Narrativa straniera Romanzi storici Io, piccola ospite del Fuhrer
 

Io, piccola ospite del Fuhrer Io, piccola ospite del Fuhrer

Io, piccola ospite del Fuhrer

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

È il Natale 1944: la piccola Helga, suo fratello e alcuni "perfetti bambini ariani" sono ospiti per tre giorni nel bunker di Hitler. In una Berlino ormai distrutta e in fiamme, emerge lo smarrimento e l'inconsapevole leggerezza dei bambini in gita nell'epicentro del terremoto. Un racconto bruciante, dove al valore della testimonianza si aggiunge l'intensità del ricordo d'infanzia. Helga Schneider è nata in Polonia e cresciuta in Germania e in Austria, paese d'origine dei genitori. Vive a Bologna dal 1963 dove ha svolto attività di giornalista. Scrive in italiano ed è autrice di romanzi.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Io, piccola ospite del Fuhrer 2009-03-28 23:43:19 Maristella
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Maristella Opinione inserita da Maristella    29 Marzo, 2009
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un'altra testimonianza

Natale 1944. In una Berlino devastata dai bombardamenti e ormai ridotta ad un immenso rogo, un vecchio autobus alimentato a carbone, in quanto il carburante è disponibile solo per i mezzi militari, trasporta un piccolo gruppo di bambini ariani considerati “privilegiati” perché diretti, per essere ospitati qualche giorno, al Bunker di Hitler situato sotto la Cancelleria del Reich.

Tra questi c’è anche Helga che insieme al fratellino Peter e grazie al tenace interessamento di una zia acquisita, strenua collaboratrice dell’ Ufficio Propagandistico di Goebbels, vivrà cinque minuti di storia che avrebbe preferito dimenticare ma che le rimarranno impressi indelebilmente nella memoria. Sull’onde delle paradossali mosse propagandistiche del Ministro Goebbels, Helga potrà vedere con i suoi occhi l’interno della dimora del Fuhrer, un “angusto dedalo di morte dall’architettura senza futuro”.

Ad esso si accedeva attraverso una ripidissima scala venendo fagocitati da una serie di corridoi stretti e bui, illuminati da luci che apparivano sinistre. L’atmosfera era calda e umida e toglieva il fiato unitamente all’intollerabile odore di gasolio usato per il funzionamento dei gruppi elettrogeni e ad un intenso sentore di muffa che cresceva abbondante in quegli ambienti soffocanti.

I bambini venivano sottoposti a visita medica per escludere malattie e veniva artificiosamente dato loro un aspetto il più salutare possibile, colorandone i visetti, smunti per la fame patita, con lampade a raggi ultravioletti. Ma la vera attrattiva e il vero privilegio era sicuramente il cibo che avrebbero ricevuto.

Le cantine del bunker infatti straripavano di scorte alimentari e di ogni altro genere materiale, necessario e non.

Ai bambini era stato prospettato l’uso di beni ormai introvabili, come il dentifricio e la carta igienica ma soprattutto un’abbondante offerta di succulente salsicce distese su fette di pane bianco il cui sapore era stato ormai dimenticato.

Ma l’abbondanza di cibo, dopo tanto tempo passato a stomaco vuoto, si traduceva in vomiti e malesseri che rendevano ancora più opprimente l’atmosfera claustrofobica che ivi regnava.

Fuori la popolazione civile, senza cibo,né acqua,né gas,né luce, era allo stremo delle forze.

A conclusione di questa esclusiva visita, la fugace apparizione di un Hitler ricordato come vecchio, curvo, stanco e tremante, con il passo strascicato e una stretta di mano debole e sudaticcia. Gli occhi contornati da ragnatele di rughe profonde, i famosi baffetti ingrigiti in un volto completamente sfatto che conservava, solo nello sguardo ancora fermo e penetrante, tutto il suo sinistro magnetismo.

Helga Schneider ci offre ancora una volta una testimonianza lucida e coinvolgente tratteggiata dalla sua scrittura semplice ma profondamente trascinante e ci regala un’ ulteriore memoria che possa insegnarci che la guerra è capace di distruggere insieme alle vittime anche i carnefici, insieme ai vinti anche i vincitori.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
22
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa delle luci
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non aprite quella morta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Oblio e perdono
Belle Greene
La maschera di marmo
Io, Monna Lisa
Il gran mondo
L'italiano
La regina d'oro
Il botanico inglese
Gli Effinger
I demoni guerrieri
Storia di un fiore
Il prodigio
Notti al circo
La città fra le nuvole
La custode dei peccati
Barbablù