Narrativa straniera Romanzi storici Nel cuore della notte
 

Nel cuore della notte Nel cuore della notte

Nel cuore della notte

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Dopo La famiglia Aubrey, Nel cuore della notte è il secondo capitolo della trilogia di Rebecca West. È trascorso qualche anno da quando abbiamo salutato la famiglia Aubrey. Le bambine non sono più tali: i corsetti e gli abiti si sono fatti più attillati, le acconciature più sofisticate; l’ozio delle giornate estive è solo un ricordo. Oggi le Aubrey sono giovani donne, e ognuna ha preso la sua strada: le gemelle Mary e Rose sono due pianiste affermate e vivono le difficoltà che comporta avere un talento straordinario. La sorella maggiore, Cordelia, ha abbandonato le velleità artistiche per sposarsi e accomodarsi nel ruolo di moglie convenzionale. La cugina Rosamund, affascinante più che mai, lavora come infermiera. La madre comincia piano piano a spegnersi, mentre il padre è sparito definitivamente. Poi c’è lui, il piccolo Richard Quin, che si è trasformato in un giovane seduttore brillante e, sempre più, adorato da tutti. La guerra, che piomberà sulla famiglia come una catastrofe annunciata, busserà anche alla sua porta, e sconvolgerà ogni cosa. Mentre l’Inghilterra intera è costretta a separarsi dai suoi uomini, l’universo delle Aubrey si fa sempre più esclusivamente femminile: gli uomini e l’amore rimangono un grande mistero, un terreno inesplorato da attraversare, pagine ancora tutte da scrivere che, forse, troveranno spazio nel prossimo volume di questa appassionante saga familiare.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.1
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Nel cuore della notte 2019-02-13 16:39:04 68
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    13 Febbraio, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Reale cangiante e spirito indomito

Nel cuore della famiglia Aubrey la vita sta cambiando ed è già cambiata; Rose e Mary coltivano il proprio talento di pianiste, Cordelia ha abbandonato la speranza di essere una violinista per inseguire un matrimonio di convenienza, Richard Quinn è un giovane acuto ed amabile, Rosamund sta studiando da infermiera, papà se ne è andato, forse è’ morto, mamma vive per le figlie rimpiangendo e sostituendosi al marito scomparso.
Rose continua il lungo racconto consapevole che i propri genitori non sono mai stati in grado di fare tutto ciò che le persone normali trovano semplice, ma anche capaci di esprimere gesti impensabili.
Figure diverse, un padre dissolto che non ha saputo amare la vita più che la propria famiglia, una madre che ha fatto della esclusione di ogni ovvietà il proprio talento.
Una infanzia disagiata ( nella percezione e nei fatti ) ha consegnato alle sorelle Aubrey la speranza di qualcosa di diverso dal semplice essere donne, cercando di cogliere le opportunità del mondo.
Le bambine di ieri sono oggi giovani donne, inglobate in rapporti stemperati da un gentile distacco e da una consapevole accettazione di una fragile diversita’; tutte loro, ai propri occhi ed a quelli altrui, sono cambiate, niente di cui meravigliarsi, il mondo stesso sta cambiando.
Cordelia non è mai stata amata, sempre gelosa ed ipercritica verso tutti, al contrario di Richard Quinn, un giovane maturo dalle idee e dall’ eloquio brillante, così diverso dalle sorelle ed iperprotettivo nei loro confronti, che non serba rancore e vive assecondando un piacere fisico e mentale.
Nel frattempo Rose dubita del proprio talento artistico e di quello di Mary e viene da lei rassicurata in quel lungo e complicato percorso che è la strada verso il successo.
Spesso il personale e problematico rapporto con il mondo sta nella propria lontananza da esso, un luogo in cui gli uomini sono così orribili e non resta che il rifugio della propria infanzia, l’ amata musica.
Una casa colorata di felicità se non fosse sopraggiunta la guerra, annullamento della vita estraneo a qualsiasi volontà, il presente un capezzale a cui sedersi e su cui soffermarsi a riflettere tra partenze dolorose ed un universo femminile necessariamente condiviso.
Il futuro, ad eccezione della musica, pare un deserto, immerso in una sorprendente feroce disperazione, il passato irrecuperabile e tenebroso, inesplorato ed inesplorabile, ma più tenero di quanto si credesse.
Tutto in fondo è destinato a cambiare, cessare, dissolversi, eccetto la certezza di un amore e di quello che non si è riusciti a fare, riflessione protratta nel cuore di una lunga notte…
Secondo capitolo della saga degli Aubrey, vissuto dagli occhi e dalla prospettiva di Rose, distillato e concentrato cangiante di un piccolo-grande mondo femminile, specchio di sensazioni mutate e certezze consolidate.
La fragilità sentimentale, l’ incertezza infantile ed il puro egocentrismo hanno lasciato il passo al progressivo e tortuoso cammino nel reale, a gusti precisi e scelte definitive, a dolorose assenze e distacchi obbligati, alla crudeltà della guerra, ad una cognizione di se’ che è ormai presenza costante e non sempre condivisa, ad un progressivo dissolvimento famigliare, una vita che si allontana dalla calda presenza materna e dalla sofferta assenza paterna assumendone doni e responsabilità, l’ arte come compagna di vita e rifugio anche di concretezza.
Uno stile fluido, godibile, classicamente moderno accompagna una narrazione che sa scavare e mostrare profondità relazionale e forza del desiderio, ma anche fragilità ed interrogazione, coniugando realtà ed apparenza, espressioni di una forza amorosa ed artistica che continua a costituirne il marchio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Nel cuore della notte 2019-02-07 05:41:02 siti
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
siti Opinione inserita da siti    07 Febbraio, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Per una nuova alba


Secondo capitolo della trilogia dedicata alla famiglia Aubrey, naturale proseguimento in termini puramente narrativi di una vicenda già ben delineata nel primo volume, eppure accessibile anche ad una lettura isolata visto il buon raccordo offerto all’inizio. La voce narrante, Rose, ripercorre infatti la vita della sua famiglia per poi seguire, sul filo della memoria, i successivi sviluppi. Lei e le sue sorelle affrontano l’ingresso nella vita adulta: è il momento di inquadrare il proprio destino, consapevoli dei sacrifici necessari per perseguire la carriera da pianiste professioniste o per accettare la propria identità e percorrere nuove strade. È il doloroso momento della crescita ad essere rappresentato qui, quello che porta alla definizione più chiara della propria identità e che al contempo misura, irrimediabilmente, la distanza dal nucleo familiare: sorelle e fratelli diventano universi distinti ai quali non è poi così spontaneo o opportuno accostarsi come in passato e gli stessi genitori assumono una nuova identità, filtrata stavolta dalla maturata consapevolezza degli occhi di chi li vede e della mente e del cuore che li decodificano. La famiglia Aubrey, dunque, quell’universo atipico e compatto rappresentato nel primo volume non c’è più, qui ci sono i brandelli, i superstiti, eppure ancora capaci di aggregare a sé persone, affetti, amicizie vere. Il tempo scorre sempre lento, la lettura fiocca, una placidità ristoratrice accompagna il lettore e lo sorprende con le difficoltà della vita mentre irrompe la prima guerra mondiale a generare fratture insanabili e a modificare delicati equilibri. È la notte , il cuore della notte, il suo momento topico, il più buio, consegnato ad un epilogo commovente, delicato e struggente al tempo stesso, degno di una narrazione pacata, impalpabile dallo stile inconfondibile, una prosa limpida e chiara, avvolgente e rasserenante. Buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La famiglia Aubrey
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Delitti senza castigo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lena e la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Canta, spirito, canta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
Un caso speciale per la ghostwriter
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Le maledizioni
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni riferimento è puramente casuale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Alba nera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Chiedi alla notte
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Cose più grandi di noi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cronaca nera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mars room
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
La macchina del vento
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri