Narrativa straniera Romanzi storici La scacchiera di Auschwitz
 

La scacchiera di Auschwitz La scacchiera di Auschwitz

La scacchiera di Auschwitz

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Novembre 1943. Tra nubi di vapore il treno da Cracovia si ferma ad Auschwitz. Trasferito dal fronte russo a causa di una ferita alla gamba, l'ufficiale delle SS Paul Meissner dovrà occuparsi dell'amministrazione dei campi di concentramento. Dalle altissime gerarchie del Reich è arrivato l'ordine di innalzare il morale delle SS attraverso attività ludiche ed edificanti. Meissner decide così di fondare un club degli scacchi dove gli ufficiali possano sfidarsi. Finché nel campo inizia a serpeggiare una voce: tra i prigionieri c'è un ebreo francese, un certo Emil Clément detto "l'Orologiaio", che a scacchi è imbattibile. Clément è costretto alla sfida più pericolosa e terribile di sempre: giocare contro le SS mentre in palio c'è la vita o la morte di altri prigionieri. Vent'anni dopo, Clément partecipa a un torneo ad Amsterdam. Non può sapere che incrocerà di nuovo Paul Meissner. Cosa ci fa lì?

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La scacchiera di Auschwitz 2015-12-29 21:11:08 Gondes
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Gondes Opinione inserita da Gondes    29 Dicembre, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

LA SCACCHIERA DI AUSCHWITZ

Emil Clèment è un ebreo francese che viene deportato con la famiglia nel campo di concentramento di Auschwitz. Dopo essere stato separato dai propri cari, cerca di sopravvivere aggrappandosi alle poche cose che ancora la sua mente considera vita; semplici gesti o pensieri che fanno in modo che la voglia di vivere prevalga sul desiderio di morire e porre fine alle proprie sofferenze. La vita nel campo è ogni giorno più difficile con il peggiore delle condizione di salute, quello che però non viene mai a meno è la passione per il gioco degli scacchi. Inizia così una sorta di torneo clandestino con gli altri prigionieri nei pochi momenti di riposo dopo una giornata di duro lavoro.
Nel frattempo la guerra, specialmente sul fronte russo, non sta andando molto bene per l’esercito tedesco, così dai livelli alti dei Reich viene deciso di alzare il morale dei soldati con iniziative ricreative e ludiche.
Paul Meissner è invece un ufficiale della SS che viene mandato ad Auschwitz come amministrativo dopo essere stato ferito ad una gamba. Insieme al comandante del campo decide di indire un torneo di scacchi per ufficiali tedeschi.
Nel frattempo nel campo si diffonde la voce che fra i prigionieri c’è un uomo chiamato l’orologiaio invincibile con gli scacchi. La voce arriverà presto anche a Meissner che avrà l’idea di coinvolgere l'ormai famoso prigioniero nel torneo degli ufficiali. L'idea è quella di certificare che la razza ariana è superiore a quella ebrea e nello stesso tempo dimostrare a tutti che quest’uomo non è poi così invincibile.

Per Clèment inizieranno i veri problemi in quanto non saprà come comportarsi; giocare per vincere, rischiando di umiliare e fare arrabbiare gli avversari tedeschi, oppure perdere e dare così soddisfazione all’ufficiale di turno. Presto però il torneo si farà spietato perché dalle sue vittorie o dalle sue sconfitte dipenderà la vita di altri prigionieri del campo.

Un romanzo che mi ha sorpreso in positivo in quanto spazia su diversi fronti non ultimo quello del perdono e della redenzione. Si può un giorno perdonare una tale mostruosità a cui si è stati testimoni in prima persona?. I due protagonisti si incontreranno infatti a distanza di vent’anni non più nel ruolo di vittima e carnefice ma come comuni cittadini e si sveleranno particolari che per tanti anni erano rimasti nascosti.
Il libro è molto scorrevole in quanto la storia viene raccontata su due diverse linee temporali; il 1944 all’interno del campo di concentramento di Auschwitz e il 1962 durante un torneo di scacchi ad Amsterdam.
Un ottima lettura con molti spunti che ci farà riflettere e capire che a volte il male non è dentro ogni persona o nel dna di un popolo ma che può essere esaltato od indotto da pochi ed amplificato secondo uno schema ben definito: la propaganda.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La foresta d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Questione di Costanza
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri