Narrativa straniera Romanzi storici La danzatrice di Seul
 

La danzatrice di Seul La danzatrice di Seul

La danzatrice di Seul

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Seul, 1890. È solo una bambina orfana, Yi Jin, quando arriva come serva alla corte Joseon, ma c'è qualcosa in lei che smuove il cuore della regina. È per questo, per la sua fragilità di uccellino e la delicatezza del suo viso, che diventa oggetto di un amore quasi materno, e le viene concesso il privilegio di imparare una delle arti più amate a corte, la danza. Negli anni, Yi Jin diventa la danzatrice più apprezzata e famosa di tutta la Corea: con ogni movimento del corpo sembra in grado di compiere una magia. Quando un diplomatico francese visita la corte - sono gli ultimi, fulgidi anni della dinastia Joseon, che di lì a poco l'invasione giapponese avrebbe spazzato via - osserva rapito la magnificenza di questa cultura al culmine del suo splendore. E, vedendo Yi Jin che interpreta la Danza dell'oriolo a Primavera, resta inevitabilmente stregato: pur sapendo che le danzatrici appartengono alla corte, chiederà al re di portarla con sé in Francia e sposarla. Il permesso è accordato, e per Yi Jin comincia un viaggio incredibile: quello della prima donna coreana che abbia mai messo piede sul suolo europeo. Yi Jin conoscerà Parigi nel pieno della Belle Epoque, ma si scontrerà anche con una cultura completamente diversa, che non riuscirà mai a vedere in lei altro che un'esotica meraviglia...

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La danzatrice di Seul 2019-09-27 20:34:11 archeomari
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
archeomari Opinione inserita da archeomari    27 Settembre, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Veramente interessante

Magnifico.

Un libro comprato semplicemente perché avevo voglia di leggere un autore o una autrice orientali, preso così senza neppure a provare tentoni nel buio di sondare il terreno prima dell’acquisto. Galeotta fu la copertina...
Una vera sorpresa. Apprendo adesso, a libro chiuso, che la scrittrice è una delle più grandi autrici orientali viventi. Col libro “Prenditi cura di lei”, tradotto in oltre 30 lingue, Kyung-Sook Shin ha vinto nel 2012 il prestigiosissimo Man Asian Literary Prize. E’ stata la prima donna asiatica e la prima cittadina sudcoreana a vincere un premio letterario così importante. E non me ne sorprendo. Una storia coinvolgente, toccante, interessante per l’ambientazione storica ed una scrittura delicata, elegante, che sa mandare però pesanti affondi nel cuore. Ho provato mille emozioni: rabbia, tenerezza,angoscia, tristezza ed anche terrore per scene cruente.
Gli scrittori orientali hanno questa caratteristica: sanno creare immagini di grande delicatezza e raffinatezza, ma sanno anche descrivere la crudeltà.

Com’è nato questo che nell’intento iniziale voleva essere un romanzo storico? È la stessa scrittrice a spiegarcelo alla fine del libro: aveva trovato un vecchio racconto, a Parigi, ambientato nel tramonto dell’antica dinastia Sudcoreana degli Joseon ( al potere dall’ inizio 1300 al 1801) con la sua splendida corte di danzatrici raffinate, di fini suonatori di daegeum ( tipico flauto) e di rigidissime regole sociali all’interno del palazzo.
Kyung-Sook Shin riferisce: “Prima di imbattermi in quella storia, non avevo mai immaginato di poter scrivere un romanzo basandomi su un vecchio racconto. Parlava di un francese, il primo diplomatico in Corea, che si era innamorato di una danzatrice di corte ed era tornato a Parigi insieme a lei”. Una storia che si sposta tra Oriente ed Occidente : il primo con le sue tradizioni, le sue opere colorate, i suoi celadon, vere calamiti per i collezionisti di opere esotiche e un Occidente, in questo caso la Francia, che nonostante l’alto grado di civiltà, arte e letteratura, mantiene un atteggiamento coloniale e di sfruttamento incarnato dallo stesso Victor, l’ambasciatore che si innamora perdutamente di una dama di corte, bella oltre misura e la porta a Parigi. La scrittrice ha dato prova di conoscere molto bene la Francia, i suoi monumenti, le sue opere d’arte ed anche alcuni importanti scrittori, ad esempio Maupassant, che diventa uno dei pochi amici della protagonista, Yi Jin, nella capitale francese.
Un fiore coltivato in una terra diversa però appassisce e Yi Jin finirà con l’ammalarsi gravemente di malinconia al punto che Victor, che la ama con devozione, decide di riportarla in Corea.
Ma...dopo tutti quei mesi, la situazione in Corea del Sud è cambiata, il pericolo giapponese distrugge la serenità della regina tanto amata e di tutto il palazzo...la stessa Jin è cambiata, ora veste abiti occidentali, ha una nuova consapevolezza della vita. Molte persone che avevamo trovato al’inizio del romanzo sono invecchiate o sono morte, ma le passioni covate sotto la cenere no.
Lascio a voi il piacere di scoprire un romanzo storico, di costume, ben documentato e veramente toccante. Prendete pure i fazzoletti, perché non riuscirete ad evitare di commuovervi.





Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Questione di Costanza
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri