La bibbia del diavolo La bibbia del diavolo

La bibbia del diavolo

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


La presentazione e le recensioni di "La bibbia del diavolo", opera di Richard Dübell pubblicata da Piemme. Boemia, 1572. In un convento in rovina, il piccolo Andrej, di otto anni, assiste impotente a un efferato bagno di sangue. Un monaco impazzito si scaglia con furia omicida sui confratelli e su un gruppo di uomini, donne e bambini: ugonotti che - ironia della sorte - proprio in quel convento si erano rifugiati per scampare alla persecuzione. Unico superstite del massacro, in cui periscono anche i suoi genitori, Andrej riesce a fuggire e porta con sé un segreto: la scoperta che in quel monastero è conservato da secoli un enorme manoscritto, il cui nome evoca presagi funesti - "la Bibbia del diavolo". Narra la leggenda che, tre secoli prima, un monaco abbia stretto un patto con Satana, vendendogli l'anima in cambio della trascrizione - in una sola notte dell'intero testo sacro, che il demonio avrebbe distorto e corrotto. Andrej non sa ancora che sono in molti a bramare quel manoscritto: dal mondo ecclesiastico agli alchimisti, dai papi agli imperatori. Non sa che quel volume è come un'arma, per gli oscuri poteri che ne derivano. Non sa che impossessarsene può voler dire reggere le sorti del mondo. Ma sa che quel manoscritto esiste, ed è proprio lì, custodito da una comunità segreta di monaci disposti a uccidere pur di proteggere la Cristianità dalla perdizione che potrebbe derivare dalla divulgazione di quel testo. Un segreto, questo, forse troppo grande per un bambino: per la sua vita e per il corso della storia.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.0  (4)
Contenuto 
 
4.5  (4)
Piacevolezza 
 
4.5  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La bibbia del diavolo 2013-07-18 16:57:06 Zine
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Zine Opinione inserita da Zine    18 Luglio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La sapienza universale

La sete di conoscenza è uno dei tratti distintivi della mente umana. Per ottenere la Conoscenza e il potere che ne deriva, gli uomini hanno sorpassato i propri limiti, hanno scatenato guerre e messo in discussione religioni. Adamo ed Eva, nella tradizione veterotestamentaria, sono stati cacciati dal Paradiso Terrestre per aver assaggiato indebitamente dall’Albero della Conoscenza.
Esiste (nella realtà, non solo nella finzione letteraria) un testo misterioso e affascinante chiamato Codex Gigas. Esso è un manoscritto illustrato di immani dimensioni, redatto nelle vicinanze di Praga da un monaco penitente (probabilmente attraverso venti e più anni di lavoro), entrato nella multiforme collezione dell’imperatore alchimista di Praga, Rodolfo II d’Asburgo, e passato successivamente nella mani degli svedesi durante la Guerra dei Trent’Anni.
Il testo si poneva l’ambizioso, quasi eretico proposito di racchiudere in un singolo testo l’intero scibile della conoscenza umana ed è famoso per una peculiare illustrazione del demonio, accompagnata da alcune pagine scurite in maniera misteriosa, cosa che ha dato origine al nomignolo “Bibbia del Diavolo”.
E’ da questa curiosità storico-artistica e dal desiderio di narrare un periodo ben definito dell’Impero Asburgico che nasce “La Bibbia del Diavolo” di Richard Dübell, edito in Italia da Piemme, a metà tra il romanzo storico e il mistery esoterico. L’autore confessa che, in origine, il suo scopo era narrare del controverso sovrano che fece di Praga la capitale della magia, dell’alchimia e dell’astrologia, passando alla Storia come un collezionista maniacale (celeberrima la sua Wunderkammer, le cui meraviglie sono ormai sparse un po’ in tutta Europa) e un pessimo governante. Si è trovato, alla fine, a contare maggiormente sui personaggi nati dalla sua fantasia, i quali però si muovono in un mondo realmente esistito, a fianco di personaggi di indubbia valenza storica, politica e religiosa.
La Bibbia del Diavolo, scritta da un monaco penitente che ha stipulato un patto col demonio, è un terribile concentrato di conoscenza volta al Male. Esiste un Ordine di monaci il cui compito è custodirla e nasconderla a chiunque, anche in seno alla Chiesa stessa. I giovani Agnes, Cyprian e Andrej, ognuno per propri motivi, vengono coinvolti nella lotta sanguinosa per il possesso di questo codice, trovandosi infine a combattere insieme per la propria vita e affinché esso non cada nelle mani delle anime traviate che lo stanno cercando per utilizzarne l’infinito potere.
La prosa di Richard Dübell è estremamente piacevole, immediata, senza né fronzoli né tentativi di educare il lettore offrendogli dettagli storici a mucchi, bensì inserendo una panoramica della situazione sociale e territoriale legata al progredire della trama, che rimane centrale e mai messa da parte a favore di lunghe descrizioni. Questo porta a conoscere l’Impero e il clima della Controriforma in modo progressivo, mai invadente, come se si narrasse di un qualunque mondo fantastico da scoprire poco a poco e non di un periodo storico da insegnare come se si fosse a scuola.
I dialoghi sono molto spontanei, vivaci, decisamente moderni, senza alcun tentativo di renderli più ricercati o arzigogolati nell’illusione di offrire in tal modo la sensazione di trovarsi in un passato lontano. Questo permette un’affezione immediata ai personaggi, senza alcuna barriera dovuta alla lontananza temporale e culturale.
Una particolarità di Dübell è nel suo suggerire più volte gli avvenimenti, invece di raccontarci ogni singolo istante. Spesso la vicenda si dipana per episodi, con parentesi di silenzio su ciò che è accaduto nel frattempo; di questi avvenimenti non narrati si ha notizia tramite accenni successivi. Questo modo di raccontare può non essere gradito a chi è abituato a seguire una narrazione lineare e dettagliata, ma possiede un suo fascino (pare di seguire un testo teatrale, che ovviamente pone l’attenzione solo sui fatti salienti della vicenda, o i frammenti di un sogno). Anche l’ormai abusato tema delle oscure trame di alcuni rami della Chiesa Cattolica non risulta troppo fastidioso né eccessivamente stereotipato.
Un bel connubio di Storia e Mistero, una boccata d’ossigeno tra i tanti romanzi dello stesso genere che hanno fatto “flop”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

La bibbia del diavolo 2012-03-08 07:30:20 Sydbar
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
Sydbar Opinione inserita da Sydbar    08 Marzo, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La bibbia del diavolo

Non pensiate che sia davvero un libro thriller, piuttosto lo definirei un romanzo di genere storico, ambientato principalmente nei territori del Sacro Romano Impero nel periodo che precede la Guerra dei Trent'anni, gli altri territori toccati sono la Cattolicissima Spagna dell'Inquisizione ed il Vaticano.
Molteplici sono i personaggi, tra storici esistiti davvero e di fantasia, come Xavier, un domenicano che seppur inventato come figura sarebbe potuto esistere davvero ma non voglio rivelare altro agli interessati.
L'architettura dell'opera ricorda vagamente lo stile di Gleen Cooper. I capitoli non sono molto lunghi ma lo stile di scrittura è molto lento e si fa fatica con la lettura soprattutto nella prima metà dell'opera, un po' peso come un'incudine, per fortuna gli ultimi capitoli sono un continuo crescendo, anche se alcune risoluzioni sono ampiamente scontate e prevedibili.
La trama è imperniata sulla ricerca di più fazioni di un libro "maledetto" scritto a quattro mani da un monaco penitente e murato vivo, il quale chiede aiuto al Diavolo per l'ultimazione, vendendosi l'anima.
Diventa tutto una folle corsa, alla ricerca del libro da una parte ed alla preservazione dello stesso dall'altra. Non preoccupatevi, nessun satanismo perchè questo libro famigerato tratterebbe l'onniscienza capace di dare il più grande potere mai acquisito sulla terra.
Non mi ha convinto fino in fondo anche se le ambientazioni che affascinano sempre, sono ancora fortemente intrise di un Medioevo ormai abbondantemente superato.
Buona lettura a tutti.
Syd

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Storici
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
La bibbia del diavolo 2011-11-15 07:14:12 aeglos
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
aeglos Opinione inserita da aeglos    15 Novembre, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

FANTASTICO

Questo libro l'ho trovato per caso in un centro commerciale. Mi ha ispirato per prima cosa la copertina, poi ho letto la trama ed era proprio il tipo di libri che leggo anche ultimamente! Mi è piaciuto molto, sia la trama, sia il modo di scrivere dell'autore! Un libro davvero interessante, scorrevolissimo, pieno di colpi di scena!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La biblioteca dei Morti
Trovi utile questa opinione? 
11
Segnala questa recensione ad un moderatore
La bibbia del diavolo 2011-11-15 07:03:00 Mephixto
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mephixto Opinione inserita da Mephixto    15 Novembre, 2011
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La Bibbia del diavolo

Devo ammettere che questo romanzo mi è piaciuto molto, non solo per la capacità del autore di confondere le idee, ma anche per la trama molto accattivante.
Nelle prime cento pagine (come spesso accade) faticavo a seguire gli eventi, ma superato lo scoglio le vicende diventano sempre piu chiare e il ritmo sempre pi incalzante.
Gli intrighi sono ben orchestrati e i dialoghi ben costruti, la cosa che forse danneggia di piu il romanzo è la traduzione: che in alcuni frangenti diventa un dialgo troppo moderno per il contesto del epoca.
In queste pagine non manca nulla, amore,odio, vendetta, azione, avventura, enigmi e chi piu ne ha piu ne metta.
Per quanto mi riguarda questo libro e autore non sono stati pubblicizzati a dovere in Italia.
Come al solito ti mettono davanti agli occhi la fuffa e tu devi scavare tra il letame per trovare le perle che sono state date da mangiare ai porci.
Buona lettura

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Thriller/spionaggio storici
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Anello di piombo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Elefante a sorpresa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ladra di frutta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La foresta d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La danza del Gorilla
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
4.1 (3)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri