L'amore è cieco L'amore è cieco

L'amore è cieco

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Ambientato alla fine del XIX secolo, L’amore è cieco segue le vicende di Brodie Moncur, un giovane musicista scozzese, educato e di bell’aspetto, che lavora come accordatore di pianoforti a Edimburgo. Quando a Brodie viene offerto un lavoro a Parigi, il ragazzo coglie l’opportunità di fuggire da Edimburgo e dal suo tirannico padre ecclesiastico, e inizia un nuovo capitolo completamente diverso nella sua vita. A Parigi, un fatidico incontro con un pianista famoso cambia irrevocabilmente il suo futuro e scatena una ossessiva relazione d’amore con una bellissima soprano russa, Lika Blum. Da Parigi a San Pietroburgo, l’amore di Brodie per Lika e le sue pericolose conseguenze lo porteranno in giro per l’Europa e oltre, in un’epoca di travolgente cambiamento, mentre il Diciannovesimo secolo diventa il Ventesimo. L’amore è cieco è un racconto di vertiginosa passione e brutale vendetta; dello sforzo artistico e delle illusioni che crea; di tutte le possibilità che la vita può offrire, e di quanto possano crudelmente essere spazzate via. Intimo ritratto della vita di un uomo e, al contempo, lucido sguardo alle contraddizioni che animano gli inizi del Ventesimo secolo, L’amore è cieco è il nuovo, magistrale romanzo di uno dei più amati narratori della Gran Bretagna.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'amore è cieco 2020-06-21 20:58:50 Victoria Archontis
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Victoria Archontis Opinione inserita da Victoria Archontis    21 Giugno, 2020
  -   Guarda tutte le mie opinioni

L’amore è cieco non è una semplice storia d’amore

“ … chi poteva dire cosa attirasse una persona verso l’altra? Era un mistero, qualcosa di individuale e del tutto personale… ”.
Parigi 1896. Brodie, abile accordatore di pianoforti, ormai vicedirettore della sede francese di Channon & Co, percepisce qualcosa di strano sull’andamento finanziario dell’azienda. Pensando che sia importante intervenire, va alla ricerca di musicisti compiacenti, con l’intento di pubblicizzare il marchio. Dopo diversi delusioni si imbatte in J. Kilbarron, un musicista dall’ “orecchio assoluto”, un po’ antiquato come maestro, ma che continua a suonare con invidiabile brio e potrebbe fare al caso suo. I due si incontrano dopo uno dei concerti del compositore al Theatre de la Republique. In quello stesso luogo incontra anche Lydia , una solista troppo esile e alta per essere soprano, che sconvolgerà la sua vita in modo inimmaginabile. Egli rimane estasiato e inconsapevolmente travolto dal destino. “…Chiamami Lika, Brodie, ma solo quando siamo da soli, se non ti dispiace. Non credo che John approverebbe tanta familiarità…”.
Il romanzo è ambientato alla fine del XIX secolo (inizio XX secolo). E’ un viaggio che inizia dalla Scozia fino ad arrivare nelle isole Nicobare e Andamane, passando per Parigi, San Pietroburgo, Vienna, Trieste.
Per apprezzare meglio questo romanzo è necessario liberare la propria mente da ogni logica, da ogni ragionevolezza, tollerare la sensibilità eccessiva, l’ingenuità dei sentimenti, la vulnerabilità e le insicurezze. Occorre provare empatia per i personaggi senza formulare giudizi, altrimenti si rischia di detestarli, di non comprendere i loro comportamenti.
Nulla rimane immutato in questa storia: quando si è convinti che è stata scritta la parola fine, ecco all’improvviso un altro colpo di scena.
“L’amore è cieco” è da leggere e godere fino all’ultima pagina, magari con un sottofondo musicale come, per esempio, la sinfonia n°3 di Cajkovskij.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il mistero della donna tatuata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli eletti
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Anche le pulci prendono la tosse
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il decoro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La vita alla finestra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Trio
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri