Io, Parsifal Io, Parsifal

Io, Parsifal

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Il mitico Re del Graal e suo figlio Lohengrin, il Cavaliere del Cigno, sono i protagonisti di questo romanzo dove la leggenda si fonde con la Storia ad identificarli con i davidicib Trencavel che guidarono la resistenza catara contro i Crociati in Occitania nel XIII secolo. Una storia segreta e finalmente svelata grazie alle lunghe ricerche dell'autore che getta una luce nuova e sorprendente sull'eroe immortalato da Wagner e che stregò personaggi come Ludwig di Baviera e Adolf Hitler.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Io, Parsifal 2007-12-12 10:56:24 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    12 Dicembre, 2007
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Per sapere di più sul Graal

Nell’ultima di copertina c’è scritto questo:

“Parsifal, il mitico Re del Graal, e suo figlio Lohengrin, il Cavaliere del Cigno, sono i protagonisti di questo romanzo dove la leggenda si fonde con la Storia ad identificarli con i davidici Trencavel che guidarono la resistenza catara contro i Crociati in Occitania.

Una storia segreta che getta una luce nuova e sorprendente sull’eroe immortalato da Wagner e che incantò personaggi come Ludwig di Baviera e Adolf Hitler. “

In prefazione, peraltro, l’ autore stesso dichiara che nell’opera svelerà il mistero del Graal del davidico Parsifal, attribuendo il merito di tale scoperta ai maestri medievali Flegetanis da Toledo e Wolfram von Eschenbach, che a suo tempo raccontarono i capitoli principali di questa storia realmente accaduta.

Per avvalorare questa affermazione, Javaloys fornisce, accanto a una cronologia dei fatti storici rilevanti, anche un quadro sinottico ove si definisce una corrispondenza fra i personaggi storici e quelli leggendari.

Il lavoro svolto è stato indubbiamente complesso, ma l’impressione che ho ritratto è che l’autore si sia trovato di fronte a una non facile scelta di percorso narrativo. Si deve essere detto: scrivo un saggio storico, oppure un romanzo storico, o addirittura un romanzo di fantasia, pur con agganci storici, dove l’aspetto esoterico sia dominante?

Probabilmente non è riuscito a darsi una risposta chiara, tanto che alcune pagine sono proprie di una ricerca storica, mentre altre sono un vero e proprio romanzo, con l’elemento magico presente, ma assai sfumato.

Ora, la valutazione dell’opera dipende molto dalle aspettative che il lettore si ritrae dalla stessa. Se desidera un romanzo di fantasia non ne sarà contento, ma se vuole farsi un’idea su chi erano Parsifal e Lohengrin, divertendosi a scorrere le pagine, che spesso sembrano condurre a una sequenza cinematografica, questo libro non potrà che piacergli.

I personaggi, cavalieri dell’epoca ben delineati nelle loro caratteristiche, prendono gradualmente forma e sostanza, dando vita a un intreccio che quasi costringe a seguire gli eventi che li vede protagonisti, tipo tornei, battaglie, assedi, avventure amorose anche.

Storicamente s’innesta poi la figura dominante e francamente esecrabile della Chiesa di Roma, tesa a fare crociate con scopi ufficialmente religiosi, ma con fini sotterranei ben più materiali. Questa è forse una delle parti migliori del libro, perché l’aspetto storico, se pur prioritario, finisce con l’essere raccontato in modo accessibile ai più, nonostante la complessità derivante da tutta una serie di intrighi che certo non mettono in buona luce l’opera del papato.

Nel complesso si tratta di un quadro medievale di pregevole fattura su fatti ed eventi a molti sconosciuti, ma che hanno una rilevanza di tutto riguardo nella storia europea, il tutto narrato con uno stile sobrio e anche accattivante. Penso si possa dire che questo libro costituisce l’occasione per saperne un po’ di più e se considerato in tale funzione è sicuramente raccomandabile.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La regina d'oro
Il botanico inglese
I demoni guerrieri
Storia di un fiore
Il prodigio
Notti al circo
La città fra le nuvole
La custode dei peccati
Barbablù
L'infermiera di Hitler
La saga di Vigdis
Partenza in gruppo
Il disertore
L'arte dell'henné a Jaipur
Il libro dei bambini
L'alba del mondo