Il filo del rasoio Il filo del rasoio

Il filo del rasoio

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Camminare sul filo del rasoio è difficile, dice il passo delle Upanishad che Somerset Maugham ha posto in epigrafe a questo romanzo, da molti considerato il suo capolavoro. In effetti, non facile si presenta l’impresa di Larry Darrell, un giovane americano traumatizzato dagli orrori della Grande Guerra che per fascino, bellezza, intelligenza sembrerebbe poter avere tutto e che invece sceglie la via più imprevedibile: vivere, qualunque cosa questo significhi, lavorare in miniera, imbarcarsi come mozzo o partire per l’India alla ricerca dell’Illuminazione. Nulla sembra poterlo fermare neppure l’evidente passione dell’incantevole Isabel – abituata a essere inseguita, non a inseguire–, neppure lo sguardo quasi intimidito di Maugham stesso, che qui compare fra i personaggi, lacerando così l’ultimo velo della finzione. Un azzardo che sorprende ancora oggi, così come stupisce la constatazione che in questo romanzo assolutamente contemporaneo tutti i capi d’accusa in genere usati per relegare Maugham nella letteratura di puro intrattenimento – trame troppo robuste, personaggi troppo credibili, atmosfere troppo esotiche – si trasformano, una pagina dopo l’altra, in definitive, e smaglianti, prove a discarico.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.9
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
5.0  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il filo del rasoio 2021-05-14 22:22:28 topodibiblioteca
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
topodibiblioteca Opinione inserita da topodibiblioteca    15 Mag, 2021
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Per riflettere sul senso dell'esistenza

Risulta sempre piacevole leggere un libro di questo meraviglioso autore mai banale, che scrive storie ricche di riflessioni che sedimentano nella mente del lettore per lungo tempo. Fin dalle prime righe questo romanzo attira l’attenzione perché Maugham si rivolge al lettore spiegandogli che scriverà un libro in cui non ha inventato niente ed il racconto della vita di Larry (nome di fantasia dato dall’autore per non svelare la vera identità di questo personaggio) è frutto dell’osservazione diretta dello scrittore che narra in prima persona quanto ha realmente osservato. E’ pertanto possibile affermare che lo stesso Maugham è co-protagonista di una storia nella quale, come lui stesso precisa, “L’uomo di cui scrivo non è famoso” ma le sue scelte di vita sono risultate così straordinarie e particolari che risultano degne di essere narrate.

“Difficile è il passo sul filo tagliente di un rasoio: così i saggi dicono che ardua è la via della salvezza”.

Questa sorta di “epigrafe” al libro sintetizza bene le scelte di Larry, americano di ritorno dalla Prima Guerra Mondiale che risulta profondamente cambiato dentro e che si pone l’obiettivo di avere risposte alle sue domande esistenziali: “Voglio farmi un’idea se Dio c’è o non c’è. Voglio scoprire perché esiste il male. Voglio sapere se ho un’anima immortale o se quando muoio è la fine”. Maugham non conosce Larry all’inizio del libro ma grazie alle sue frequentazioni nell’alta società entrerà in contatto con il ragazzo e con la sua futura sposa Isabel, rampolla di una ricca famiglia americana, e ne seguirà direttamente le vicissitudini.
Ed il valore aggiunto del romanzo sta anche in questa rappresentazione dell'alta borghesia a stelle e strisce del primo dopoguerra (ma che non disdegna l’Europa come meta turistica ove soggiornare), dedita ad incontri mondani, ottimista ed opulenta. Una società avida che punta ad accumulare denaro, che investe a mani basse nella borsa americana nei confronti della quale gode di una fiducia illimitata, ma che si troverà all’improvviso a dovere fare i conti con la crisi del ‘29 ed il crollo di Wall Street. Contrapposta a questa visione di un’America sprezzante e dalla forte propensione consumistica, che vede il lavoro solamente come un fine necessario per arricchirsi, per godersi la vita come ben delineato dalle parole di Isabel (“Voglio andare alle feste, voglio andare a ballare, voglio giocare a golf e cavalcare. Voglio avere dei bei vestiti”), si staglia invece la figura di Larry. Il ragazzo risulta avulso da questi meccanismi, attratto invece dai segreti dell’anima, perennemente alla ricerca di verità assolute e che sembra trovare risposte solo nelle filosofie orientali ed in particolare nella cultura indiana. A tal proposito le ultime 50-70 pagine del libro sono un concentrato di dialoghi serrati tra Larry e Maugham, che toccano argomenti che spaziano da Dio, alla trasmigrazione delle anime, fino al senso dell’esistenza e del creato e che da soli varrebbero la lettura di quest’opera: “….Quando l’Assoluto si è manifestato nel mondo il male era naturalmente correlato col bene. Non avremmo la stupenda bellezza dell’Himalaya senza l’inimmaginabile orrore delle convulsioni della crosta terrestre”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il filo del rasoio 2018-08-17 07:30:44 Niki
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Niki Opinione inserita da Niki    17 Agosto, 2018
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Materialismo o spiritualità?

Amo molto questo scrittore: ha la capacità di rendere i personaggi vivi, le ambientazioni realistiche e le vicende, anche quelle quotidiane e ordinarie, interessanti. Merito della scrittura ricca, particolareggiata eppure fluida e musicale; è uno scrittore che ti fa vedere la storia che racconta e dà l'impressione che scrivere, per lui, sia un atto naturale. Protagonista di questo romanzo è Maugham stesso che si pone come voce narrante. Egli segue le vicissitudini, nel corso di una quindicina di anni, di alcuni personaggi - americani di Chicago - tra cui spicca Larry, un reduce della Grande Guerra, che, segnato nel profondo dalla tragedia a cui ha assistito e incapace di concepire un'esistenza superficiale, intraprende un difficile cammino alla ricerca di se stesso. Egli segue la sua strada con fiducia e slancio, sempre positivo, nonostante le persone 'normali' lo considerino un folle, fino ad arrivare a una sua personale consapevolezza. Molto riusciti anche gli altri protagonisti: il vanesio Elliot, che, in apparenza, pensa solo a feste e mondanità ma che, in realtà, è solo impossibilitato a esprimere la propria umanità nell'ambiente superficiale della borghesia che frequenta; la nipote Isabell, innamorata di Larry ma che preferisce sposare un altro, incapace di concepire una vita priva di agi. Questi personaggi si adattano alle convenzioni sociali e con la loro visione materialistica dell'esistenza, che credono l'unica possibile, sono infelici e si contrappongono specularmente alla ricerca spirituale di Larry che, s'eppur senza niente, è soddisfatto. Intensi anche i personaggi di contorno.
Il pericolo, per lo scrittore, avrebbe potuto essere quello di 'salire in cattedra' e dare una visone moralistica della società sempre incline a difendere se stessa da ciò che è diverso e che non concepisce, invece Maugham sa raccontare senza giudizio. Si legge con vero piacere e senza difficoltà.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri