Narrativa straniera Romanzi storici La donna che leggeva troppo
 

La donna che leggeva troppo La donna che leggeva troppo

La donna che leggeva troppo

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Nella Persia del 1800 Tahirih Qurratu'l-Ayn è diversa da tutte: nata in una famiglia benestante, è cresciuta "come un uomo", libera di studiare e imparare. Bellissima, sensibile e curiosa, scrive poesie e discute di politica, proclama la dignità delle donne. La sua fama di poetessa e ribelle ("strega e puttana" per chi ne ha paura) è ormai diffusa in tutto il Paese quando, accusata di omicidio, fugge, tenendo in scacco la polizia dello Shah come se potesse prevederne le mosse. E quando infine viene catturata - dopo aver osato, nell'attimo che la consegna alla Storia, togliersi il velo in pubblico - il suo fascino e la sua saggezza confondono i persecutori, scatenando l'amore dello Shah e l'ira funesta di sua madre. Verità storica e leggenda si fondono in un romanzo emozionante e intenso, omaggio all'intelligenza, alla sensibilità e al coraggio di una donna libera e straordinaria.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La donna che leggeva troppo 2012-02-22 06:26:46 Marghe Cri
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Marghe Cri Opinione inserita da Marghe Cri    22 Febbraio, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una donna coraggiosa

Dalla metà del 1800 fino alla fine del secolo regnò in Persia Nasiru’d-Din Shah.
I suoi cinquant’anni di regno sono l’oggetto di questo libro.
Mentre si legge è difficile rendersi conto che parliamo di eventi di poco più di un centinaio di anni fa: mentre Anita cavalcava accanto al suo Giuseppe, in Iran le donne non avevano ancora il diritto di imparare a leggere e scrivere.
Una donna, la Poetessa di Qazvin, nata in una famiglia di eruditi mullah osò “addirittura” studiare i testi sacri e discuterne in pubblico con competenza e coraggio.
Questo le valse l’accusa di eresia, l’imprigionamento e la morte.
La sua vita si intreccia per un periodo con quella dello Shah.
Il racconto è quasi esclusivamente al femminile: sono quattro donne a raccontare, in quattro capitoli separati, cinquanta anni di vita e di storia visti dall’interno della propria vita privata.
Le quattro narrazioni si intrecciano e sono nell’ordine: quella della madre dello Shah, della moglie del Primo Notabile del Regno, della sorella dello Shah ed infine, nell’ultimo capitolo, si vede come l’intera vicenda abbia inciso sulla vita della Poetessa.
Il libro è interessante per gli argomenti che affronta e per lo spaccato che offre su una società ed un modo di pensare che sono molto lontani dalla nostra cultura. È sostenuto da note cronologiche e bibliografiche che ne attestano l’aderenza ai fatti storici.
Nella prima parte la lettura è un po’ appesantita dalla necessità di crearsi una mappa mentale temporale dei fatti che vengono presentati con l’uso dei flash back, ma già dal secondo capitolo, che ripercorre – come gli altri - gli stessi eventi da un diverso punto di vista, la narrazione si presenta più chiara e ci accompagna a conoscere la condizione della donna in una cultura che non è cambiata negli ultimi secoli: sudditanza ed invisibilità sono il destino di una donna nata nell’Islam e per quelle che si ribellano, e dotate di capacità superiori primeggiano sugli uomini, il destino è la morte.
Il capitolo più bello è l’ultimo, quello che descrive gli eventi visti dall’occhio lucido e sereno della Poetessa: è estremamente coinvolgente e ci si ritrova a sperare che, nonostante l’epilogo sia già noto, qualcosa possa intervenire a cambiare il corso degli eventi.
Lo consiglio a chi ama i romanzi storici rispettosi dell’aderenza ai fatti realmente avvenuti.


[…]
Ci vuole così tanto a morire, pensò inebetita mentre le contrazioni aumentavano di intensità. I colpi nel cortile sembravano diventare sempre più forti; pareva che buttassero giù i cancelli, che abbattessero la casa intera. Forse è finalmente la levatrice, gemette la povera ragazza. Se non è la levatrice, allora sarà la morte per me, pensò. Ma forse è morto il bambino, urlò in preda al terrore. E se non ci sono segni di vita, se nasce morto? Eppure no, essere morta non era ancora la cosa peggiore, comprese, e i suoi occhi si spalancarono all’idea dell’altra possibilità. Oh, no! E se era una femmina?
Era più di quanto potesse sopportare. Mentre il suo corpo veniva stretto in una morsa e squarciato, la nuora strabica del primo notabile cominciò a urlare.
[…]

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Schiava di mio marito, Mille splendidi soli
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Foundryside
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La vita prima dell'uomo
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La voce dell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Gli ultimi giorni dell'Europa
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Cena di classe
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Bersaglio. Alex Cross
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Sarti Antonio e l'amico americano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale dell'oblio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il lampadario
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Carne e sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Belle Greene
Io, Monna Lisa
L'italiano
La regina d'oro
Il botanico inglese
Gli Effinger
I demoni guerrieri
Storia di un fiore
Il prodigio
Notti al circo
La città fra le nuvole
La custode dei peccati
Barbablù
L'infermiera di Hitler
La saga di Vigdis
Partenza in gruppo