Narrativa straniera Romanzi storici Le donne dei faraoni
 

Le donne dei faraoni Le donne dei faraoni

Le donne dei faraoni

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Le donne egiziane, ai tempi dei faraoni erano considerate spiritualmente e materialmente uguali agli uomini. In queste pagine Christian Jacq ci invita a fare la loro conoscenza: donne di potere come le regine e le "grandi spose regali", mogli, madri, amanti, lavoratrici, sacerdotesse, donne d'affari, nutrici... E, oltre alla vita delle più celebri tra loro, ci descrive il mondo meno noto di una donna-visir, delle donne scriba, delle musiciste dei templi. La civiltà dei faraoni assegnò alla donna uno status eccezionale in confronto a tutte le altre culture del mondo antico, status che nemmeno le società moderne hanno saputo eguagliare.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Le donne dei faraoni 2013-10-07 08:12:26 C.U.B.
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    07 Ottobre, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non solo piramidi

L'Egitto faraonico ha dischiuso le porte dei suoi segreti nel 1822, quando Champollion riusci' a decifrare i geroglifici, portando alla luce tanti segreti di questa incredibile civilta'. 
Christian Jacq ci propone un saggio estremamente appassionante ed approfondito su una realta' tra le piu' affascinanti della storia egizia : la donna. Con penna romanzata da abile divulgatore - scordatevi l'effetto ateneo o Lonely Planet - attingendo da studi documentati di traduzione di geroglifici, di papiri e scene dipinte nelle tombe,  l'autore abilmente ed amabilmente ci offre un viaggio di sola andata nel mondo femminile dell'antico Egitto.
Sappiate, voi popolo contemporaneo ed evoluto, che ancora non avete raggiunto il livello sociale che cinquemila anni fa , in un regno nel nord dell'Africa, era routine. 
Non e' un banale inno al femminismo quello che canto, e' molto di piu' : ai tempi delle dinastie faraoniche nessun sesso prevalse sull'altro. Si chiama uguaglianza e dopo aver terminato questo libro vi accorgerete che l'umanita', dopo la caduta dei faraoni, ha subito globalmente una  regressione evidente.
Le donne come gli uomini potevano accedere alle piu' alte cariche politiche e religiose, vi risulta che oggi, in qualsiasi religione, ci siano donne in qualita' di massimo esponente ?
Nell'antico Egitto la donna aveva la stessa tutela legale dell'uomo, poteva scegliere di sposarsi o divorziare, dopo il matrimonio manteneva il proprio nome - che era espressione della sua individualita'- , aveva potere patrimoniale.
Il libro conta una prima parte dove vengono presentate alcune delle donne piu' potenti e carismatiche : la Regina Iside, Merneith - forse il primo faraone donna - , Nitocris - la prima donna ufficialmente faraone-, Nefertari - sposa del Dio-, Nefertiti - sposa del Sole -, e tante  altre.
Nella seconda parte resta la descrizione particolare di alcuni personaggi femminili ma spaziando su un orizzonte piu' ampio a descrivere la vita sociale vera e propria : l'agricoltura ed il ruolo che la donna aveva nei campi o come proprietaria terriera e commerciante, nella medicina , nell'artigianato, nel sacerdozio, in tribunale, in famiglia. E ancora l'importanza della bellezza per le donne di questa antica epoca, dove la sensualita' non era ostentazione di erotismo ma evocazione dei sensi attraverso l'uso di profumi deliziosi -espressione di manifestazione degli dei sulla terra - di cosmetici, parrucche, gioielli e lapislazzuli, oro e abiti leggeri e attillati...

Il libro e' di lunghezza media ma per come e' strutturato ogni capitolo e' indipendente, quindi puo' essere facilmente sospeso e ripreso piu' volte. E' un manuale di nozioni a me sconosciute e imperdibili, drammaticamente fuori catalogo e' facile trovarlo usato.
Io vi consiglio di non perderlo ed esorto le case editrici a rivalutarlo, che peccato buttare via un lavoro del genere, che peccato. Che stupidaggine, che spreco.
Buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
230
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La regina d'oro
Il botanico inglese
I demoni guerrieri
Storia di un fiore
Il prodigio
Notti al circo
La città fra le nuvole
La custode dei peccati
Barbablù
L'infermiera di Hitler
La saga di Vigdis
Partenza in gruppo
Il disertore
L'arte dell'henné a Jaipur
Il libro dei bambini
L'alba del mondo