La vergine azzurra La vergine azzurra

La vergine azzurra

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


È un giorno della seconda metà del Cinquecento nella Francia meridionale. Etienne Tournier fissa i suoi occhi celesti in quelli di Isabelle du Moulin, la Rossa, lo stesso nome che la gente aveva dato alla Vergine. Isabelle afferra il rastrello dalle mani di Etienne e colpisce con tutte le sue forze la statuetta! Così si annuncia la fine della fanciullezza di Isabelle, infranta come la statuetta della Vergine, e l'inizio del suo destino di donna. Un destino che resterebbe nascosto per sempre, se secoli dopo non arrivasse nel sud della Francia Ella Turner, l'americana che è perseguitata da uno strano sogno in cui le appare una veste azzurra, e per risolvere il mistero si ritrova tra le isolate montagne dove ebbero origine i Tournier-Turner.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
2.9
Stile 
 
3.5  (4)
Contenuto 
 
2.8  (4)
Piacevolezza 
 
2.8  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La vergine azzurra 2019-03-12 16:29:31 marika_pasqualini
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
marika_pasqualini Opinione inserita da marika_pasqualini    12 Marzo, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La vergine azzurra

Non abbiamo un'idea chiara di come finisca il libro, che invece è molto carino e leggibile. Partiamo dal presupposto che è il primo libro della Chevalier, per cui si doveva ancora cimentare con uno stile preciso probabilmente. La storia è appassionante, ma ci sarebbero delle lacune da colmare. Sembra che sia stato lasciato a metà perchè deve uscire il secondo pezzo. è un dispiacere arrivare alla fine perchè è molto bella anche la storia, ma manca di personalità e decisione.
Piacevole comunque.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore

La vergine azzurra 2017-04-25 16:48:16 Mario Inisi
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    25 Aprile, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Bruttino

Il libro è ben scritto ma a me non è piaciuto. Non mi è piaciuta la cornice della americana Ella Turner in cerca delle sue origini, cornice di cui si poteva fare tranquillamente a meno. Più interessante la storia dentro la cornice della povera Isabelle e dei suoi figli ma anche quella non so...andava sviluppata meglio anche nei suoi aspetti storici come Tracy sa fare tanto bene. Tutto sommato è un romanzo leggero, ben scritto, di facile lettura ma di cui si può fare a meno.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
Boccamurata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
La vergine azzurra 2015-08-14 09:49:57 MATIK
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
MATIK Opinione inserita da MATIK    14 Agosto, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La Vergine azzurra.

"Hai mai provato a guardare le cose con i miei occhi? Sei sempre così carino e riesci ad andare d'accordo con tutti, ma sempre a modo tuo. Fai sempre in modo che gli altri vedano la cose dal tuo punto di vista."
Il libro ci racconta due storie parallele:
la prima ha per protagonista Isabelle, una ragazza dai capelli rossi, che vive nella Francia del 1600 e che per l'attrazione verso colui che diventerà suo marito si converte da cattolica al calvinismo, senza riuscire mai a dimenticare la protezione e la preghiera verso la Santissima Vergine, non si sente mai completamente accettata dagli abitanti del suo villaggio a causa del colore dei suoi capelli, viene spesso associata ad una strega, il marito ben presto la maltratta e soffrirà per la perdita di sua figlia Marie;
la seconda ha per protagonista Elle, ai giorni nostri, che si trasferisce dall'America in Francia, per il lavoro del marito, rinuncia momentaneamente alla sua professione di ostetrica e si trova catapultata in una realtà piccola, dove le malelingue sono all'ordine del giorno, ben presto si renderà conto di non amare suo marito e di essere attratta da Jean-Paul il bibliotecario che l'aiuta nella spasmodica ricerca delle origini della sua famiglia.
Due donne vittime degli uomini, delle chiacchiere della gente e che annullano i loro sogni per vivere un'esistenza tranquilla e senza tante aspettative.
Questo romanzo è il primo scritto dalla Tracy Chevalier, non ha la forza dei successivi, come il capolavoro La ragazza con l'orecchino di perle o La Dama con l'unicorno, ma si nota già la sua grande capacità di ricreare atmosfere di epoche lontane con un tratto di penna delicato, poetico e raffinato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
per chi ama la Tracy Chevalier.
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
La vergine azzurra 2011-05-29 09:08:36 Lady Libro
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Lady Libro Opinione inserita da Lady Libro    29 Mag, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una delusione

Devo ammettere che questo libro non mi è piaciuto granchè. E'il secondo romanzo di Tracy Chevalier che leggo e, dopo aver letto un'autentica meraviglia come "La ragazza con l'orecchino di perla", mi aspettavo un altro capolavoro da questa bravissima scrittrice e invece è stata una vera delusione. In questo libro ci sono due storie: la prima è ambientata nel millecinquecento e la seconda ai giorni nostri. Apparentemente non hanno alcuna relazione fra loro, ma, a poco a poco che si procede con la lettura, si scopre che queste due storie hanno tantissimi elementi, personaggi e situazioni comuni nonostante le diverse epoche di appartenenza delle due protagoniste (Isabelle du Moulin nel Cinquecento ed Ella Turner nel nostro secolo le quali, tra l'altro, fanno parte dello stesso albero genealogico).
Ho trovato la storia molto noiosa, monotona, soporifera e sempre ferma allo stesso punto, tant'è che ho impiegato mesi per terminare la lettura di questo noiosissimo e interminabile romanzo (se c'è una cosa che non sopporto è quella di non concludere la lettura di un libro, perciò ho fatto un grosso sforzo per terminare "La vergine azzurra"). Ho provato inoltre una profondissima antipatia per Ella (che è una paranoica colossale capace soltanto di piagnucolare e trangugiare caffè a tutte le ore) e per Rick, il marito di lei, (che ho trovato incredibilmente superficiale, irritante e imbecille. In pratica un tipo tutto muscoli e niente cervello. Mi domando come Ella abbia fatto a sposare un beota del genere...). La storia ambientata nella nostra epoca è stata una pesantezza assoluta, mentre ho gradito un po' di più la storia ambientata nel passato anche se, secondo me, la Chevalier avrebbe dovuto approfondirla di più: ha lasciato troppe cose in sospeso e si affida troppo all'intuizione del lettore. Inoltre il finale è terribilmente affrettato e privo di logica, come se l'autrice non vedesse l'ora di terminare il libro scrivendo una conclusione veloce ma insensata.
Non saprei se consigliare la lettura di questo libro. Se amate Tracy Chevalier e i suoi romanzi, allora vi consiglio di leggerlo per soddisfare la vostra curiosità (proprio come ho fatto io), altrimenti lasciate perdere. L'unico, autentico e vero capolavoro di Tracy Chevalier per me sarà sempre e soltanto "La ragazza con l'orecchino di perla" che mi è rimasto nel cuore, a differenza di questo che ho considerato il suo libro meno riuscito.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
La ragazza con l'orecchino di perla e i vari libri della Chevalier
Trovi utile questa opinione? 
112
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Lena e la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Canta, spirito, canta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
Un caso speciale per la ghostwriter
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Le maledizioni
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni riferimento è puramente casuale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Alba nera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Chiedi alla notte
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Cose più grandi di noi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cronaca nera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mars room
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
La macchina del vento
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La gabbia dorata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri