Azazel Azazel

Azazel

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


È il V secolo, un momento decisivo nella storia della Cristianità. È un tempo infausto per il monaco Ipa, poiché a tremare non sono soltanto i pilastri della religione, ma anche quelli del suo cuore. Da quando il sole cocente della bella Marta è spuntato per lui ad Aleppo, Ipa ha conosciuto i sussulti dell'angoscia e i fremiti della passione. E gli orrori si sono impadroniti a tal punto della sua anima che gli sembra a volte di parlare con Azazel, il diavolo in persona.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
2.9
Stile 
 
3.3  (4)
Contenuto 
 
2.8  (4)
Piacevolezza 
 
2.8  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Azazel 2017-09-05 09:17:36 marco d'aviano
Voto medio 
 
1.0
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Opinione inserita da marco d'aviano    05 Settembre, 2017

un libro contro i copti

Dal punto di vista letterario, il romanzo mescola, in maniera abbastanza scadente, gli ingredienti che spesso assicurano un buon successo internazionale: intrighi religiosi, sesso, violenza, colloqui col demonio. La trama, la costruzione dei personaggi, lo stile della narrazione sono, a mio parere, abbastanza dozzinali e prevedibili.
Dal punto di vista storico, il romanzo contiene una serie di errori e imprecisioni: non è vero che sant’Agostino abbia fatto il soldato; non esistono nel V secolo icone dell’Immacolata concezione; Maria non fuggì in Egitto col Bambino per sfuggire dalle violenze dei romani; nel V secolo non esistevano statue di Cristo né esisteva un’iconografia cruenta della crocifissione, specie in Oriente; Abacuc non parla della fine del mondo; Ipazia non poteva leggere libri di chimica (!); Tatiano, autore del Diatessaron, non era pagano; il papa di Roma non partecipò al concilio di Efeso del 431; non è vero che a Efeso furono fatte aggiunte al Credo di Nicea; ecc. Tali errori sono tutti marginali rispetto al filo principale della storia, ma dimostrano sciatteria nella documentazione. Per quanto riguarda invece il nocciolo storico, cioè le vicende della chiesa di Alessandria al tempo del vescovo Cirillo, Ziedan conosce le fonti, ma le tratta in modo decisamente arbitrario e con un preciso scopo. Quando c’è divergenza tra le fonti, sceglie sempre quella più sfavorevole alla chiesa alessandrina, anche se non è la fonte più sicura; quando le fonti sono vaghe o oscure, interpreta sempre nel modo più sfavorevole alla chiesa alessandrina; quando mancano le fonti, lo scrittore inventa in modo radicalmente sfavorevole alla chiesa alessandrina. Lo scopo del libro è evidentemente quello di gettare infamia sulla chiesa di Alessandria del V secolo, che è la madre della chiesa copta monofisita che arriva fino a oggi, e su san Cirillo, che è il patriarca e la grande figura di riferimento per i copti di tutti i tempi. Considerato che oggi i copti sono una delle minoranze religiose più perseguitate del mondo e che le violenze contro di loro avvenute in questi ultimi anni superano di gran lunga, almeno per quantità di morti, quelle raccontate nel romanzo Azazel, possiamo chiederci se Ziedan non fornisca ai numerosi intolleranti islamici anticristiani di oggi, presenti in abbondanza nel suo paese, qualche giustificazione pseudo-storica alla violenza religiosa che insanguina le chiese di casa sua.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore

Azazel 2012-02-26 14:17:11 Mario Sandri
Voto medio 
 
1.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Opinione inserita da Mario Sandri    26 Febbraio, 2012

Subdolo

Il romanzo parla delle traversie sentimentali e teologiche del monaco nubiano Ipa in un periodo critico per la cristianità, il V secolo.

Nessuno mette in dubbio la competenza del prof. Ziedan sulla materia trattata, ma tutto viene filtrato attraverso una prospettiva di ortodossia islamica, dove i dubbi di Ipa corrispondono alle certezze dei musulmani sulla natura di Gesù e argomenti correlati. Non sorprende, dunque, che quest'opera sia stata celebrata dalla critica araba (musulmana) e severamente condannata dalla chiesa copta, non soltanto per l'immagine storicamente corretta che ne dà e su cui alcuni verrebbero stendere un velo, quanto per i contenuti più subdolamente sottili e difficili da riconoscere. Leggo che le critiche rivolte ad "Azazel" hanno trascurato il messaggio di fondo, e cioè la tolleranza. In effetti questo romanzo ne ha davvero bisogno.

Lo stile della prosa, che cerca di riprodurre il periodare del periodo storico, è accademico e sovraccarico. Le pruriginose passioni di Ipa sono quello che gli inglesi definiscono un "hook", vale a dire un gancio per rendere più commerciale la storia.

In definitiva, ho trovato questo romanzo noioso e irritante. Meglio procurarsi un testo di storia e lasciar perdere le aggiunte posticce.

Lettura consigliata a quanti hanno gradito la fanta-teologia de "Il Codice Da Vinci". Ma forse nemmeno a loro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
Il Codice Da Vinci (Dan Brown)
Trovi utile questa opinione? 
61
Segnala questa recensione ad un moderatore
Azazel 2010-08-02 16:36:32 Lilia
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Lilia Opinione inserita da Lilia    02 Agosto, 2010
  -   Guarda tutte le mie opinioni

azazel

Coinvolgente e appassionante, l'autore racconta, con uno stile vibrante, i dubbi e i tormenti di un monaco di origini egiziane sullo sfondo delle vicende storiche che coinvolgono la chiesa fra il IV e il V secolo, e pone interessanti interrogativi sulla natura stessa della religiosità umana usando un punto di vista storico e filosofico.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
romanzi storici in generale e, comunque, sarà di certo più interessante per coloro i quali hanno una conoscenza storica del periodo in questione!
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Azazel 2010-07-07 06:15:08 MUSTO
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
MUSTO Opinione inserita da MUSTO    07 Luglio, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

azazel

Leggere tutto di un fiato è questo che succede quando apri il libro di Azazel. Un racconto segnato dai colori del deserto dell'Egitto, dall'oro e dal rosso della sabbia, del sangue dei pagani che scorre, uccisi e perseguitati dai cristiani. E' Ipa il monaco a raccontare, in una specie di testamento, in un dialogo con se stesso, con Azazel e con i ricordi della memoria. Il suo peregrinare in cerca della fede dall'Egitto ad Alessandria fino al monastero sono le tappe di un viaggio interiore che ci portarà a riflettere sul significato della fede, di Dio, della vita, dell'amore e del sesso attraverso le avventure di un monaco che non smette di dubitare, di se stesso, della fede, dei dogmi, di un monaco che non smette mai di sentirsi un uomo con le sue fragilità, le sue paure e i suoi sogni

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
101
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Gli informatori
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ricamatrice di Winchester
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri