Narrativa straniera Romanzi storici Il tatuatore di Auschwitz
 

Il tatuatore di Auschwitz Il tatuatore di Auschwitz

Il tatuatore di Auschwitz

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice
Il cielo di un grigio sconosciuto incombe sulla fila di donne. Da quel momento in poi sarà solo una sequenza inanimata di numeri tatuata sul braccio. Ad Auschwitz Lale, ebreo come loro, è l'artefice di quell'orrendo compito. Lavora a testa bassa per non vedere un dolore così simile al suo. Quel giorno però Lale alza lo sguardo un solo istante. Ed è allora che incrocia due occhi che in quel mondo senza colori nascondono un intero arcobaleno. Il suo nome è Gita. Un nome che Lale non può più dimenticare. Perché Gita diventa la sua luce in quel buio infinito. La ragazza racconta poco di sè, come se non essendoci un futuro non avesse senso nemmeno il passato. Eppure sono le emozioni a parlare per loro. Sono i piccoli momenti rubati a quella assurda quotidianità ad avvicinarli. Ma dove sono rinchiusi non c'è posto per l'amore. Dove si combatte per un pezzo di pane e per salvare la propria vita, l'amore è un sogno ormai dimenticato. Non per Lale e Gita che sono pronti a tutto per nascondere e proteggere quello che hanno. E quando il destino vuole separarli nella gola rimangono strozzate quelle parole che hanno solo potuto sussurrare. Parole di un domani insieme che a loro sembra precluso. Dovranno lottare per poterle dire di nuovo. Dovranno crederci davvero per urlarle finalmente in un abbraccio. Senza più morte e dolore intorno. Solo due giovani e la loro voglia di stare insieme. Solo due giovani più forti della malvagità del mondo.


Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il tatuatore di Auschwitz 2018-01-31 22:35:50 ALI77
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
ALI77 Opinione inserita da ALI77    01 Febbraio, 2018
Ultimo aggiornamento: 01 Febbraio, 2018
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

LALE E GITA

Quanto è difficile scrivere una recensione quando si legge una storia così incredibile e così dolorosa, non ho parole per descrivere quello che mi hanno trasmesso queste pagine.
Questa è l’ ennesima testimonianza per non dimenticare quello che è successo nella seconda guerra mondiale.
Premetto che questa è una storia vera, in queste pagine ho avuto la possibilità di leggere quello che ha attraversato il giovane Lale Sokolov, che entra ad Auschwitz nel 1942 e diventare il “Tatowierer” del campo.
Lale ha ventisei anni quando le SS bussano alla sua porta cercando dei giovani in forza che potessero lavorare per il governo tedesco, il giovane si offre di andare con loro pur di salvare la sua famiglia, lui rispetto al fratello maggiore era ancora celibe e senza figli.
Non sa cosa lo aspetta, non sa dove lo porterà quel vagone del treno dove è salito e nemmeno conosce quello che succede nei campi di concentramento, nessuno se lo può immaginare.
Non entra come tatuatore, ma lo diventa dopo, Lale però fa il suo lavoro con precisione e puntualità perché ha un obiettivo, che è quello di uscire vivo dal campo e di rifarsi una vita.
Il suo proposito viene messo a dura prova durante gli anni che lui rimane ad Auschwitz, la brutalità di quello che ha visto, di quello che lui stesso ha dovuto subire è stato terribile.
Ma in questa enorme nuvola grigia di dolore e atrocità, c’è sempre uno spiraglio, un piccolo scorcio di vita che Lale trova innamorandosi di Gita, un’altra prigioniera del campo.
Quest’amore riporterà in vita Lale, lo farà resistere e i due riescono a trovare anche dei momenti, anche se molto rari, per poter sognare una vita insieme felice e fuori da tutto questo orrore.
Non vorrei raccontarvi di più sulla trama anche se la storia è facilmente reperibile sul web dove ci sono interviste e commenti su Lale Sokolov e la sua testimonianza.
Quello che voglio però dire, è che ogni anno mi sorprendo per quante storie sull’Olocausto escano ancora a distanza di settat’anni dalla liberazione del campo di Auschwitz-Birkenau da parte dell’esercito russo.
Ma capisco anche quanto sia difficile raccontare la propria storia, rivivere quei momenti, ripensare a quanto male è stato fatto, ma credo sia necessario far conoscere la vita di queste persone, perché ancora oggi molti pensano che la Shoah non sia vera. Io trovo agghiacciante tutto questo.
Devo fare sicuramente un enorme applauso all’autrice, che ha saputo raccontare questa storia con sensibilità e ha saputo trasmettere al lettore quel coinvolgimento tale che ci ha resi testimoni della vita nel campo di Lale, delle emozioni che ha provato, di quello che ha visto e della rabbia che aveva dentro quando non ha potuto aiutare le persone che erano lì con lui.
Negli anni di libri sull’argomento ne ho letti parecchi, sia storie completamente inventate che invece, come in questo caso, vicende realmente accadute e ogni volta mi rendo conto di quanto ancora oggi dobbiamo fare per non discriminare gli altri e che dal passato non abbiamo imparato nulla.
Molte testimonianze finiscono in maniera tragica, molte sono le vite spezzate per sempre, interrotte, persone piene di vita, di sogni e di speranza discriminate solo perché diverse, mentre quelli che si sono salvati rimangono sempre con il ricordo di quello che hanno vissuto.
Questo libro è veramente toccante e profondo, Lale è un personaggio che ha saputo affrontare il periodo più buio della storia ed è riuscito a sopravvivere e a sconfiggere tutto il male che gli hanno fatto.
Le sue parole e questo libro sono fondamentali per noi e per mantenere viva la memoria.
Consiglio queste romanzo perché prima di tutto è una storia vera, perché l’autrice ha reso la storia coinvolgente ed emozionante e perché non dobbiamo dimenticare quello che è successo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
altre libri sull'Olocausto
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La cercatrice di corallo
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Parlarne tra amici
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Sorprendimi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini che restano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita riflessa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
In
In
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Davanti agli occhi
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La sera a Roma
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Lo spirito della fantascienza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hotel Silence
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La grande truffa
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il diavolo nel cassetto
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri