emarginati della società.

Peter ha diciasette anni, da sempre vittima del bullismo, dal primo giorno di scuola, dal primo piede messo sul bus che lo avrebbe portato in quella realtà così diversa da lui, così lontana dalla sua personalità, dal suo modo di essere, dal suo rapportarsi col mondo esterno.

Peter è un ragazzo gracilino, non è atletico per niente, è miope peggio di una talpa, è delicato, non si interessa alle ragazze, teme di essere gay per questo, è interessato ai videogiochi e ai computer... questo si che sono la sua passione! Davanti a un pc è tutta un'altra persona, è capace di qualsiasi cosa, crea videogiochi che forse un domani gli frutteranno un pacco di soldi, crea una realtà diversa, distorta, malata, falsa, sanguinaria: una realtà in cui gli sfigati finalmente vincono e si prendono tutte le rivincite di tutti i soprusi di cui sono stati vittime da sempre.

Il problema sorge solo quando la finzione viene trasposta nella realtà, quando una mattina di un normalissimo giorno di scuola, un ragazzo qualunque entra nella propria scuola armato finoa i denti e compie una strage, una vendetta, una vittoria che si traduce in sconfitta totale.

Questa è la storia narrata in maniera a dir poco impeccabile dalla Picoult, un libro lungo, corposo, che tiene il lettore sempre sulle spine, sempre in attesa del finale, un finale che sembra totalmente certo, evidente, ovvio, quasi banale, ma che alla fine sorprende... come sorprende a fine libro fermarsi a pensare a come abbiamo vissuto gli anni a scuola: eravamo popolari come le vittime di questo libro o vittime dei prepotenti? Secchioni o normali studenti che facevano mediamente il loro dovere? Abbiamo mai subito cattiverie, scherzi, battute? Ne siamo mai stati autori? I ricordi che torneranno alla mente vi sorprenderanno senz'altro...

Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
Diciannove minuti 2013-12-15 19:08:21 mariaangela
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
mariaangela Opinione inserita da mariaangela    15 Dicembre, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

“Sono stati loro a cominciare”

Scopriamo che tutto è menzogna, i rapporti che pensiamo autentici falsati, dalla paura e dalla certezza che quel comportamento, quello scherzo malvagio, quella pubblica umiliazione prima o poi toccherà anche a te.
Non riesco a provare simpatia per nessuno in questo racconto.
Non la provo per i genitori disperati per i loro figli, ora che la sofferenza e il dolore si è voltato verso loro. E forse sono cinica e meschina pensando dov'erano quando i cattivi protagonisti erano i loro figli? Come possono essere stati così ciechi mentre i loro figli distribuivano odio e violenza gratuita?
Dovrei essere solidale con le loro lacrime, con la loro disperazione e accodarmi con loro dietro il corteo funebre, ma non riesco a provare nulla di tutto ciò; riesco a sentire questo sentimento solo per quei ragazzi e genitori che si sono trovati al posto sbagliato al momento sbagliato.
Non lo provo verso i professori, ciechi, che, così come spesso accade, hanno ripetutamente punito l’alunno più facile da punire, quello più debole e indifeso, quello più remissivo che non avrebbe dato problemi. Da un lato ciechi alle continue richieste di aiuto, dall’altro disinteressati a cercare di capire cosa stesse succedendo al povero Peter.
Non lo provo per Peter che ora non giudico più una vittima. Lo è stata sempre, non c’è dubbio, ma aveva sicuramente un’altra possibilità. Urlare, urlare con tutto il fiato i soprusi subiti, anche nella difficoltà, anche nella paura, nell’isolamento e nella disperazione urlare aiuto, sempre più forte.
E chissà che almeno la “cieca” ma buona madre avrebbe sentito.
Ma Peter non ha urlato. Forse perchè sapeva di non potersi fidare, gli è mancato l’elemento fondamentale a sostegno delle sue urla, la fiducia. Fiducia nella famiglia come porto sicuro in cui rifugiarsi, fiducia negli insegnanti insensibili e indifferenti alle sue difficoltà, fiducia negli altri genitori che avrebbero dovuto insegnare ai loro figli, spiegare, parlare, raccontare, in una parola etica civile e sociale.

I genitori con la loro presenza devono infondere quella sicurezza che nella vita ti servirà, ma se da un lato ci auguriamo di essere sempre accettati dagli altri, dall'altro dobbiamo sapere che non si può piacere a tutti. Ma questo Peter lo sa, e non lo pretende. In questo, Peter è sicuramente una vittima.
Ci basta questa giustificazione per assolverlo? E tutte le umiliazioni e soprusi subiti bastano a giustificare? No, non bastano.

Ascoltiamo che Peter era in uno stato di dissociazione mentale la mattina del 6 marzo, cioè era fisicamente presente, ma mentalmente lontano. Ciò si verifica quando si possono separare I propri sentimenti riguardo a un evento, dalla consapevolezza di quell'evento. E' come se la persona non sapesse cosa sta' facendo.

“Sono loro che hanno cominciato.”

Uccide 10 persone e ne ferisce altre 19. Questo è il dato di partenza. Da qui ci muoviamo indietro nel tempo a conoscere I ragazzi, le famiglie, le situazioni e I rapporti tra loro.

Il racconto è lunghissimo, davvero troppo. Assolutamente inaspettata la piega che prende.
Ti lascia grandi domande e poche risposte e soprattutto la certezza che la reiterazione degli errori può avere conseguenze inimmaginabili.

”Su un lato dell'atrio, davanti alla parete di vetro, c'erano dieci sedie. Erano le uniche ad avere lo schienale e a essere verniciate di bianco. Bisognava guardare da vicino per capire che, essendo fissate al pavimento, non potevano essere state trascinate lì dagli studenti e dimenticate. Non erano né allineate né collocate a distanza regolare l'una dall'altra. Non recavano né nomi né targhe, ma tutti sapevano perchè erano lì.”

Conosciamo davvero I nostri figli?

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore
Diciannove minuti 2013-04-04 06:36:00 stefanodelellis
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
stefanodelellis Opinione inserita da stefanodelellis    04 Aprile, 2013
  -   Guarda tutte le mie opinioni

VITTIMA o CARNEFICE. TU DA CHE PARTE STAI?

Dopo "Le case degli altri" e "La bambina di vetro", ho letto questo libro, scritto megistralmente da Jodi Picoult con uno stile fluido e scorrevole.
Se all'inizio la trama potrebbe far pendere l'ago della bilancia in maniera inequivocabile dalla parte della vittima, alla fine questo giudizio frettoloso non sarà tuttavia più così sbilanciato, perchè anche il carnefice avrà avuto le sue ragioni. Un tema troppo delicato e di attualità per essere liquidato in una recensione di poche righe. Ognuno potrà farsi la propria idea sull'argomento, a patto di non trincerarasi a priori dietro falsi stereotipi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Diciannove minuti 2013-03-05 14:52:50 sabrinat2601
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
sabrinat2601 Opinione inserita da sabrinat2601    05 Marzo, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Diciannove minuti per cambiare il tuo mondo

In diciannove minuti si può falciare il prato di casa, tingersi i capelli..oppure si può fermare il mondo…e ci si può vendicare.

E’ ormai il quarto libro che leggo della pluripremiata autrice, Jodi Picoult, e non vedo l’ora che arrivi in libreria l’ultimo ordinato per buttarmi a capofitto nella lettura.
Anche in questo romanzo tratta un argomento di estrema attualità: il bullismo.
Peter è un ragazzo di media intelligenza, con una grande passione per i computer e la realtà virtuale, frequenta il liceo e gioca a calcio nella squadra della scuola….ma Peter è anche, e soprattutto, una vittima del bullismo. Ogni giorno, dal primo viaggio in autobus diretto all’asilo, viene vessato e attaccato dai suoi compagni. Ogni giorno tenta di diventare invisibile, ogni giorno finge con i genitori che tutto vada bene, ogni giorno la sua rabbia aumenta e la sua paura anche.
Ogni giorno…finchè Peter non si presenta a scuola armato di pistole ed in diciannove minuti compie una strage.
Ma ormai l’autrice ci ha abituati ai colpi di scena..ed infatti…non tutto è come sembra…e la linea tra vittima e carnefice diventa pagina dopo pagina più sottile.

Scrittura scorrevole ed accurata, stile sublime.
La Sig.ra Picoult entra nella mente dei personaggi e dei lettori legandoli imprescindibilmente fino all’ultimo capitolo.

Consigliatissimo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Jodi Picoult
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Diciannove minuti 2012-12-21 17:40:53 BRIUSTER
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
BRIUSTER Opinione inserita da BRIUSTER    21 Dicembre, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

UNA STORIA DI ORDINARIA FOLLIA

Questo libro affronta una tematica molto diffusa negli Stati Uniti, che è quella delle stragi a seguito dell'uso di armi da fuoco.
Il protagonista, come spesso accade nella realtà, è un adolescente che subisce le vessazioni dei compagni di scuola e decide così di vendicarsi, sparando ad alcuni di loro all'interno della scuola.
Per cui la storia poi passa attraverso i racconti di altri importanti personaggi, come l'amica, la madre di quest'ultima, nonchè il giudice e la madre nel colpevole. Con la quale è impossibile non schierarsi e per la quale è impossibile non provare pena, perchè catapultata in questa gogna mediatica contro il figlio ma ancor peggio a dover affrontare il quesito più duro: sono stata davvero una cattiva madre, per questo mio figlio ha fatto tutto ciò?

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
Diciannove minuti 2012-07-15 14:57:46 Pelizzari
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    15 Luglio, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Branco di lupi

Questo romanzo, che potrebbe tranquillamente essere lo specchio di più di una storia vera, ci fa conoscere un ragazzo adolescente, tenero e indifeso, che si sente emarginato dal gruppo, compie una follia, lunga 19 minuti e di colpo è lui a fermare il mondo per tante famiglie, compresa la sua. Ci sono tanti sentimenti in queste pagine, divise a capitoli che sono dei salti nel tempo, prima e dopo il fatidico giorno del 6 marzo 2007. C'è tanta sofferenza, profonda al punto di rifugiarsi dentro se stessi per non sentirla. C'è tanto dolore, quello che ti taglia in due. Bello lo stile. Belli i diversi punti di vista. Forse eccessivamente lunga la parte dedicata al processo. Splendida la descrizione della sensazione di vivere al rallentatore alcuni particolari momenti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Diciannove minuti 2012-06-25 21:11:23 andrea70
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
andrea70 Opinione inserita da andrea70    25 Giugno, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Siete disposti ad ascoltare?

Peter Houghton, un ragazzo di 17 anni da sempre vittima di bullismo, un giorno si reca a scuola con lo zaino pieno di armi ed uccide 10 compagni, ferendone in modo grave altri 19.
Jodi Picoult inizia da qui e poi ci racconta la storia di Peter, dall'asilo al giorno della tragedia, guidandoci su un tortuoso cammino fatto di speranze deluse, umiliazioni, solitudine, sofferenza, spargendo compassione a piene mani. La domanda che mi sono posto ad un certo punto è stata: sono disposto ad ascoltare tutto questo? Me ne frega qualcosa o chi ha commesso un'atto del genere non ha nessuna attenuante ed è solo un mostro?.
Non ci vengono raccontate solo le vite distrutte delle vittime, ma e' brava la Picoult a spogliare il mostro per farci vedere di nuovo il bambino, il ragazzo Peter, a farci entrare nel dramma dei suoi genitori , disperati che cercano di capire dove hanno sbagliato , ponendosi domande per le quali non esiste risposta, straziante in particolare la figura della madre :"Tutti avrebbero ricordato Peter per quei 19 minuti della sua vita, ma gli altri nove milioni? Sarebbe stata Lacy la sua custode...se li sarebbe portati indosso, come perle preziose, ogni giorno della sua vita;perchè se li perdeva, il ragazzo che aveva amato, cresciuto e conosciuto se ne sarebbe andato davvero".
Peter allora è una vittima ? Anche, ma non l'unica, nelle vicende di bullismo esistono altre vittime silenzionse, tutti quei ragazzi che non hanno il coraggio di uscire dal personaggio che gli altri gli hanno cucito addosso; perchè essere se stessi vorrebbe dire perdere popolarità e diventare forse un perdente.
Mentre mi chiedevo se la Picoult non fosse un pò troppo "comprensiva" con quello che in fondo era diventato un pluriomicida per il quale non riuscivo a provare particolare compassione o empatia, mi ha lasciato "di sasso" con un colpo di scena finale che sposta un pò i termini della questione e apre a parecchie ulteriori riflessioni sul difficile mondo degli adolescenti, sulle loro difficoltà di raffrontarsi tra di loro e con la propria famiglia, "...come se la risposta fosse un tatuaggio visibile invece di una cicatrice sul cuore"...
Come al solito brava, trasuda umanità e compassione da ogni riga.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Diciannove minuti 2010-07-02 19:48:06 kabubi81
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
kabubi81 Opinione inserita da kabubi81    02 Luglio, 2010
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Storia molto attuale

Storia molto attuale, "Diciannove minuti" è un libro duro e tenero al tempo stesso, in cui si racconta come una vita di prepotenze e delusioni abbia portato un giovane ragazzo ad entrare a scuola e fare una strage fra i compagni... La vicenda è narrata da diversi protagonisti e in diversi spazi temporali, si passa dall'infanzia dell'accusato ai mesi successivi alla tragedia, il tutto provando sia empatia sia rabbia tanto per il colpevole, quanto per i suoi "aguzzini"... consigliato

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Diciannove minuti 2009-03-21 12:38:24 nurith
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da nurith    21 Marzo, 2009

Consigliato

Libro interessante per contenuto quanto mai attuale. Sono un'insegnante e mi ha dato la spinta ad essere più attenta a fenomeni non denunciati di bullismo sistematico.
Scritto in stile accattivante e mai morboso (un campo dove sarebbe stato facilissimo esserlo).
Interessante anche il rapporto a volte distratto, a volte scontato tra genitori e figli.
Sapiente coinvolgimento negli stati d'animo di tutti i personaggi del libro.
Lo consiglio a tutti a prescindere. Particolarmente a studenti (delle scuole superiori almeno), ad insegnanti, a genitori.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Girl in snow
Avversario segreto
L'ermellino di porpora
Otto perfetti omicidi
Città in fiamme
Lupa nera
Prede
Il cercatore di tenebre
La solitudine del ghiaccio
Il mistero della signora scomparsa
Cuori in trappola
La sua verità
Il seme del terrore
Autopsia
Nulla ti cancella
Le ore più buie