Narrativa straniera Romanzi storici L'incisore di Lione
 

L'incisore di Lione L'incisore di Lione

L'incisore di Lione

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Nel 1535 l'Europa, lacerata dallo scisma di Lutero, è incendiata da insurrezioni contro la Chiesa cattolica. A Munster, Bernd Rothmann, giovane predicatore, capeggia la rivolta contro la corrotta gerarchia cattolica. Non esita a proclamare a Munster l'assoluta libertà religiosa. Nella città accorrono centinaia di pellegrini. La rivolta, però, viene soffocata nel sangue dagli eserciti cattolici. Il fantasma di Munster, tuttavia, non cessa di turbare i sogni di mezza Europa cattolica. Diciotto anni dopo a Lione, Matthieu Ory, inquisitore del Regno di Francia, riceve da Roma l'ordine di scoprire chi sia il misterioso MSV, autore di un'opera intitolata "Christianismi restitutio", un trattato che si fa beffe del dogma dello Spirito Santo. Ory pensa affida l'incarico a un rinomato incisore di Lione, Joachim Pfister. Una uomo pio ma dal passato oscuro che affonda le sue radici nei giorni dell'insurrezione di Munster.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'incisore di Lione 2015-09-27 17:54:54 sonia fascendini
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
sonia fascendini Opinione inserita da sonia fascendini    27 Settembre, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Corsi e ricorsi storici

Siamo nel 1500, nel pieno delle lotte religiose tra cattolici e i vari dissidenti che chiedono riforme drastiche. Dall'una e dall'altra parte molte sono le diferenze tra quanto succede in privato e in pubblico. Molte sono anche le differenze tra quanto si predica, a seconda che si debba condannare i nemici o giustificare gesti pubblici aberranti.
In questo clima cresce, ed ha un duro contatto con la realtà Bernd Rothmann, figlio di un incisore che ha come colpa quella di attirare la lasciva attenzione del vescovo di Munster. Il carnefice sarà in seguito punito dalla sua vittima con una vergogna pubblica. Niente, sarà però rispetto a quanto succederà nei mesi successivi nella città. Il borgo sarà colpito da un vortice di violenza incontrollata, dapprima giustificata dall'intenzione di ripulire la Chiesa, in seguito lasciata a sè stessa, come un mostro che cresce e si nutre grazie alle sofferenze più atroci. Il romanzo ci fa fare un salto di diciotto anni: adesso ci troviamo nelle segrete dove i boia al servizio dell'inquisizione estorcono la confessione di reati inesistenti a prigionieri ormai desiderosi solo di morire. Per ordine di uno di questi inquisitori partono le indagini alla ricerca dell'autore di un volume sovversivo. A svolgerle sarà un personaggio già da noi inocntrato nelle pagine precedenti: ripulito e con un nuovo nome non fa sospettare nulla del suo tumultuoso passato.
La trama di questo libro non è di per sè un gran che. Ci sono poche sorprese e anche quelle mi sembrano poche credibiòli. Inoltre a tratti si fa fatica a seguire le vicende private dei protagonisti. E' invece molto curata, e secondo me da sola merita la lettura del romanzo, la ricostruzione storica. L'autore espone alcune delle teorie dei riformatori in modo semplice e comprensivo. Il clima di cospirazione che non mette nessuno al sicuro è reso molto bene. Così come è resa bene l'assenza del diritto di pensiero e men che meno di un diritto di usare la nascente stampa. Infine l'abuso che ancora oggi tiene sotto scacco il mondo: la giustificazione di atti di violenza inimmaginabili attraverso una interpretazione deviata dei testi sacri.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La regina d'oro
Il botanico inglese
I demoni guerrieri
Storia di un fiore
Il prodigio
Notti al circo
La città fra le nuvole
La custode dei peccati
Barbablù
L'infermiera di Hitler
La saga di Vigdis
Partenza in gruppo
Il disertore
L'arte dell'henné a Jaipur
Il libro dei bambini
L'alba del mondo