Narrativa straniera Romanzi storici Tutto ciò che sono
 

Tutto ciò che sono Tutto ciò che sono

Tutto ciò che sono

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Anna Funder ci offre un romanzo che racconta uno dei più cupi periodi della storia tedesca attraverso la lotta di quattro giovani contro l'ascesa di Hitler e della dittatura nazista. Basata su fatti realmente accaduti, la vicenda dei quattro ragazzi ci porta dritti nel cuore della prima resistenza al potere nazista. Siamo nella Repubblica di Weimar e la società brancola nel caos, attraversata da fermenti contrastanti e pronti a esplodere. Sullo scenario dell'inarrestabile ascesa del nazismo, la lotta clandestina di Dora Fabian e dei suoi compagni di una vita brilla di un entusiasmo puro e scanzonato, di un eroismo e una passione per la libertà unici. Le loro vicende umane e politiche, segnate dall'amore così come dalla sofferenza dell'esilio, del distacco e della persecuzione, ci accompagnano fino al tragico epilogo facendoci respirare l'atmosfera cupa della dittatura nazista.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Tutto ciò che sono 2016-09-04 17:06:44 memini91
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
memini91 Opinione inserita da memini91    04 Settembre, 2016
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Grido disperato...poi pianto.

Era il 1933 e Hitler aveva da poco preso il comando del disastrato territorio tedesco, da non molto risorto dalle ceneri della prima guerra mondiale.

“Fu allora, credo, che noi cinque diventammo un gruppo, una costellazione a cinque punte tenuta insieme da forze che non potevamo vedere: Dora, Toller, Hans, Bertie e io (Ruth).”

L’ascesa al potere del dittatore tedesco costrinse i giovani ad abbandonare la propria patria per portare avanti il proprio progetto politico di resistenza dalla pacifica Inghilterra.
Tuttavia, anche se protetti da visti inglesi, per i cinque non fu facile sopravvivere alle continue minacce provenienti direttamente dal governo di Berlino. Fortunatamente per Dora Fabian nulla era impossibile e, grazie alle sue capacità oratorie e strategiche, il gruppo riuscì a far penetrare in territorio inglese alcuni documenti privati del nuovo Reich. Nonostante questa favorevole condizione il pericolo era sempre in agguato.

"I nostri visti inglesi ci proibivano anche di fare ‘attività politica di qualsiasi genere`. Ma la nostra vita aveva un senso solo se potevamo continuare ad aiutare la Resistenza in Germania e cercare di avvertire il mondo delle intenzioni bellicose di Hitler."

Questo era il compito che il piccolo gruppo si era prefissato di portare a termine poiché l’Inghilterra, come il mondo intero, non sembrava accorgersi di ciò che Hitler stava tramando alle sue spalle.
Il dolore e la determinazione dei cinque traspare dal ricordo della loquace Ruth e dell’infelice Toller, i cui occhi permettono al lettore di comprendere cosa significhi provare un sentimento d’amore incondizionato verso un essere umano e, nel contempo, combattere contro tutto e tutti per riuscire a realizzare il proprio sogno.

"Sono vuoto. Ricordando Dora, sono riuscito a riportarla qui. Ma a conti fatti era meglio vivere con l’idea che un giorno l’avrei ritrovata. Adesso che l’ho rievocata e messa su carta è più morta di prima. Sono l’unica persona che la porta con sé?"

Queste sono le struggenti parole di un amante, Ernst Toller, costretto a privarsi di colei che fu la sua unica ragione di vita.

Tutto ciò che sono di Anna Funder è un testo in grado di raccontare, attraverso un giusto equilibrio di tragicità e slancio eroico, l’esperienza di un gruppo di giovani tedeschi disposti a tutto, anche a sacrificare se stessi, pur di mostrare al mondo il vero volto di Adolf Hitler e della violenta Germania nazista riuscendo ad arrivare dritto al cuore del lettore fino a commuoverlo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consiglio questo testo a tutti coloro che sono amanti della storia e delle piccole storie facenti parte di un puzzle storico-politico di portata mondiale.
Sicuramente un testo molto ben scritto...tanto ben scritto da riuscire a emozionare anche il lettore più distaccato.
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale della terra
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri