Sabotaggio Sabotaggio

Sabotaggio

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

È la primavera del 1937, in Spagna infuria la guerra civile e l’Europa è spazzata dai venti di un nuovo conflitto mondiale. A Parigi, babele di avanguardie artistiche, esiliati e cospiratori, imperversa con il suo fascino Lorenzo Falcó, spia senza scrupoli al servizio dei franchisti e intramontabile seduttore. L’hanno inviato qui con un duplice incarico: fare in modo che Léo Bayard, famoso pilota francese e uomo di mondo noto alle cronache per il suo sostegno al movimento repubblicano spagnolo, finisca ucciso dai suoi stessi compagni; e per impedire a ogni costo che un dipinto a cui Picasso sta lavorando, l’opera più attesa del momento, raggiunga l’Esposizione universale, dove i repubblicani sperano di ottenere l’attenzione e l’appoggio della comunità internazionale. Per mettere in atto il suo doppio sabotaggio Falcó si finge un collezionista d’arte, calandosi così in una realtà che, nonostante le ombre incombenti, ancora ondeggia tra i tavolini dei caffè e la carta da parati dei salotti letterari.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Sabotaggio 2024-04-04 16:31:57 cesare giardini
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    04 Aprile, 2024
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Lorenzo Falcò in missione a Parigi.

"Sabotaggio" è il terzo noir della serie dedicata da Pérez-Reverte al protagonista Lorenzo Falcò, un ex trafficante di armi, spia dei franchisti spagnoli: un avventuriero senza scrupoli, bello, elegante, donnaiolo, schierato per soldi più che per convinzione ideologica. Siamo negli anni della guerra civile spagnola, il governo repubblicano di ispirazione marxista vacilla travolto dall'insurrezione militare di destra, guidata dal generalissimo Franco. Un influente capo dei servizi segreti, noto come l'Ammiraglio, affida a Falcò un'importante missione, questa volta in Francia: il compito è duplice, eliminare un importante scrittore, Leo Bayard, fervente comunista, aviatore provetto ed autore di incursioni aeree sul territorio spagnolo, e, contemporaneamente, fare in modo che una grandiosa opera di Picasso ("Guernica") non venga esposta all'Esposizione Universale di Parigi. Falcò parte e, già in vagone letto del treno per Parigi, passa una notte a luci rosse con due americane conosciute poco prima: le incontrerà di nuovo a Parigi, ed avrà modo di esercitare le sue impareggiabili doti di seduttore. Ma il compito affidatogli è ben altro: riuscirà, spacciandosi per collezionista d'arte, a incontrare sia Leo Bayard ed una sua amica, la fotografa Eddy Mayo, sia Picasso, che arriverà a fargli un ritratto. Parigi non è un posto tranquillo. Il governo guarda con simpatia i repubblicani spagnoli, mentre in città proliferano spie russe, naziste e fasciste, in un susseguirsi pericoloso di azioni di spionaggio e controspionaggio. Falcò è un esperto del mestiere, si finge simpatizzante di sinistra, guadagnandosi le simpatie di Bayard, e, nel frattempo, riesce, con un'azione delittuosa e con lettere e documenti falsi, a convincere chi di dovere che Bayard è una spia al servizio dei franchisti, condannandolo quindi ad una sicura eliminazione. Falcò deve anche sfuggire ad un attentato, gettandosi nella Senna, ma trova il tempo ed il modo di corteggiare e conquistare un'affascinante cantante nera. La trama è molto complessa, ricca, soprattutto nel finale, di colpi di scena, che confermano il doppiogiochismo di certi personaggi, ritenuti integri e ben schierati. Il nostro riesce anche a danneggiare l'opera di Picasso, che l'artista riuscirà in extremis a riparare e ad esporre, sia pure con ritardo, all'Esposizione Universale.
Il racconto è intrigante e tiene con il fiato sospeso, ambientato in un contesto drammatico, dove i principali personaggi si guardano costantemente le spalle e temono amici e nemici, sempre all'erta e con la pistola in tasca. Nel finale, un accenno a quell'Eva Neretva, la leggendaria spia sovietica del precedente romanzo della trilogia ("L'ultima carta è la Morte"), scomparsa nel nulla, l'unica donna per la quale Falcò abbia provato e provi ancora inusitati sentimenti di tenerezza.
Numerose le celebrità che appaiono nella narrazione: su tutte Picasso in persona, nel suo studio, e Marlène Dietrich, in tutto il fascino e l' enigmatica bellezza di donna irraggiungibile. Una vera perla il suo fuggevole incontro con Falcò, in un night, ed un sorprendente bacio rubato. La critica ha voluto riconoscere nomi famosi in altri personaggi, ad esempio in Eddy Mayo la fotografa Lee Miller, allieva di Man Ray, in Bayard lo scrittore comunista André Malraux e in un manesco amico di Bayard, l'americano Gatewood, addirittura Ernest Hemingway.
Pérez-Reverte è un maestro nella letteratura di spionaggio, il ritmo è sempre incalzante, la descrizione della Parigi del 1937 è ben documentata e precisa: una città in pieno fermento intellettuale alla vigilia di una guerra devastante, ove può succedere tutto ed il contrario di tutto, in un crescendo di tensioni, azioni delittuose e colpi a sorpresa.
Per gli appassionati del genere, un romanzo da non perdere.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I precedenti romanzi della trilogia di Lorenzo Falcò, "Il codice dello scorpione" e "L'ultima carta è la morte" dello stesso autore.
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Sabotaggio 2024-02-15 14:14:58 FrancoAntonio
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    15 Febbraio, 2024
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gli scorpioni pungono pure l'arte?

Autunno 1937. L’agente franchista Lorenzo Falcò, appena tornato da una missione — nella quale ha “recuperato forzosamente” a Biarritz un finanziatore della fazione repubblicana che, in Spagna, dovrà dare molte risposte e, poi, esser messo a tacere — viene convocato dal suo capo, l’Ammiraglio, il quale gli affida un nuovo incarico, urgente.
Si dovrà recare al più presto a Parigi per cercare di screditare lo scrittore attivista Leo Bayard, noto per il suo appoggio finanziario, ma anche personale, da eroe di guerra, alla causa repubblicana e far sì che venga sospettato di collusione con i franchisti, in modo che “chi di dovere” provveda a toglierlo di mezzo. Però c’è pure un’altra missione che lo aspetta: nel suo studio di Rue des Grands-Augustins, il grande pittore Pablo Picasso, noto per le sue simpatie socialiste, sta lavorando a un enorme quadro che dovrà apparire nel padiglione spagnolo (gestito dai repubblicani) dell’Esposizione internazionale «Arts et Techniques dans la Vie moderne» che dovrà aprire i battenti tra poco nella capitale francese. Quel quadro avrà lo scopo di denunziare la brutalità dei falangisti e l’orrore della guerra che stanno facendo contro il loro stesso popolo. Si intitolerà “Guernica” (!) e Falcò dovrà distruggerlo o, comunque, renderlo impresentabile per la mostra.
Questa missione, oltremodo ambiziosa e pericolosa, a cui collabora pure l’Abwher tedesco guidato dall’Amm. Canaris (e forse pure un insospettabile MI5 britannico), lo porterà in una Ville Lumière, che vive ancora una falsa illusione di spensieratezza nella sua ultima stagione di grandeur, e gli farà conoscere personaggi di spicco della cultura di quegli anni, in un accavallarsi di azione frenetica, intrighi e vita mondana nei prestigiosi night club della città.

Terzo e (per ora?) ultimo capitolo della trilogia dedicata all’anti-eroe Lorenzo Falcò, dove la finzione letteraria sfuma in modo inavvertibile nella realtà storicamente documentata. In una Parigi in gran splendore per l’imminente esposizione internazionale si muovono sia personaggi che hanno lasciato la loro impronta nel ventesimo secolo e ancora brillano per la loro fama, che individui cupi e pericolosi che nei torbidi anni d’anteguerra operarono losche trame nella crescente contrapposizione tra i vari totalitarismi. In mezzo ad essi agisce — con la solita, inusuale perizia, meccanica efficienza e scanzonata fredda indifferenza — l’agente spagnolo, fascinoso ammaliatore, abile trasformista, ma anche spietata macchina di morte.
In un mondo in cui l’essere “politicamente corretti” è assurto a precetto a cui tutti, obbligatoriamente, dobbiamo sottostare, pena il pubblico ludibrio, leggere le avventure di Falcò è come assaporare una ventata d’aria fresca e impudentemente sbarazzina. Lui è l’esatto contrario di tutto ciò che l’odierno sentire imporrebbe. È amorale e, talvolta, immorale; freddo calcolatore e, se serve, brutale esecutore anche di compiti deprecabili, senza alcun freno morale. Cinico, sprezzante di tutte le convenzioni, impudente e impunito in tutti i suoi atteggiamenti; apolitico e religiosamente agnostico. Esplicitamente concreto e non intellettuale, ma in grado di muoversi in mezzo all’intellighenzia e al bel mondo dell’alta società con assoluta naturalezza e savoir faire. È fedele solo a sé stesso e, se ha deciso di servire una delle parti in lotta nella sanguinosa guerra civile spagnola, lo ha fatto non perché creda nei principi del franchismo, ma solo perché, con fredda valutazione razionale, ha scelto di stare dalla parte di chi risulterà il vincitore finale. Ammira e stima le donne, di cui riconosce il valore e la determinazione, le tratta da sue pari (a differenza di ciò che è il sentire dell’epoca), ma si rapporta con loro solo come un predatore e si dimentica di loro dopo essersele portate a letto.
Insomma, un vero eroe negativo, ma, forse proprio per l’esasperata contrapposizione al convenzionale che lo contraddistingue, Falcò è inesorabilmente simpatico, l’individuo a cui tutti gli uomini vorrebbero assomigliare e che tutte le donne vorrebbero incontrare sulla propria strada: una specie di James Bond mefistofelico, ma, ancor più dell’eroe di Fleming, decisamente umano e realistico. Non è un supereroe invincibile, perché anche lui commette errori che potrebbero costargli la vita, ma la fortuna gli ha sempre arriso e, per ora, è sempre riuscito a cavarsela, in avventure ad altissima tensione emotiva che avvincono il lettore.
Questo terzo romanzo, oltre alla consueta attrattiva della trama, ben congeniata e ottimamente ambientata, ha un ulteriore spunto di interesse che viene offerto al lettore: alle rapide incursioni nella finzione letteraria di personaggi reali, come l’Amm. Canaris, Picasso, Marlene Dietrich si frammischiano altri personaggi chiaramente ispirati a figure realmente vissute, ma abilmente mimetizzati in false identità; sta a chi legge giocare a scoprire chi si nasconda dietro la loro maschera. Facile individuare nella bellissima Eddie Mayo, quella stupenda artista che fu Lee Miller. Ma Leo Bayard a chi dovrebbe somigliare? E dietro a quel pletorico sbruffone alcolista che è lo scrittore americano Gatewood, chi dovremmo scorgere? E il comandante Verdier, capo della Cagoule? E la bellissima e bravissima cantante di colore Maria Onitsha? Insomma un gioco di specchi che invoglia a discernere la realtà storica in mezzo alla finzione ucronica.
Come al solito lo stile di Perez-Reverte è ottimo, anche quando indulge nelle iperboli volutamente pulp, fuori luogo in diverso contesto, ma che qui ben si adattano a questa storia spionistica dove l’esasperazione è d’obbligo.
Insomma un bel romanzo tutto da godere in tutte le sue irriverenti sfaccettature, con l’unico rammarico che, forse, questo è l’ultimo romanzo che vedrà protagonista l'incontenibile Falcò.
_______________
Chiudo con una riflessione che Lorenzo fa sulla sua vita sempre ai limiti; riflessione che ben lo descrive:
“Gli uomini, pensò ancora una volta, nascono, camminano, lottano e si spengono. Nel frattempo, era formidabile continuare a giocare giochi mai dimenticati, vivere in margini fabbricati da sé stessi; naturalmente, a patto che si fosse disposti a pagare quando fosse arrivato il conto. Che alla fine arrivava, o sarebbe arrivata. Però nel frattempo il sangue scorreva nelle vene in un altro modo, e sentirlo così era un privilegio prossimo alla felicità: azione, donne, una sigaretta, un’aspirina, alberghi di lusso, pensioni sordide, passaporti falsi, frontiere incerte attraversate all’alba, un completo di Savile Row, un berretto proletario, un paio di scarpe su misura di Scheer & Söhne, un bicchiere di vino in un bordello da quattro soldi, una lametta da barba nella fascia di un cappello da ottanta franchi, una pistola identica a quella che aveva scatenato la Grande Guerra, un sorriso ironico e divertito di fronte allo spettacolo di un mondo che Falcó si beveva fino all’ultima goccia della bottiglia. Una sfida, insomma, alla vita e anche alla morte, in attesa della risata finale.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... i primi due libri della serie ("Il codice dello scorpione" e "L'ultima carta è la morte"), ma anche a chi apprezza le storie d'azione ben ambientate entro un bel romanzo storico.
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.1 (4)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Sabotaggio
Nuove abitudini
Linea di fuoco
L'ufficio degli affari occulti
Il mago
La moglie del lobotomista
La guerra di H
Il canto di Calliope
L'aria innocente dell'estate
Max e Flora
Rincorrendo l'amore
Giochi proibiti
Il canto di Mr Dickens
I Netanyahu
Oblio e perdono
Belle Greene