Messe di sangue Messe di sangue

Messe di sangue

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Dalle «vie del sangue» alle «vie della speranza», Messe di sangue narra l'epopea di una famiglia che, per fuggire alla miseria, decide di emigrare verso Sào Paulo, alla ricerca di un pezzo di terra da coltiva- re. Siamo negli anni Trenta, subito dopo il crollo del mercato del caffè: è un periodo segnato da aspri conflitti sociali, da rivoluzioni e controrivoluzioni, attraversato da profeti dell'apocalisse come il beato Estevao e da banditi efferati come il cangaceiro Lucas Avoredo. Ma a dominare è la terra, dispensatrice di vita e di morte. Amado rivive questo dramma collettivo, destinato a sfociare in un bagno di sangue insieme politico e rituale, con una grande attenzione alla sensibilità popolare, ai miti e al folklore.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Messe di sangue 2012-06-26 15:52:05 enricocaramuscio
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
enricocaramuscio Opinione inserita da enricocaramuscio    26 Giugno, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una messe scarlatta di sangue e di fame

Brasile, anni 30. Nel sertao la vita dei contadini è resa sempre più dura da un regime di mezzadria che rasenta la schiavitù. I sertanejos sono costretti a spezzarsi la schiena sulle terre dei colonnelli in cambio di poco più di niente, senza poter avanzare alcun diritto e con l'incubo di essere cacciati via da un momento all'altro. Ma per chi resta non c'è alternativa a meno di trasformarsi in cangaceiro o in pellegrino, seguendo rispettivamente il famigerato bandito Lucas Arvoredo o il mite e beato Estevao. Chi invece abbandona il sertao è costretto ad affrontare un lungo ed impervio viaggio a cui pochi riescono a sopravvivere, e di questi non tutti arrivano realmente a migliorare la loro vita. Amado racconta questo difficile momento storico attraverso le vicende della famiglia di Jeronimo e Jucundina. Questi hanno già perso tre figli, andati via da casa per cercare una vita migliore: chi è entrato nell'esercito, chi nella polizia militare, chi è diventato bandito. Ora, cacciati dalla terra su cui lavoravano, sono costretti a intraprendere un duro viaggio verso Sao Paulo, sorta di terra promessa in cui ripongono tutte le loro speranze. Ma la traversata sarà dura e difficile e non tutti sopravviveranno e giungeranno a destinazione. Con i suo stile unico e inconfondibile, l’autore riesce a miscelare la durezza e il realismo del racconto con una prosa dolce e raffinata, riuscendo a creare un'atmosfera quasi magica che accompagna il libro anche nei momenti più crudi. Notevole la cura dei particolari, ottima la descrizione dei personaggi. Tra tutti spiccano Marta, ragazza dal cuore d'oro interamente dedita alla famiglia e che per la famiglia sacrificherà l'amore e l'onore, e Nenen, coraggioso e carismatico, che nelle file del partito lotterà per cercare di migliorare la situazione dei contadini e di chiunque abbia difficoltà a sopravvivere. E poi la tenera e sfortunata Noca, la folle Zefa, il saggio Jeronimo, l'impavido Josè e tanti altri. Ma una sola è la vera ed inequivocabile protagonista del libro: la fame. La fame che costringe a subire i torti, che spinge alla fuga, che acceca gli animi e porta le persone a diventate peggio degli animali e compiere gesti di impensabile bassezza. La fame che porta alla ribellione, che può sfociare nel banditismo, nella violenza fine a se stessa, ma se incanalata nel verso giusto, come nel caso di Nenen, può portare all'inseguimento di un ideale di giustizia ed equità che renda il mondo più equilibrato e giusto e permetta a chi per anni ha sofferto di raccogliere i meritati frutti. Ed è proprio questa la speranza con cui Amado chiude questo straordinario libro, esprimendola con queste bellissime parole:”I germogli del dolore e della rivolta crescevano, per quella messe scarlatta di sangue e di fame era giunto il tempo del raccolto”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
"Furore" di John Steinbeck
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La regina d'oro
Il botanico inglese
I demoni guerrieri
Storia di un fiore
Il prodigio
Notti al circo
La città fra le nuvole
La custode dei peccati
Barbablù
L'infermiera di Hitler
La saga di Vigdis
Partenza in gruppo
Il disertore
L'arte dell'henné a Jaipur
Il libro dei bambini
L'alba del mondo