Narrativa straniera Romanzi storici La storia di una bottega
 

La storia di una bottega La storia di una bottega

La storia di una bottega

Letteratura straniera

Classificazione
Autore

Editore

Casa editrice

Nella Londra di fine Ottocento, le giovani sorelle Lorimer perdono improvvisamente il padre e finiscono sul lastrico. Rifiutandosi di accettare un destino che le vedrebbe divise tra i vari familiari che si sono offerti di dar loro ospitalità e protezione, scelgono di restare insieme e di sopravvivere con le loro forze: fra lo sgomento generale, si trasferiscono nell’affollata e viva Baker Street, nel centro di Londra, e aprono una bottega di fotografia. Lacerate dai dubbi, sballottate dai colpi della fortuna, eppure appassionate e tenaci, Gertrude, Lucy, Phyllis e Fanny cercano di resistere alle privazioni e di conquistarsi uno spazio nella società, difendendo un'indipendenza per nulla scontata nella tarda età vittoriana. Nel 1888, Amy Levy realizza un originale e raffinato ritratto di donne emancipate e moderne, utilizzando una metafora assolutamente calzante, quella della tecnica fotografica. Come la fotografia imprime, con leggi e codici del tutto nuovi, la realtà, stravolgendo per sempre l’arte e il concetto di immagine; nella stessa misura, le quattro protagoniste rivolgono uno sguardo più genuino alla vita, incarnando una donna, al contempo idealista e concreta, che annuncia il mutamento rapido e inarrestabile della condizione femminile alle porte del ventesimo secolo.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La storia di una bottega 2013-09-02 04:30:49 LittleDorrit
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
LittleDorrit Opinione inserita da LittleDorrit    02 Settembre, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'emancipazione nell'epoca vittoriana

Le sorelle Lorimer, sono in quattro: l'intraprendente e saggia Gertrude, la bella Phyllis, la dinamica Lucy e la fragile e bigotta Fanny.
Queste giovani donne vivono una situazione di estremo disagio; il padre è deceduto lasciandole senza protezione e senza alcun sostegno economico.
Geltrude, prende in mano le redini della famiglia e sfidando le convenzioni del tempo e le critiche della petulante zia Caroline, porta avanti, sostenuta e coadiuvata dalle sorelle, l'ambizioso progetto di mantenersi solo con le proprie forze attraverso la gestione di una bottega di fotografia.
Riescono nell'intento di mettere su la bottega e così facendo approdano in un piccolo appartamento in affitto in uno stabile di Baker street cariche di bagagli d'emotività, dubbi e timori dovuti al futuro incerto che le attende.
Secondo libro della collana Atlantide creata dalla neonata (e da me tanto amata) casa editrice Jo March, che si ripromette di riportare a galla un mondo letterario sommerso e ancora inedito in Italia
Con "la storia di una bottega" siamo di fronte ad un romanzo semplice, senza troppe pretese, che si proietta al lettore quasi come un "period drama" avvalendosi di un linguaggio lineare senza fronzoli retorici. Lo stile della Levy appare piuttosto scialbo se paragonato a quello della Gaskell di Nord e Sud ma, la scrittrice è abile ad impreziosirlo e a dargli spessore nei punti giusti.
Si entra d'impatto nella vita delle signorine Lorimer e da subito ci si appropria del bisogno di conoscerle e si è invasi da una sorta di premura nei loro confronti che rende il lettore attento e partecipe alle loro vicissitudini. Apprezzabile è la modernità del personaggio "Gertrude" che si proietta come la "new woman" del secolo a venire. È entusiasmante osservare le sue movenze e sottolineare i suoi pensieri nelle situazioni più disparate ma l'emancipazione del personaggio si disperde nel finale....troppo classico per poterlo definire innovativo. Ne consiglio comunque la lettura soprattutto a chi ama la letteratura vittoriana ed è sempre alla ricerca di nuove atmosfere e curiosità.

Trovi utile questa opinione? 
260
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La regina d'oro
Il botanico inglese
I demoni guerrieri
Storia di un fiore
Il prodigio
Notti al circo
La città fra le nuvole
La custode dei peccati
Barbablù
L'infermiera di Hitler
La saga di Vigdis
Partenza in gruppo
Il disertore
L'arte dell'henné a Jaipur
Il libro dei bambini
L'alba del mondo