Narrativa straniera Romanzi storici Il canto di Mr Dickens
 

Il canto di Mr Dickens Il canto di Mr Dickens

Il canto di Mr Dickens

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Con Il canto di Mr Dickens, Samantha Silva riporta in vita l’intero universo dickensiano, regalandoci una favola di Natale ambientata per le strade di una Londra fumosa e gelida, ma anche luminosa e piena di fascino, come un grande circo galleggiante pieno di prodigi e misteri. Una lettera d’amore a Charles Dickens e alla sua opera; un romanzo allegro e commovente al tempo stesso, infuso di intelligenza e calore. «Una storia che affascina e commuove. La nebbia e i fantasmi che abitano questo romanzo sono gli stessi che popolano l’originale dickensiano. L’ho letto in un paio di avidi sorsi, come in un brindisi natalizio». Anthony Doerr



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il canto di Mr Dickens 2023-08-05 13:45:13 Mian88
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    05 Agosto, 2023
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dickens oh Dickens

«Tra loro c’era sempre stata una sorta di spinta in avanti, come se la vita potesse solo tradursi in un’espansione continua: altri figli, una casa più grande, cose migliori. Lo stesso Dickens era noto per la sua tendenza alla prodigalità, generoso fino all’eccesso.»

Piccola ma doverosa premessa: Samantha Silva si ispira alla vita di Dickens per questa storia che ci riporta ai tempi de “Canto di Natale” ma sin da subito premette di distanziarsene. È invenzione letteraria liberamente ispirata alla figura e da qui si sviluppa uno scritto che conduce per mano.
A questo dato di distanza dalla realtà vi è però anche l’assonanza tanto che molti lettori affezionati di Charles Dickens riconosceranno. Dickens, al tempo, si trovò nella necessità di scrivere in poche settimane un racconto di Natale poi trasformatosi in Canto di Natale. Il racconto doveva rispondere alle esigenze del pubblico e doveva soddisfare anche le richieste economiche degli editori. Dickens, ancora, per tutta la vita ha dovuto fronteggiare i debiti costanti del padre, le richieste di prestito da parte dei parenti e uno stile vita fin troppo spesso più alto delle proprie e reali possibilità.

«Avrebbe voluto vedersi offrire, se non del denaro, almeno una ventata di quel suo ottuso ottimismo, ora che ne aveva tanto bisogno. Un orecchio pronto ad ascoltare, una parola di saggezza, una spalla su cui appoggiarsi, ora che si sentiva vacillare. Un qualche segno che l’ordine naturale del rapporto tra genitore e figlio era ancora intatto. Era ridicolo aver bisogno di un padre alla sua età, adesso che lui stesso lo era diventato, e per ben sei volte. Eppure era così.»

Ecco allora che siamo trasportati in questa Londra umida e fredda, nella vita di uno scrittore che sta per vedere nascere un altro figlio e con la minaccia di dover anche restituire quelli che sono stati gli anticipi al lavoro dato. Tante le tematiche che vengono trattate, tanti gli aspetti che riconducono il lettore al testo originale. Che dire, o si ama, o si odia. Non ci sono tante vie di mezzo. È uno scritto che si sceglie perché ci si aspetta un qualcosa ma si deve sempre ricordare che è finzione narrativa e dunque adattata agli scopi. Certamente serve una buona dose di spirito natalizio perché il tema Natale e le sue ambientazioni non mancano.
Edito da Neri Pozza nella traduzione di Daria Restani, in libreria dall’8 novembre 2022.

«I miei fratelli, mia sorella, mia madre… se li portò dietro tutti quanti. Lo supplicai di portare anche me. Ma a me spettava il compito di farli rilasciare. Lavorando in questa fabbrica»

Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.1 (4)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Sabotaggio
Nuove abitudini
Linea di fuoco
L'ufficio degli affari occulti
Il mago
La moglie del lobotomista
La guerra di H
Il canto di Calliope
L'aria innocente dell'estate
Max e Flora
Rincorrendo l'amore
Giochi proibiti
Il canto di Mr Dickens
I Netanyahu
Oblio e perdono
Belle Greene