Narrativa straniera Romanzi storici La casa delle vergini
 

La casa delle vergini La casa delle vergini

La casa delle vergini

Letteratura straniera

Classificazione
Autore

Editore

Casa editrice

La trama e le recensioni di La casa delle vergini, romanzo di Ami Mckay edito da Neri Pozza. Nel 1871 a New York le grandi Avenue sono piene di immagini di benessere, luminose e sgargianti. Basta, però, avventurarsi in una strada laterale per imbattersi in tutt'altra visione. A Chrystie Street, ad esempio, vivere comporta anche avere eccellenti probabilità di morire, uccisi dalle malattie o dalla fame, dalla rabbia di un vicino, o di propria mano. Moth è nata nella zona più povera di Chrystie Street, da una chiromante dei bassifondi e da un uomo scappato di casa quando lei aveva tre anni. Il destino di Moth è alla Bowery, la zona della città piena di case vistose e chiassose, sale da ballo, alberghi di terza categoria, teatri di varietà.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La casa delle vergini 2013-04-04 16:06:37 Marghe Cri
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Marghe Cri Opinione inserita da Marghe Cri    04 Aprile, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Niente di che

Moth ha dodici anni. Vive con sua madre in un quartiere degradato di New York, a ridosso delle vie eleganti e vitali su cui scorre la vita e il divertimento di quella che, in pectore, è già la Grande Mela.
Siamo nel 1871 e il grande sogno di fare fortuna in America ammassa carne e ambizioni in cubicoli male illuminati e privi di speranza.
Difficile sfamarsi quando l’unico lavoro possibile per la bella zingara madre di Moth è leggere la mano e la sfera di cristallo.
Un po’ per sopravvivere, un po’ per scommettere su un destino migliore per la piccola, la madre vende la figlia come cameriera a una ricca signora che si rivelerà crudele e dispotica.
La povera Moth non ha scampo, si adegua e soffre, si consola con il sogno di potere un giorno, a sua volta, vivere da padrona in una grande casa con un vasto giardino.
Ma intanto la vita è dura ed è con grandi rischi che riesce a sfuggire alla schiavitù un cui la madre l’ha confinata, ma una volta libera si lascia irretire, consapevolmente, in un altro traffico di carne umana: viene accolta in una casa in cui si insegna alle preadolescenti l’arte di parlare con eleganza, vestire con ricercatezza, camminare con stile e soprattutto irretire uomini facoltosi allo scopo di mettere all’asta la propria verginità.
Gli eventi sono narrati con garbo, raccontati dalla voce della protagonista, con il contrappunto di alcune note di mano della dottoressa che cura le piccole ospiti della casa e che prende Moth sotto la sua protezione, cercando di salvarne il corpo e l’anima.
Il libro è stato un best seller. Personalmente ho trovato piuttosto ingombranti le note di inizio capitolo che riportano notizie dell’epoca vicine alla vicenda raccontata. Nel complesso, anche se gradevole, il libro ha un andamento lento e talvolta prolisso e forse non sono riuscita ad immedesimarmi fino in fondo con la piccola protagonista che alterna personalità diverse: talvolta fin troppo infantile, talvolta incongruamente adulta.
Nel complesso non è un libro da ricordare.


[…]
Le donne, nei cortili dietro le case, andavano a strofinare le pietre sulle assi per lavare, sospirando per i mariti perduti. Gomito a gomito, stendevano la biancheria su fili tirati l’uno vicino all’altro in quello spazio stretto e buio.
Il cortile dietro il nostro caseggiato era particolarmente sfortunato perché aveva soltanto tre lati, anziché quattro. Le attrazioni principali erano una pompa che perdeva e dirimpetto, una fila di cinque latrine, appoggiate le une alle altre come puttane ubriache, barcollanti, piangenti e sporche.
[…]

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...

Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Léon
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri