Narrativa straniera Romanzi Antigua, vita mia
 

Antigua, vita mia Antigua, vita mia

Antigua, vita mia

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

La vita di due donne, Josefa e Violeta, amiche fin dall'infanzia si dipana attraverso le righe di un vecchio diario che ci narra di sogni, di grandi passioni e di profonde delusioni, di uomini dall'apparente fascino e dalla natura brutale, di figli, di unioni sbagliate. Sullo sfondo la società cilena e, in ultimo, la città di Antigua, dove le parole conservano ancora la loro verità, dove si è certi di poter conoscere gli altri e la propria anima come per incanto. Qui le due donne ritrovano se stesse, oltre alla loro preziosa amicizia.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0  (3)
Contenuto 
 
4.0  (3)
Piacevolezza 
 
3.7  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Antigua, vita mia 2016-09-30 10:03:39 C.U.B.
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    30 Settembre, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'ultimo bosco di una viola cilena

Marcela Serrano non scrive libri per donne, scrive libri di donne.
In questo romanzo sono Violeta e Josefa, amiche fin da bambine, architetto la prima e cantante di fama la seconda. Le vite turbolente delle cilene percorrono sentieri che dividono, per poi giungere ad un approdo comune, cercato trovato consolidato.
Sebbene le protagoniste siano due, le fitte vicende creano un effetto corale dove i tanti personaggi non sono solo citazione ma figure attive , transitive, di impatto .
Il Cile intellettuale dove dalle lotte comuniste ci si trascina verso la repressione, fino alla tappa in cui gli ormai adulti figli degli anni Sessanta siedono a tavola con le labbra assopite in un rum ghiacciato, ricordando con nostalgia i tempi in cui si fremeva per un ideale.

E’ un testo dai connotati tipicamente sudamericani, dove la tavola e’ imbandita in maniera generosa di grandi passioni amorose e di tristi sconfitte, di successi professionali e di fallimenti inesorabili, di guerriglia e di pace. La scrittura piacevole friziona lo sviluppo denso con frequenti flash back che dovrebbero dipanare la storia, mentre compromettono la linearita’ del filo temporale. Del resto un po’ di confusione e’ lecita, un sudamerica dallo stile ordinato ed asettico sarebbe poco coerente.

Oltre i pregi ed i difetti, quello che piu’ ho amato e’ lo slancio descrittivo dispensato audacemente e poeticamente dalla Serrano.
La vitalita’ di oggetti , luoghi interni e paesaggi e’ di un’intensita’ e di una bellezza sbalorditiva. Ogni dettaglio inanimato toccato dalla penna si elettrizza, coalizza e catalizza, quasi il resto passasse in secondo piano.
E’ un libro di pane caldo appena sfornato, di un frutto tropicale dalla polpa rossa solcata da sfumature fucsia, di arazzi tessuti a mano in un’infinita’ di verdi.
Il silenzio rigoglioso di un giardino interno e un’antica trave restaurata. Sono collane e strati di tessuto, marmellate profumate e libri e luce e pioggia tiepida e un'orchidea bianca per una notte d'amore.

Se le vicende di Violeta e Josefa sfumeranno col tempo, non dubito mi restera’ impresso il tratto di questo scritto e le ore trascorse insieme , immaginando e ricreando gli spazi letti. Fino ad Antigua, decantata da una scrittrice cilena in un romanzo che ,in apoteosi artistica, non potrei che volere dipinto sulle tavole messicane di Frida Kahlo. Succederebbe così che le canzoni tradizionali cilene accompagnerebbero il tintinnio dei monili sulle mani in febbrile movimento, sono donne che esprimono in se stesse un intero Paese.

E' un viaggio zaino in spalla a mente libera, poi il libro giusto nel momento azzeccato.
Buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Antigua, vita mia 2012-08-16 17:05:40 petra
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
petra Opinione inserita da petra    16 Agosto, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

perdersi per ritrovarsi

Josefa e Violeta si conoscono sin da bambine; la loro è un’amicizia solida, indissolubile, una comunione fra due personalità distanti eppur complementari. Violeta, con il suo idealismo, la sua vulnerabilità, il suo sguardo a tratti ingenuo sul mondo ; Josefa, con il suo pragmatismo, il suo disincanto, la sua razionalità. In apparenza due mondi agli antipodi che, nella realtà, non sono poi così distanti.
“Sì , Violeta cantava alla vita. La cantò fino al punto di maledirla…con l’illusione intatta, che un giorno, il destino degli uomini sarebbe cambiato”
Nell’intreccio delle loro vite si consuma la tragedia, improvvisa e violenta, di Violeta: per un momento sembra la fine di tutto, un punto di non ritorno per la loro amicizia. Sarà invece l’inizio di un nuovo, lungo percorso, che porterà le due donne a rivedere le loro scelte;si fa strada in entrambe il desiderio di una nuova consapevolezza, di una vita più aderente al proprio mondo interiore. Dopo il dramma Josefa sente, improvviso, il bisogno di narrare la loro amicizia. Scavando a fondo nelle radici della storia dell’amica rievoca la sua esistenza e comprende meglio la propria.

“MY LIFE IS A PAGE RIPPED OUT OF A HOLY BOOK
AND PART OF THE FIRST LINE IS MISSING”
“La mia vita è una pagina strappata a un libro sacro / e parte della prima riga è andata perduta”
(Adrienne Rich)

La ricerca di questa prima riga, la ricerca di una risonanza della propria vicenda in quella delle proprie antenate guida Josefa in questo percorso di rinnovata consapevolezza. Poco importa se ognuna delle due protagoniste ha un vissuto profondamente diverso, i propri tempi, la propria personalità: lo sforzo di ricostruire tutto dopo un trauma, dopo che qualcosa si è spezzato in noi o nella nostra esistenza è sempre un percorso lento e doloroso. Non ci sono ricette preconfezionate, non ci sono facili suggerimenti: ognuna trova dentro sé, nella propria storia, la forza per affrontare il dolore, cercare di guarirlo e farne germogliare una nuova coscienza di sé.
Antigua rappresenta il luogo della rinascita: Antigua permetterà loro di ripartire da zero. “Sono arrivata ad Antigua con i pori della pelle sigillati. Solo ad Antigua sono riusciti ad aprirsi. Questa città sì che ha nella pelle la pelle dell’America”.

E’ un libro appassionante e appassionato, molto intimista; la Serrano sa indagare con delicatezza e maestria la complessa psicologia femminile ,soffermandosi sulle debolezze ma anche sulla immensa forza interiore delle donne, forza che, paradossalmente, risiede in buona parte nella loro sensibilità.

“Una donna è la storia delle sue azioni e dei suoi pensieri, di cellule e neuroni, di ferite e di entusiasmi, di amori e disamori. Una donna è inevitabilmente la storia del suo ventre, dei semi che vi si fecondarono , o che non furono fecondati, o che smisero di esserlo, e dal momento , irripetibile, in cui si trasforma in una dea. Una donna è la storia di piccolezze e banalità, incombenze quotidiane, è la somma del non detto. Una donna è sempre la storia di molti uomini. Una donna è la storia del suo Paese, della sua gente”


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Antigua, vita mia 2012-07-27 11:24:16 Ally79
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Ally79 Opinione inserita da Ally79    27 Luglio, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Donna Marcela

Josefa e Violeta.Amiche dall’infanzia.Unite da travagli,dolori,gelosie.
La vita che scorre intorno.Il bisogno di fermarsi per ricominciare.Ad Antigua….vita mia.

Figlie.
Amiche.
Fidanzate.
Amanti.
Mogli.
Lavoratrici.
La Serrano dipinge noi donne a 360 gradi.
Ma se la Mannoia ci descrive come “dolcemente complicate”la nostra scrittrice cilena ci và giù molto più duro:affondando,scavando,attingendo a mani piene nel nostro animo.
Il ritratto non è dei più lusinghieri:siamo impaurite,spesso stanche,tese,piene di necessità e di desideri che cerchiamo di appagare con ogni mezzo.Spesso sbagliato.
Ma su questo quadro non troppo confortante emerge il nostro grande dono: l’immensa capacità che possediamo di amare.
Di amare sempre,ancora,di nuovo,anche dopo che qualcuno ci ha scaraventate a terra.
Noi ci rialziamo e amiamo.
Perché in fondo l’amore è tutto quello che chiediamo.Sempre è stato e sempre sarà.

Avevo lasciato questo libro a metà un po’di tempo fa.Ma poi ci sono dovuta tornare sopra.
Perché la Serrano a volte ti fa male,ti ricorda chi sei e quanto sei sbagliata.
Ma com’è che si dice?Non si fugge da ciò che si è.
Allora consiglio questo libro o uno dei tanti che ha scritto a voi donne.
Maschietti voi lasciate stare.
Scusateci ma questo nostro mondo non vi appartiene

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.7 (5)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri