Le notti di Reykjavik Le notti di Reykjavik

Le notti di Reykjavik

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Un senzatetto viene trovato annegato alla periferia di Reykjavík. Un caso di poca importanza, che la polizia archivia come morte accidentale. Nelle stesse ore, una donna sparisce nel nulla dopo aver trascorso la serata in un locale del centro. Un anno dopo, Erlendur passa lunghe ore a pattugliare le vie di una città deserta e non smette di pensare a quelle due persone scomparse. Convinto che i due casi siano stati frettolosamente liquidati dai colleghi, Erlendur non resiste alla tentazione di fare il detective. L’inesperta matricola inizia così la sua prima indagine. Due casi che riguardano due mondi lontanissimi tra loro: il triste sottobosco umano della capitale, denso di miseria e sopraffazione, e la borghesia islandese, con le sue ipocrisie e i suoi lati oscuri.


Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Le notti di Reykjavik 2015-02-17 14:16:06 Belmi
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Belmi Opinione inserita da Belmi    17 Febbraio, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il passato non si dimentica facilmente...

La notte può essere corta quando ci si diverte, lunga quando si soffre di insonnia, dolce se passata con la persona del cuore, ma per un agente della stradale, le notti non sono mai facili.

"Pensò alle notti di Reykjavik, così stranamente buie e freddi. Giorno dopo giorno, lui e i suoi colleghi giravano per città con quel poderoso cellulare e vedevano ciò che nessun altro poteva vedere: coloro che la notte provocava e tentava, e coloro che la notte straziava e spaventava."

L'agente semplice della stradale Erlendur mi mostra un volto diverso e inaspettato della capitale islandese. Ho sempre pensato a Reykjavik come ad una città mistica e remota; qui invece la trovo sotto una luce nuova.

Furti, risse, incidenti e violenze domestiche sono all'ordine del giorno, anzi della notte.

Il ventisettenne Erlendur, con un passato ingombrante alle spalle, si ritrova coinvolto nel caso di un senzatetto, morto annegato un anno prima, di cui la polizia, a suo tempo, non si è occupata più di tanto, facendo passare l'accaduto come suicidio visto che il barbone era ubriaco.

Alla ricerca di un gesto caritatevole o di una espiazione o forse per dare pace ai familiari della vittima e anche ai suoi fantasmi, Erlendur si ritrova ad indagare in veste non ufficiale. Presto un semplice suicidio diventerà qualcosa di più grande.

E' il primo romanzo che leggo dell'autore; Indridason ci fa conoscere il suo protagonista con il contagocce, un pò alla volta.

La trama e la lettura sono piacevoli, solo che mi sono sentita per tutto il romanzo come sospesa, una semplice spettatrice, non mi sono mai sentita veramente coinvolta, sono rimasta in superficie. Insomma, non sono stata catapultata a Reykjavik; ho apprezzato la sua scrittura, ma non ne sono rimasta incantata e poi mi ha lasciato un'immagine della città che non mi aspettavo.

Leggerò altro di lui, anche per dargli un'altra possibilità visto che è considerato uno dei migliori scrittori di gialli nordici.

Vi lascio con questa frase:

"La gente andava e veniva senza curarsi troppo del passato, costruendosi una nuova esistenza, un nuovo futuro. Era il ciclo naturale della vita, il tempo non aspettava nessuno."

Lo consiglio comunque.

Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I gialli nordici
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
Le notti di Reykjavik 2014-11-30 08:01:53 Bruno Elpis
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    30 Novembre, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L’isola di fiordi e geyser

Arnaldur Indridason s’incunea nel filone dei gialli nordici e ne “Le notti di Reykjavik” ci conduce in Islanda: un paese che nel mio immaginario è un punto di accumulazione di iceberg, sorgenti di acqua bollente e fumarole... contrasti geografici che antagonizzano la totale assenza di una dialettica che, da noi, è un dato di fatto: l’alternanza tra la luce del giorno e il buio della notte.

“Le notti di Reykjavick” (“incidenti stradali, automobilisti ubriachi e risse nei locali notturni erano ordinaria amministrazione, così come gli insulti di certa gente”) sono quelle dell’agente Erlendur, un personaggio mite, ma caparbio e insistente, che possiede la determinazione cocciuta di molti detective della letteratura di genere.
In giovane età, durante un’escursione sui monti, Erlendur ha perduto un fratello: di lui non ha avuto più notizie, è scomparso. Sarà anche per questo precedente che l’agente s’interessa a casi di scomparsa e, tra questi, al caso di una donna vittima di un marito violento (“Avevano definito la donna una gioielleria ambulante”)…
Proprio nei giorni della sparizione di Oddny, Erlendur rimane impressionato da un altro episodio che movimenta la cronaca nera islandese: il clochard Hannibal – già vittima di un incendio doloso (“Diceva che qualcun altro aveva cercato di dare fuoco allo scantinato. Anzi a lui”) - viene ritrovato senza vita, apparentemente affogato nell’acqua paludosa della torbiera (“I più erano convinti che si fosse trattato di un incidente, che l’uomo fosse caduto in acqua e annegato”).
Attraverso gli interrogatori dei senzatetto e dei fratelli di Hannibal, Erlendur conosce il passato tragico che ha indotto una scelta di vita così drastica e si convince che la morte di Hannibal sia un omicidio bello e buono.

Tra nomi impronunciabili e scoperte fonetiche (ad esempio, lo sapevate che la lettera eth - maiuscola Ð, minuscola ð - scritta anche edh o eð, è una lettera dell'antico inglese e norreno, oggi ereditata dagli alfabeti islandese e faroese e corrisponde al digramma th dell'inglese?), ho preso atto con angoscia di alcuni orrori dell’etilismo (“Che schifo! Io non ce la farei, a bere il dopobarba”), ma ho anche ritrovato l’umanità che palpita sotto l’atmosfera algida dell’isola dei fiordi e dei geyser…

Bruno Elpis

Il commento viene pubblicato nella sezione recensioni di www.brunoelpis.it con alcune foto dell’Islanda.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... gialli nordici
Trovi utile questa opinione? 
260
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il senso della mia vita
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La locanda del Gatto nero
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La pista. La prima indagine di Selma Falck
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo scarafaggio
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Se scorre il sangue
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Il copista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dove crollano i sogni
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cerchi nell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La natura è innocente
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Olive, ancora lei
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Lo splendore del niente e altre storie
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri